Politica

14-05-2009

E’ da anni che ci penso, e ogni volta, forse saggiamente, ricaccio l’idea in gola.
Il fatto è che tutti vorremmo fare politica, tutti pensiamo di essere in grado di cambiare le cose. Però più faccio esperienza, e più mi rendo conto che facile non è.
Eppure… la voglia di cambiare tutto, di fare qualcosa di veramente rivoluzionario, è sempre lì, calda, bollente, pronta a scoppiare.
Così, quando mi càpita di rivedere http://change-congress.org (lanciato da Larry Lessig nel marzo 2008), penso che qualcosa sia invece possibile.

Poi ragioni, e ti chiedi: come faccio? Da dove parto? Posso farlo nel limitato tempo libero che ho a disposizione? Ovviamente no. Dovrebbe diventare un lavoro a tempo pieno.
E a quanto mi risulta (e dimenticando per un attimo che il mio attuale lavoro mi piace parecchio), non esiste nessun matto che assume un espatriato evangelista per fargli creare qualcosa che non lo sa nemmeno lui :)

Boh… voi che dite?

5 Responses to “Politica”

  1. Shaytan Says:

    Dico che spesso chi entra in politica registra una caduta dei suoi valori morali (ovviamente spero non sia questo il tuo caso) e un repentino imbarbarimento delle sue idee di uguaglianza e parità di diritti (stesso discorso di prima).
    Personalmente ho ricevuto alcune proposte in tal senso sia a livello locale che regionale ed ho sempre rifiutato alla grande avendo fatto tesoro dell’esperienza in tal senso nel piccolo mondo universitario.
    Sono giunto alla conclusione che per cambiare qualcosa la spinta debba venire dal basso quindi dalla popolazione tutta che indignata dovrebbe prendere la situazione in mano purtroppo in Italia siamo tutti troppo impegnati a zappare il nostro orticello e guardiamo al governo ed alle istituzioni come un qualcosa che ci opprime aggredendole per una nuova tassa e ignorandole per il resto.
    Ecco quindi che manca un concetto fondamentale al nostro paese, il concetto di popolo come parte integrante della democrazia e dello stato e non come branco di mucche dal quale mungere euro.
    Quando tutti gli italiani capiranno questo forse sarà venuta l’ora di una rivoluzione politica seria ma per ora non vedo vie di uscita visto che la classica notizia politica si basa sul divorzio del premier o sulla sua presunta impotenza quando ci sarebbero mille problemi da affrontare, discutere e risolvere.
    Beata Italia è sempre stato così ignorante e pecorona ma in grado di risorgere quando serve…..speriamo che questo accada prima o poi.
    Ciao.

    P.S.: al riguardo, mio nonno, che ha combattuto l’ultima guerra, mi diceva sempre “il miglior esercito del mondo è composto da militari italiani ed ufficiali tedeschi, gli ultimi bravissime nel comando ed i primi eccellenti ad eseguire senza porsi domande…..”

  2. Daniele Gioffré Says:

    Sai che é strano, in questo periodo, sia pure con sfumature differenti, stiamo facendo gli stessi ragionamenti. Anche questa idea “balzana” di trovare una specie di sponsor é da qualche giorno che mi frulla per la testa.

    Nel caso si facesse avanti un folle mecenate, i pazzi da mantenere sono due!

    :)

  3. simone Says:

    Shaytan: guardati bene il video di Change-Congress…

  4. Gerry Says:

    Il fatto e’ che uno non puo’ d’improvviso diventare politico. Almeno che non sei una velina e ti candidi per il PDL, dovrai fare una certa gavetta che parte dal darti da fare nella tua circoscrizione, fino ad arrivare al comune e cosi’ via.
    Da una parte e’ un banco di prova, dall’altra molto difficile per qualcuno che non ha vissuto nel suo territorio per molto tempo.
    Forse ci sono possibili strade parallele, ma sono piu’ difficili da individuare.
    Questa e’ un po’ la fregatura, non si entra in politica dalla porta principale, e la gavetta non sempre premia i migliori nel modo di ragionare, ma i migliori nel sapere collegarsi al territorio o macchinare nel sistema dei partiti.

  5. simone Says:

    Gerry: guarda anche tu il video di Change-Congress… il punto non è fare il politico classico, ma cambiare la politica :)


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: