Tallinn

29-06-2008

Sono appena arrivato a Tallinn, dove:
– sono tutte grandi gnocche;
– la connessione internet è un “human right down here”, a detta del concierge.
– c’è il sole, si sta benissimo, ma NON SI MUORE DAL CALDO… non vi invidio laggiù :-)

Qui trovate le mie slides sul Cloud Computing (a Copenhagen), e qui qualche foto del buon Luca.

Update: qui invece le mie foto di Tallinn.

Annunci

Venerdì a Milano

17-06-2008

Questo venerdì sarò a Milano.
Se vi interessa parlare con me di Amazon Web Services, o se conoscete qualcuno che può essere interessato, contattatemi e fatemi sapere: simoneb chiocciola amazon do0t com.

Trovate i miei spostamenti qui.
Grazie!

RailsConf

01-06-2008

Devo ammetterlo: Ruby on Rails promette bene, e la community va davvero forte.

Oltre 1700 persone erano al RailsConf di Portland (OR). Quasi tutti conoscevano, o usavano,gli Amazon Web Services :-)

Questo è David Heinemeier Hansson, il creatore di Ruby on Rails (37signals).

David Heinemeier Hansson railsconf

P.S. Se cercate lavoro all’estero, Amazon è in cerca. Anche, ma non solo, Ruby e/o Rails.
Fatemi un fischio con i vostri dettagli.

Qui alcune foto di Railsconf (licenza Creative Commons).. e qui una serie di messaggi nella Message Board.

Se vi piace, diggatelo!

Mi chiamo Simone Brunozzi, ho 31 anni, sono italiano.
La cosa interessante è che sono appena diventato un Technology Evangelist per gli Amazon Web Services in Europa!

Ora vi racconto come sono riuscito ad ottenere il lavoro dei miei sogni, e vi consiglio di prestare attenzione perché è una storia che non leggete tutti i giorni.

Era un giorno qualsiasi in Italia, il 28 novembre 2007, quando ho fatto login in Second Life. Avevo pianificato di visitare la Luxembourg Virtual Job Fair per riportare le mie impressioni nel mio blog su Second Life. Stanco di essere un qualsiasi amministratore di sistema all Università per Stranieri di Perugia, senza prospettive di carriera di fronte a me, ero in cerca di un nuovo lavoro, e la Fiera era quindi una buona occasione per guardarmi intorno.

Atterrato sull’isola col mio Avatar, a circa mezz’ora dalla conclusione, notai subito che, oltre alle previste compagnie finanziarie e bancarie, c’era anche… Amazon.com! Un momento, ho pensato, cosa ci fa la grande Amazon.com in un piccolo posto come il Lussemburgo?

Dovete sapere che lavorare in una azienda come Amazon, Google, Ebay or Yahoo è stato il mio sogno da quando ho vissuto una esperienza di studio in California nel tardo 2003; senza esitazioni, quindi, sono andato subito a controllare.

Mi sono presentato allo stand di Amazon.com, col mio Avatar ben vestito e con pelle e corpo customizzati, oltre al fatto che tale avatar riporta il mio stesso nome, Simone Brunozzi (non chiedetemi come l’ho ottenuto perchè è un segreto). Le fiere virtuali del lavoro non sono una cosa comune, certo, ma avendo usato Second Life per circa due anni, e avendo guidato uno dei più grandi progetti in Second Life, la costruzione della Basilica di San Francesco di Assisi (SLURL), ero rilassato e sicuro di me, capace di muovermi e interagire come un professionista.

Ho quindi incontrato Jennifer, del dipartimento di Risorse Umane di Amazon.com a Seattle, la quale mi ha spiegato cosa Amazon stava facendo in Lussemburgo, quali posizioni lavorative erano disponibili, e altri dettagli su quella più interessante: Evangelista Tecnologico per gli Amazon Web Services.

Stanco di essere un programmatore, un amministratore di sistema, o altri tipi di tecnico puro, e non essendo in grado di distinguermi in un campo particolare a causa della mia esperienza diversificata, stavo cercando un lavoro in cui le mie competenze trasversali potessero avere un valore, insieme alle mie capacità espositive e la mia attitudine naturale nel creare contatti con le persone. Il ruolo dell’Evangelista, quindi, era un match perfetto.

In sostanza, un Technology Evangelist per Amazon rimane aggiornato con la tecnologia dei Web Services, viaggia spesso per presentare AWS alle conferenze e altri eventi simili, scrive codice di tanto in tanto, e incontra persone e sviluppatori per essere la voce, e l’orecchio, dell’azienda. Il lavoro dei miei sogni.

Il colloquio con Jennifer andò alla grande, sia per le mie capacità e competenze, ovviamente, ma anche grazie alla mia esperienza con Second Life. Posso immaginare che abbia sprecato metà del tempo a spiegare alla gente come usare il client di Second Life, quindi senza dubbio deve aver apprezzato di avere a che fare con qualcuno anche più esperto di lei.

Prima regola per ottenere il lavoro dei tuoi sogni: presentati sempre preparato.

Dopo quella breve “interview” in Second Life, le ho mandato il mio curriculum e il mio profilo Linkedin, e lei mi ha risposto che un certo “Jeff” avrebbe valutato la cosa e mi avrebbe fatto sapere.

Ero eccitato da questa opportunità, e avevo capito subito che era “The One”. Invece di aspettare passivamente una risposta, ho investigato un po’, scoprendo che il tipo si chiamava Jeff Barr, senior AWS evangelist, e ho poi trovato il suo blog, con preziose informazioni su di lui, e sul suo grande interesse per Second Life. Uno dei post del suo blog riguardava una simulazione tridimensionale di alcuni Servizi AWS (EC2, S3, SQS) usando Second Life, e torneremo su questa cosa in un minuto.

Una settimana dopo inviai una email a Jeff, spiegando semplicemente che avevo scovato il suo blog, e ero in attesa di parlare con lui. Aggiunsi un paio di righe sui miei interessi e le mie competenze in Second Life, e la cosa parve interessarlo molto. Jeff è un tipo molto indaffarato, ma trovò lo stesso il tempo per inviarmi una lunga email, con informazioni sul lavoro di Evangelist, ma anche con qualche bella domandona per me.

Era un mercoledì, e dopo essere tornato dal lavoro e aver trovato il suo messaggio, decisi di mostrargli quanto fossi interessato a questo lavoro.

Così, ho scritto, cercato, controllato, riguardato fino alle 3:30 del mattino, mandandogli poi una lunghissima email con le mie risposte, considerandola tutt’oggi umilmente e onestamente un piccolo capolavoro, date le circostanze. Vi risparmio i dettagli, ma l’email diceva in sostanza: sono focalizzato su questa cosa, sono in gamba, ho una grande passione per il Cloud Computing e i Web Services, e sono disposto a spremere fino all’ultima goccia di energia per farti vedere qualcosa che non hai mai visto.

Perchè stavo facendo questo? Per due ragioni.
Primo, credo che quando cerchi un lavoro, o una donna, o degli amici, è meglio focalizzarsi su poche opportunità, e dare loro il massimo, piuttosto che disperdere le tue energie su tutto quello che ti passa davanti ogni giorno.
Secondo motivo: i requisiti per questo lavoro erano davvero elevati, e temevo di non essere all’altezza, almeno sulla carta: questo è il tipo di problemi che incontri quando sei in gamba, ma hai studiato e lavorato in una piccola città in Italia, una nazione tecnologicamente sottosviluppata rispetto ad altre.

Per rimediare, decisi di impressionarlo di nuovo: nel weekend successivo dedicai circa 30 ore a costruire una migliore simulazione tridimensionale per gli AWS, con un sistema di messaggistica completamente funzionale. Alle due di mattina del lunedì, esausto, gli mandai i risultati del mio duro lavoro.

brunozzi amazon

Jeff capì il messaggio, e in una successiva intervista telefonica capii che era rimasto favorevolmente impressionato, e definitivamente dalla mia parte.

Non credo di aver fatto nulla di male: Jeff è una persona intelligente, e sapeva benissimo cosa stavo facendo con lui; se vuoi lavorare in una azienda di successo come Amazon, incontrerai sempre persone in gamba sul tuo cammino. Dando loro un esempio onesto, diretto e inaspettato del tuo lato migliore e dei tuoi talenti è ciò che loro si aspettano da te.
Regola numero due: distinguiti dalla massa. Sii non ordinario. Mostra passione, e impegno.

Da quel momento in poi (era dicembre 2007) ho sostenuto altre due colloqui telefonici, prima di essere chiamato in Lussemburgo. A inizi febbraio 2008 sono andato lì, e ho sostenuto tre colloqui faccia a faccia per un totale di circa tre ore, e scoperto anche com’è il Lussemburgo.
Mio padre e la mia compagna avevano deciso di venire con me, e quindi ho passato il weekend con loro, con la conseguenza che un’altra grande domanda ha cominciato a farsi spazio dentro di me: te la senti di emigrare? Sei pronto per tutto questo?

Non era facile rispondere: gli americani sono abituati a spostarsi in giro per il loro paese, e lo fanno in media tre o quattro volte nel corso della loro vita. Gli italiani sono diversi: per noi, una casa è come la radice per un albero: sradicarla, lasciando amici ed affetti, è una scelta tosta. Immaginate, quindi, quanto è difficile emigrare in un nuovo paese.

Per me la decisione non era facile anche per altri motivi: avevo un lavoro super sicuro (gli impiegati pubblici non possono mai essere licenziati), e avevo anche altre interessanti opportunità di lavoro intorno a me.

Dopo attenta riflessione, comunque, decisi che questa opportunità ad Amazon era la cosa migliore che potesse capitarmi, e ho quindi fugato definitivamente ogni dubbio dentro di me.
La ragione più importante è che ero alla ricerca di un posto di lavoro in cui non ci fossero limiti verso l’alto, in cui le mie capacità e il mio impegno potessero portarmi grandi soddisfazioni. Amazon.com sembrava, e sembra, la scelta giusta.
Regola numero tre: sii preparato ad andare avanti, e sii convinto delle tue decisioni.

Come passo finale mi invitarono a Seattle a inizi marzo, dove sostenni otto colloqui di fila, per un totale di sei ore e mezzo, con solo quindici minuti di pausa per il pranzo.
Avevo tentato di ripassare qualcosa, ma lo spettro degli argomenti era troppo vasto. Decisi quindi di focalizzarmi sui concetti di base di AWS e del Cloud Computing, assumendo che sarei stato in grado di elaborare delle risposte complesse a partire da quello. Funzionò, almeno per il mio morale: se lavori duramente per qualcosa, quando poi ti ritrovi davanti ad una opportunità, ti senti forte e preparato, perchè sai che hai fatto tutto quello che potevi.
E’ stata dura sostenere una conversazione così a lungo, e nonostante il mio inglese sia molto buono, iniziai a perdere la concentrazione alla fine dei colloqui. Ero esausto, ma la persona più felice del mondo: i colloqui erano andati benissimo, e Jeff, guidandomi all’uscita, mi assicurò che era ormai tutto a posto.
Regola numero quattro: lavora duro, e avrai la giusta attitudine di fronte ad ogni situazione.

brunozzi amazon

A metà marzo mi hanno proposto l’assunzione, che ho felicemente accettato.
Oggi, 20 maggio, è il mio primo giorno di lavoro ad Amazon.com, a Seattle, e dopo un periodo di training iniziale tornerò in Lussemburgo per evangelizzare l’Europa.
E’ difficile per me spiegarvi come mi sento poichè, nonostante la mia nuova vita nasconda ovviamente dei lati negativi, specialmente la distanza dagli amici e dagli affetti, sono molto felice e soddisfatto di come le cose si sono evolute.
Questo è il posto in cui lavoro: nonostante la brutta fotografia, potete vedere come il panorama dal mio ufficio sia fantastico.

brunozzi amazon

Il lavoro non è tutto nella vita di ciascuno di noi, ma è molto, molto importante amare il proprio lavoro. Il mio lavoro precedente era orribile, e ha influenzato negativamente la mia vita. Oggi, nonostante tutto, sono più felice che mai perchè sto facendo qualcosa per cui ho una grande passione, e sono fortunato a vivere in un ambiente di lavoro amichevole e aperto. Naturalmente Amazon dovrà avere per forza qualche difetto, ma dal mio punto di vista questo è semplicemente un grandioso posto in cui lavorare e avere successo.
Regola numero cinque: scegli un lavoro che ami.

Second Life ha avuto un ruolo interessante in tutto questo: essere aggiornati con le ultime tecnologie porta un grande vantaggio competitivo in un modo o nell’altro. Nel mio caso, Second Life mi ha aiutato ad essere il candidato più “cool”, tra i pochi in gradi di usare Second Life e non spaventati da una fiera del lavoro virtuale.
Un inizio così positivo mi ha dato l’energia per focalizzarmi e mostrare un impegno che li ha sorpresi positivamente, convincendo il mio boss che fossi un’ottima scelta per questo lavoro. Posso dire che, senza Second Life, forse non avrei dedicato così tanto tempo nell’inseguire questo lavoro.

Spero che vi sia piaciuta la mia storia su come ho trovato lavoro in Amazon.com.
Se avete domande, visitate il mio blog, www.brunozzi.com, e scrivetemi nei commenti.
Potete anche “diggare” questa storia qui. Grazie!

Hanno pubblicato una mia intervista su HostingTalk, riguardante il Cloud Computing, e i servizi di Amazon.com.

Che ve ne pare?

Help needed!

03-04-2008

Carissimi,
avrei bisogno di un aiuto da parte vostra:

sto cercando conferenze, eventi, seminari, e simili, da settembre a dicembre 2008, in Europa, Russia, Turchia, Israele, Africa del nord. Dovrò presenziare a tali eventi per parlare di Amazon Web Services, o semplicemente per ascoltare cosa succede.

L’argomento delle conferenze deve essere “informatico”, ad esempio:
– programmazione
– database
– linux / windows / Mac OS X
– sicurezza informatica
– reti
– storage
– web 2.0
– internet
– calcolo parallelo
– mondi virtuali / Second Life

Oppure deve essere fortemente legato all’informatica e/o all’uso di potenze di calcolo e di storage considerevoli, come:
– farmaceutico (calcoli riguardanti interazioni molecolari)
– fisico (simulazione di interazioni fisiche, quantistiche)

Insomma… avete capito!!

Se avete suggerimenti, ve ne sarei molto grato! Potete commentare qui sotto, o mandarmi una email.
Grazie!

Coming back…

11-03-2008

Sono di ritorno, anche se ieri hanno cancellato il mio volo Londra-Roma per maltempo, e quindi mi sono fermato da Matteo (qui durante il nostro coast-to-coast americano di dicembre 2003) per qualche pint di birra insieme. Erano tre anni che non ci vedevamo, cacchio.

Eh si, posso dirvi che ad Amazon è andata alla grande. A breve sarò AWS Evangelist per l’Europa. Contenti?

simone amazon