Pollychi?

31-08-2007

Pollycoke? Mai sentito…
Ah si, QUEL Pollycoke… beh, figliolo,
lascia che ti dica una cosa:
Pollycoke, o si odia, o si ama (la pupa non conta, in questo caso!).
Tutto qui.

Come dici? Ah, QUELLA storia lì… E quell’altra… sì, sì… sai cosa ti dico?
Che l’invidia è una brutta bestia, figliolo.

pollycoke

E ora vai a studiare, che sennò diventi ricco.*

(* questa è mia, lo so che la adorate, ma se la citate, se vi va, citate anche me :-D )

Wikicity: ROMA

31-08-2007

Apprendo del progetto Wikicity Rome, ideato al MIT di Boston.

L’aumento vertiginoso dei sensori e dei dispositivi elettronici (cellulari, ad esempio, o GPS, Router wireless, eccetera) permette uno studio “in tempo reale” di come la città si muove, e di come si trasforma.

wiki-city-rome

Sono convinto che, a saper leggere BENE i dati, se ne ricavano diverse cose interessanti, forse utili per pianificare futuri interventi.

Ma quanti siete?

31-08-2007

Vi faccio vedere questa schermata… sono apparsi in cinque, nel giro di 20 secondi… ma QUANTI SIETE? :-)

gtalk2

Ottima intervista di Lifehacker a Mark Shuttleworth, il fondatore di Ubuntu.

Ad essere sinceri, ma davvero sinceri, NULLA di nuovo… quasi quasi poteva intervistare me, gli avrei detto le stesse cose :-)

Direttamente da Jono Bacon (perchè non da Mark?) è giunto poche ore fa l’annuncio del nome della nuova release di Ubuntu prevista per aprile 2008: Hardy Heron, che in italiano si traduce con “Airone Ardito”.

hardy-heron_ubuntu-8-04

Si tratta di una release LTS, ovvero Long Term Support: in sostanza, la versione server verrà supportata per 5 anni, quella Desktop per 3 anni (invece dei canonici 18 mesi).

Jono (che ho conosciuto ad Ubuntu Live, e che ha assistito interessato alla mia presentazione di UbuntuSemplice :-D) non fornisce altri particolari importanti, ma suggerisce solo di comunicare le proprie idee, che verranno poi discusse all’Ubuntu Developer Summit di Boston, in ottobre 2007.

NO, NON CI VADO… non ho soldi a sufficienza :-)

Vi lascio con una mia “opera d’arte”, spero vi piaccia:

ubuntista strip

Adoro le icone di Oxygen, sono veramente carine e ben fatte.
All’improvviso le ho ritrovate in uno screenshot di Gnome… no, non può essere!
E invece sì! Oxygen per Gnome (Neffscape).

oxygen_gnome

Pensavate che Solaris fosse esoso di risorse? Beh, un pochino si… ma non troppo.
Questo tizio l’ha fatto funzionare con 300 dollari di hardware.