Auguri ENEL!

25-12-2007

Auguri anche all’ENEL, con una gentile richiesta: non prendeteci in giro.

auguri enel

(via Alessandro Ronchi)

7 Responses to “Auguri ENEL!”


  1. buone feste anche a te….questa mattina mi rodeva assai ma dopo aver RI-visto questo video e aver visto i sottotitoli che avevo pensato anche io, mi RODE DI BRUTTO!!!! :)
    Alessio

  2. LaToX Says:

    Non ho capito come mai noi in Italia non possiamo costruire centrali Nucleari visto che in Europa ce ne sono un sacco..Non si risparmierebbe sull’energia?

  3. Aladark Says:

    Vergogna! -_-


  4. […] fa dice: hai visto che pure l’ENEL s’è messa a dire che bisogna […]

  5. Chuck Says:

    @LaToX
    Se decidessimo oggi di costruire una nuova centrale entrerebbe in funzione tra 10 anni, e non risparmieremmo una bella cippa perché il nucleare costa più delle turbogas a metano. Forse 20 anni fa non andavano dismesse (abbiamo pagato e corso rischi come se fossero state in funzione, senza averne i vantaggi…) ma oggi è certamente tardi. Inoltre considera che oggi acquistiamo il 15/20% del nostro fabbisogno, pari a circa una decina di gigaWatt: ci vorrebbero 5-6 centrali nucleari colossali per coprire questa quota, e ti sfido a trovare il posto dove farle, in Italia.

    Comunque l’energia è IL problema del 21° secolo (in confronto l’acqua e il cibo sono del tutto secondari: siamo oltre 6 miliardi e aumentiamo, segno che la gente mangia e beve), e chi dice di avere la soluzione in tasca o è un pazzo o è un truffatore. Se non adotteremo una moltitudine di provvedimenti paralleli tra qualche anno la “pax” europea potrebbe essere messa seriamente in discussione. Solare termico, termodinamico e fotovoltaico, eolico, biomassa, ma soprattutto **risparmio energetico**!! Ridurre la produzione di imballaggi (“plastica” di mais, distributori di detersivi, sapone, latte, succhi di frutta) ridurre l’uso di riscaldamento e condizionatori, ridurre fino all’eventuale eliminazione il trasporto privato, costruire con tecniche e materiali eco-compatibili.
    Oggi siamo solo 2 miliardi a consumare quasi il totale delle risorse. Pensate di moltiplicare i nostri consumi per 3, 4, 5 volte… Siamo aumentati da 3 a 6 miliardi in 50 anni, entro il 2100 dovremmo superare i 10 miliardi di individui, tutti con i nostri stessi diritti… Il nostro stile di vite ha largamente superato la sopportazione del pianeta… E’ una triste verità a cui dovremo abituarci, volenti o nolenti.

    Buon 2008 -.-

  6. ubuntista Says:

    Chuck: bravo per la passione e l’impeto, ma sei un po’ impreciso.
    Mettere in funzione una centrale nucleare, oggi, richiede dai 4 ai 6 anni, partendo da zero.
    Se potessi scegliere, eviterei progetti di questo tipo, ma investirei il 50% delle spese militari (che ammontano a circa 24 miliardi di euro se non sbaglio) in micro-fotovoltaico (impianti da 200 KW a < 1 MW), sparsi nel territorio. In quattro anni la dipendenza energetica italiana sarebbe sparita.


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: