Omicidio di Perugia… state scherzando?

03-04-2008

Premessa: ho seguito solo saltuariamente la faccenda, e ho evitato accuratamente di andare dietro al Buzz degli scorsi mesi.

Tuttavia, non ho potuto non notare questa stranissima “coincidenza“, riportata in un giornale locale:

omicidio perugia meredith

Ora, ditemi: come è possibile che dei tre hard disk, TRE (il 100%) risultino danneggiati, e che di questi, uno (quello di Amanda Knox) addirittura non sia stato recuperato nemmeno dalle aziende specializzate in recupero dati?

Infine, se questi “periti”, per verificare queste cose, hanno ACCESO IL PC, invece di estrarre gli hard disk e farsi una bella copia “raw” di tutti i dati… sono dei periti del “piffero”.

Boh… sono stupito.

25 Responses to “Omicidio di Perugia… state scherzando?”

  1. Federico Says:

    In effetti… o hanno fatto una cosa e raccontata un’altra ai cronisti (per rendere le cose capibili anche ai lettori comuni che possono non cogliere la differenza e i problemi connessi tra “avviare un pc” e “togliere l’hard disk e farne una copia”), oppure è imperizia bella e buona.

    Caspita comunque cancellare un hard disk in questo modo (rovinato fisicamente a causa di martellate? formattato alla morte? wippato a infinire?) ce ne vuole, una volta un perito di uno studio legale ad un convegno quando andavo all’università disse (per fare un po’ di terrorismo) che “si riuscivano a recuperare i dati anche dopo 7 cancellazioni”.
    Non ho mai approfondito la questione a sufficienza per capire quanto ci sia di vero.

  2. ceneno Says:

    Ascoltando il TGR dell’umbria hanno specificato che gli hard disk si sono rovinati, perchè i tre pc soso stati alimentati con una corrente di tensione differente da quella per cui sono stati costruiti.
    Il che mi puzza di dolo… e non certo di casualità!

  3. ceneno Says:

    per essere più precisi metto il link al TGR
    http://www.tgr.rai.it/SITOTG/TGR_popupvideo/1,8506,tgr%5Eumbria,00.html

  4. Lazza Says:

    Assurdo! Dai lo sanno anche i bambini dell’asilo tecnico industriale che i computer da analizzare non vanno accesi! ;-)

  5. Shaytan Says:

    Primo non vanno accesi, secondo anche se in sovratensione i piatti degli hdd all’80% sono recuperabili e quindi leggibili……la storia sa di inciucio

  6. DnaX Says:

    E anche se gli è stata data più corrente si può essere rotta la scheda elettronica, il motore, le testine, ma non i dati nei piatti! Centri di recupero dati smontano i dischi per leggerli con le loro apparecchiature. Bah…

  7. Federico Says:

    “Hei! Chi ha spostato sui 110V lo switch sull’alimentatore?”

    Dei geni, comunque.

    A me piacerebbe sapere la parcella che è stata corrisposta a questi periti…

  8. pirullo Says:

    @Lazza: e allora come si fa senza accedenderli a recuperare i dati sui dischi?

  9. Lazza Says:

    @ pirullo, non certo facendone il boot. Vanno tolti dal computer incriminato, e poi letti a basso livello per farne una copia immagine raw. A quel punto tutte le analisi si fanno sulla copia.

  10. occhidigiada Says:

    bè una “strana” casualità direi, ma a chi vogliono prendere in giro? scusa l’invasione ;)

  11. sagraballo Says:

    A me sono altre le cose che sconvolgono di questa bruttissima vicenda, scusate.

  12. Treviño Says:

    Mah… Cmq se uno si fosse dilettato in un dd if=/dev/urandom of=/dev/{s,h}d* forse il lavoro sarebbe stato più “difficile”, ma non credo proprio sia il caso…!

  13. betaversion Says:

    Se fossero intervenuti i RIS di Parma (meglio quelli di Canile5) tutto questo non sarebbe successo !

    :-P

  14. innovatel Says:

    Roba da non crederci sinceramente … certo che tre hd su tre non la chiamerei coincidenza -.-

    RIS? Di canale 5? Scusa ma per questi lavori vedo molto meglio Abby (NCIS) :P

  15. ubuntista Says:

    Beh, credo che le persone competenti in ITalia ci siano… tutto sta a farle lavorare :-)

  16. innovatel Says:

    Si si … guarda che la mia era solo una battuta … ma penso che oltre all’Italia … la voglia di lavorare serva ovunque :)

  17. ilnonno Says:

    Consiglierei di leggere la perizia invece di basare le proprie valutazioni su un trafiletto di giornale certamente incompleto ed impreciso. Anche una bella lettura su come effettivamente si recuperano i contenuti di un disco sarebbe utile ed auspicabile prima
    di intervenire.

  18. ubuntista Says:

    ilnonno: secondo me la lettura sarebbe consigliabile a quei periti… o, in alternativa, il giornalista non merita di essere tale.

  19. ilnonno Says:

    Buona la seconda di alternativa

  20. innovatel Says:

    Già … valida ipotesi …

  21. Wildgreta Says:

    Tre pc alimentati, mettiamo con la 380 ( a me è successo per un guasto anni fa), mi hanno rotto i televisori, danneggiato il frigo (che però funzionava lo stesso)e fatto saltare il videoregistratore. Il problema è il seguente: i tre computer erano tutti nella stessa casa in cui si sarebbe verificato il guasto? Già, perchè se un’alimentazione sbagliata colpisse tre pc in tre case diverse, bisognerebbe farsi benedire! Altro particolare importante: chi dei tre indagati è esperto di informatica? Forse il neolaureato in informatica Sollecito?

  22. franganghi Says:

    Anche se parlassimo di un fulmine potremmo giustificare il guasto SOLO delle schede dei pc, non dei dati contenuti nei dischi!

    Il fatto che il giornalista abbia scritto che sono stati ACCESI non vuol dire che lo siano stati. Il giornalista – tipicamente – è un incompetente che crede negli indirizzi ip a 10 cifre (in stile codice swordfish) e nelle indagini all’ultimo secondo delle serie tv americane.

    Non aspettatevi competenza da un giornalista ma solo tanto rumore.

  23. gp42 Says:

    Io credo che ci sia tanto fumo e cioè che il giornalista ha scritto badando poco all’aspetto tecnico ma di sicuro in mezzo a tutto questo fumo una fiamma deve logicamente esserci. E cioè la *casualità* di ritrovarsi con 3 hard disk rotti ed un neolaureato in Informatica tra gli indagati.
    Non mi interessa e non voglio trarre conclusioni ma di sicuro una riflessione la farei.
    Ad ogni modo ci stanno dei giudici e dei periti, faranno il loro lavoro. Come ci stanno i giornalisti che a loro volta fanno il loro. Il tempo ci dirà chi ha fatto meglio il proprio lavoro.

    gp

  24. ubuntista Says:

    …o chi l’ha fatto peggio :-)


  25. Rimango sconcertato di come i media americani tengano a questa Amanda Knox


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: