Forza Lorenzo!

15-05-2008

Lorenzo, un giovane quindicenne veneto, ha deciso di dimostrare che anche un italiano, in Italia, può ripetere l’esperienza di Kyle MacDonald, riuscendo a barattare una banale graffetta con una casa per un anno. Conoscevo la storia di Kyle, e la ritengo tuttora una cosa simpatica e “sana”.

Vi riporto l’email (notare l’italiano PERFETTO, farà pure il classico ma non è da tutti) con cui Lorenzo chiede aiuto a tutti noi.
Al posto vostro cercherei di diffondere.

Cari giornalisti, bloggers, internauti,
sono Lorenzo De Nobili, un ragazzo di quindici anni e vivo in provincia di Venezia.
Vi scrivo per mettervi al corrente di questa mia nuova iniziativa che prende spunto da quella di Kyle MacDonald, l’ormai celebre ragazzo canadese che è riuscito dopo numerosi baratti a scambiare una graffetta rossa per un appartamento in affitto per un anno.

Io voglio provare a fare la stessa cosa barattando però una simbolica graffetta blu. L’idea nasce quasi da una scommessa con amici e parenti che non credono nelle potenzialità della rete, del computer, mie, ma soprattutto degli italiani. Molti infatti mi hanno obbiettato che Kyle è in America, e li le cose sono molto più avanti, in questo senso.

Mi servirebbe dunque ricevere il vostro supporto. Mi farebbe piacere che voi mi aiutaste a far conoscere il mio blog [ http://unagraffettablu.wordpress.com ] che farà da supporto all’intera iniziativa e in cui per altro potrete trovare altre informazioni.

Vi prego dunque di non cancellare subito questo mio messaggio, andate a visitare il Blog, contattatemi per maggiori informazioni e qualsiasi chiarimento.
Questo progetto ha del fantastico e dell’incredibile e se potesse un giorno realizzarsi sarebbe una conquista per il web italiano in generale.

Vi ringrazio per l’attenzione.

Speranzoso in un vostro aiuto,
Lorenzo De Nobili

Annunci

15 Responses to “Forza Lorenzo!”

  1. Haldo Says:

    Solo un commento su “italiano perfetto”: “bloggers” è un errore.
    I termini stranieri non si pluralizzano e questo è un errore molto comune; quello che fa veramente arrabbiare è quando viene commesso da giornalisti e gente che si suppone debba parlare un italiano corretto per il proprio lavoro.
    Non si dice bloggers, come non si dice fans, hackers e così via.
    Comunque ad un ragazzo di 15 anni si può perdonare, soprattutto perché è riuscito a scrivere senza utilizzare nn, xké e csì.

  2. unagraffettablu Says:

    Grazie mille per l’aiuto!!! devo dire che contavo veramente in un tuo post, ma vedere che quest’iniziativa sta VERAMENTE prendendo piede mi rende veramente felice e mi stimola a fare ancor di più e a mettercela tutta.

    @Haldo: il fatto è che non solo non ho usato abbreviazioni, ma che proprio le detesto :)
    Per quanto riguarda il plurale, sinceramente non ne ero a conoscenza. Ne farò tesoro in futuro :)

    Grazie ancora a tutti,
    Lorenzo

  3. ubuntista Says:

    Giusto Haldo; io lo sapevo, ma non ho notato l’errore.

    Lorenzo: auguroni!!

  4. yellow13 Says:

    a esser precisi
    nella pagina “Chi sono” c’e’ la parola “programmazzione” con una zeta di troppo,
    ma io non sono preciso: non andrei mai a postare una cosa del genere sul blog di ubuntista ;)

  5. unagraffettablu Says:

    oddio XD adesso è iniziata la caccia all’errore sul mio blog :D. Sia chiaro che sono convinto che di errori ne ho fatti, ne faccio e ne farò: non mi ritengo infallibile.


  6. […] già altri han fatto, dopo aver letto la notizia su Ubuntista.it, anch’io vi segnalo l’iniziativa del 15 ragazzo veneto […]

  7. CrazyHorse Says:

    Bella lì, è arrivata prima la trackback del commento :-)
    Visto che è “Nothing is Impossible”, non poteva mancare il mio appoggio ^_^

  8. lucapas Says:

    Per me in Italia non sarà la stessa cosa, ma non perché la rete non sia altrettanto potente come in america, ma semplicemente perché gli italiani non sono così idioti!!

  9. Haldo Says:

    In Italia ognuno ti frega qualcosa; è più probabile partire da una casa ed arrivare ad una graffetta blu…

  10. ubuntista Says:

    Haldo: LOL!

    lucapas: perchè idioti?

  11. Lazza Says:

    Mah ti dirò, semplicemente non vedo a cosa possa servire scambiare un oggetto privo di valore con qualcosa di relativamente grande valore, se non per dimostrare che si possono ottenere guadagni facili. E a mio parere questa cosa non è educativa. :-P È solo una mia opinione comunque.

  12. unagraffettablu Says:

    Scambiare una graffetta per una penna per te significa ottenere guadagni facili?? Mha…

  13. Lazza Says:

    Il tuo obbiettivo non era una casa in affitto per un anno?

  14. unagraffettablu Says:

    no…


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: