Spore? Bello… E poco etico

06-09-2008

Avete mai sentito parlare di Spore? Io ho deciso di non comprarlo perchè sennò mi licenziano (ovvero: ci passerei troppo tempo).

In Spore, puoi “smanettare” con la genetica e creare le tue creature, popolando mondi, eccetera. Le creature da te create vengono poi mandate online, e condivise con tutti. Però…

Leggo di alcuni particolari della EULA (End User License Agreement), che mi piacciono davvero poco:
“B. Your Contributions. In exchange for use of the Software, and to the extent that your contributions through use of the Software give rise to any copyright interest, you hereby grant EA an exclusive, perpetual, irrevocable, fully transferable and sub-licensable worldwide right and license to use your contributions in any way and for any purpose in connection with the Software and related goods and services, including”

Ovvero: il tuo duro lavoro diventa di proprietà di Electronic Arts.

Quindi, oltre ai quasi 55 euro per giocare, ti dovrei anche regalare le mie sudate fatiche… Bah…

12 Responses to “Spore? Bello… E poco etico”

  1. reve51 Says:

    Cmq costa 49 in edizione super-deluxe e ti assicuro che vale la pena comprarlo :)

  2. ubuntista Says:

    reve51: non ho mai dubitato della “bellezza” del gioco… Sto criticando questo particolare, che mi sembra poco piacevole, anche rispetto a quanto fanno altre software house.
    Va beh…

  3. Lazza Says:

    Scusa eh… Basta vedere che è proprietario per dire che è poco etico… :-S

  4. ubuntista Says:

    Lazza: dai, non fare l’integralista :-)

  5. Marco Says:

    Se non è un gioco dove ho a disposizione un fucile da cecchino e non ci sono almeno 4 giocatori di 13 anni che mi danno rispettivamente del: lamer, camper e cheater… allora no, non mi interessa indipendentemente dall’EULA.

  6. ubuntista Says:

    Marco: LOL!

  7. MarcoFly Says:

    @lazza
    Senza offesa monotonissimi con l’open source. Vorrei vedere un videogame dove ci lavorano centinaia di persone a gratis… Ma per favore.
    Linux si, però non integralisti nel pensiero.

  8. Lazza Says:

    @ MarcoFly, Linux sì, open source sinonimo di freeware no eh.
    Se vuoi un videogioco proprietario ci sono le console.

  9. LuNa Says:

    eddai ! se vuoi un videogioco proprietario te lo compri
    ci sono anche per linux, ne ho anche comprati un paio. ecchepp…
    @simone: non farlo mai più perchè adesso mi sono visto i video e gli screenshot e credo che farò l’investimento :P colpa tua ;)

  10. ubuntista Says:

    LuNa: ecco, bravo… quando hai finito di drogarti per due mesi con Spore, me lo rivendi a metà prezzo :-)

  11. Steo Says:

    io l’ho comprato il 2 settembre (giorno di uscita) quasi per caso…costava 49 euro, la commessa alla cassa mi fa “vuoi uno sconto ulteriore? viene 45 cosi” e io “come no…”…vabbè apparte botte di culo che mi fanno risparmiare 3 caffè, volevo dire che il gioco è fighissimo, anche se dopo 5 ore totali di gioco sono arrivato già all’ultima fase evolutiva (tristezza infinita).

    A conti fatti l’eula ti esonera da pretendere i copyright sulle creature che crei. Non mi sembra cosi sbagliato, in fondo i componenti (braccia, gambe, tentacoli, zanne, armi, occhi ecc ecc) sono tutti disegni loro…Ormai le aziende si “parano il culo” su tutto dopo che in america una signora ha vinto una causa contro una nota casa produttrice di forni a microonde perchè sulle istruzioni non c’era scritto che NON SI PUò ASCIUGARE UN CANE NEL FORNO…

  12. ubuntista Says:

    Steo: spiacente, non sono d’accordo con quanto dici.


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: