Campare (male) con 1000 euro al mese

22-10-2007

Sono OT, ma sento il bisogno di dire la mia sull’argomento, già ampiamente “amplificato” nel suo blog da Beppe Grillo quello che scrive per Beppe Grillo nel di lui blog (ah, non lo sapevate? E comunque, che male c’è?).

Io non ho particolari difficoltà a “campare”, ma credo sia un caso fortunato perchè vivo da solo, non ho figli, ho un piccolo appartamento con un mutuo ancora “accettabile”, e guadagno decisamente più di 1000 euro al mese. Mi rendo però conto delle difficoltà oggettive di chi non ha queste fortune, soprattutto perchè per alcuni periodi della mia vita HO AVUTO queste stesse difficoltà.

Ho trovato molto utili i consigli di blog “specializzati” nel risparmiare, come ad esempio Get Rich Slowly. Sono sicuro che ce ne sono di altrettanto validi in italiano. Se ne conoscete, segnalateli.

Molti ritengono che sia necessario GUADAGNARE di più, ma secondo me basta poco per riuscire a RISPARMIARE,  il che equivale esattamente a guadagnare.

Un esempio?
Ho rinegoziato da poco il mio mutuo, spendendo circa 320 euro per l’operazione. Ora risparmio circa 70 euro al mese. Ciò significa che il 4 mesi e mezzo recupero la spesa, e da quel momento RISPARMIO 70 euro al mese, il che è come guadagnarne altrettanti.

Un altro esempio?
Quando ho acquistato l’auto, circa 4 anni fa, ho scelto una Punto 1.3 Multijet, che consuma pochissimo, al posto di una Punto 1.9 Multijet, che costava solo 1500 euro in più.
In 4 anni ho risparmiato 450 euro di assicurazione, 90 euro di bollo, circa 2.800 euro di carburante, per un totale di circa 3.300 euro, ovvero circa 800 euro all’anno, ovvero circa 65 euro al mese. 65 EURO AL MESE!

Penso che tutti noi siamo in grado di risparmiare 150-200 euro al mese, senza grossi sforzi. Secondo me è importante avere queste accortezze e riuscire ad arrivare a fine mese.
Capisco anche che alcuni, nonostante siano molto più parsimoniosi di me, PROPRIO NON CE LA FANNO, nonostante lavorino duramente. A queste persone va tutta la mia comprensione, e mi auguro davvero che arrivino tempi migliori.

In bocca al lupo!

18 Responses to “Campare (male) con 1000 euro al mese”

  1. Pix Says:

    “…da quel momento RISPARMIO 70 euro al mese, il che è come guadagnarne altrettanti.”

    Mi sembra un’affermazione azzardata… non è che li risparmi, ma sposti il momento in cui li pagherai… inoltre ne pagherai di più perché hai allungato il mutuo. Il che, a mio parere, non è né come risparmiarli o addirittura guadagnarli, ma fare un prestito che ripagherai tra molto tempo. Certo, è facile che per allora avrai meno problemi a pagarlo, ma è mooool diverso che guadagnarli ;)

  2. Likepassion Says:

    Ciao Ubuntista, volevo farti i complimenti prima di tutto come persona, e dopo per le tue competenze, la tua professionalità, la tua decisione in quel che fai, anche solo come passione.

    Detto questo, io ho 24 anni e sono un “bamboccione”, ecco la mia situazione :

    Stipendio mensile : 1000 euro variabili (a volte 1000,1050,1100) + 2 extra mensilità 13^/14^

    Ecco le mie spese :
    Contributo famiglia : 250 €uro
    Rata Auto : 270 €uro
    Gasolio per andare a lavoro non rimborsato x 130 km/giorno : 150/160 €uro mese
    Rata Agos per spese extra : 75 €
    Totale : 750 €uro /mese

    Mi rimangono ovviamente 300 €uro, senza contare che l’azienda dove lavoro non passa neanche i buoni pasto, l’auto con 130km/giorno si logora facilmente, e ho due passioni di cui seguo corsi a cui non voglio rinunciare : ballo e nuoto, che comportano rispettivamente 250€ e 100€ ogni tre mesi, quindi sulle 100€ in meno ancora.

    Ah dimenticavo, Bollo & Assicurazione dell’auto, una 1400.

    Poi il sabato sera non posso stare a casa a fare il nerd, ed ho una ragazza con cui giustamente esco, a volte vado solo a ballare, altre a cena fuori.

    Tutte le cose extra, come computer, accessori, quando sono di spese grosse sono obbligato a prenderle con la famosa carta agos ed incidono con le famose 75€/mese.

    Infine, a fine anno contribuisco con mio padre ad un’adozione a distanza, quindi sulle 100€/anno.

    Come puoi vedere arrivo lastricato a fine mese, ma ci arrivo. Però la cosa che fa pensare è quando parlo con altri e mi dicono “Ma prendi così poco per il lavoro che fai?”..che lavoro faccio? Sono assistente product manager web per la più grande (penso) azienda di vendita diretta di prodotti alimentari italiana, un parolo per dire che mi occupo della parte esecutiva e gestionale delle azioni marketing via internet (adv,dem,landing,siti,ecc…) da ormai quasi 3 anni, per 1000 euro netti circa senza pasti e spese auto. Per ora va bene così, ma se penso che in un periodo che non trovavo lavoro confezionavo vernici in fabbrica per uno stipendio minimo di 1400 € netti…

    Quello che voglio dire è che spesso le aziende, nonostante grossi guadagni e anni di grandi fatturati, rimangono un po’ gnorri con chi è in parte artefice di tutto ciò, che si ritrova costretto a quasi andare a piangere per un misero aumento di 100€ scarse…

    Cosa mi lega? il fatto che ho un contratto a tempo indeterminato e la macchina da pagare (è che sempre pagherò, visto che ho fatto una farmula che ogni 3 anni mi permette di cambiare auto in modo sicuro indipendentemente dai km percorsi..).

  3. measumma Says:

    …manco in Siberia!

  4. luigibio Says:

    ciao, questo tema si sta diffondendo negli ultimi giorni, grazie algi input ministeriali ;-)
    da settembre io sto razionalizzando le spese, ad esempio: ho chiuso un conto corrente che, pur avendo spese minime, le aveva, sto passando a fineco, che per il mio stile, non costerà nulla, anzi mi darà degli interessi reali. L’assicurazione dell’auto, RC con genertel, qui a na, il risparmio è nell’ordine del 20%, a maggio prossimo eliminero’ anche l’assicurazione contro furto, che ha un peso notevole e che non ha più grande significato, visto che siamo al 5° compleanno..
    Poichè faccio una vita da semipendolare, sono costretto a raggiungere la stazione ferroviaria da cui parto con l’auto. Il parcheggio è aumentato a dismisura negli ultimi mesi (prima c’erano dei posti aggratise se eri fortunato a beccarli,altrimenti 2euro, ora si parte da un minimo di 3 fino a 7,20/giorno): vado a parcheggiare un pelino più lontano con un doppio effetto: non pago nulla e faccio quei 500m a piedi all’andata ed al ritorno che di sicuro fanno bene alla salute.
    Complessivamente in questo modo si risparmiano all’incirca 100euro al mese… ma so che ci sono ancora dei margini di risparmio (trenitalia permettendo perchè minaccia il 4° aumenti agli abbonamenti ferroviari in 14 mesi e sono aumenti con percentuali a due cifre, altro che adeguemento all’inflazione).
    saluti

  5. Daniele Says:

    @luigibio
    Siamo OT ma, visto che parliamo di economia, ti consiglio iwbank. Tutto gratis, interessi reali e io mi trovo benissimo.

    Tornando al post, penso che con 1000 euro oggi sia davvero IMPOSSIBILE vivere. Provando a prendersi un mutuo OGGI per una casa non riesci quasi a comprarti un box auto :-)

  6. Gianluca Says:

    Sono d’accordo che l’alternativa è risparmiare, ma non tieni conto delle spese impreviste (se stai male e non tiriamo in ballo la mutua: se devi andare da uno specialista?), i conguagli inps – irpef – ecc… Se ti si rompe il tubo dell’acqua (se hai acquistato una casa devi aggiustarlo tu)… eccc…

    Insomma Simone, si può risparmaire… MAPERCHECCAVOLOC’E’GENTEINPARLAMENTOCHENONFAUNCAVOLOEGUADAGNACIFREPRINCIPESCHE?????

    Mio nonno poi diceva sempre: risparmia su tutto, ma mai sulle cosa da mangiare!

    Comunque un affettuoso saluto con tutta la tua stima.

    Gianluca

    P.S. forse riesco ad aprire la famosa scuola di Linux…

  7. Giovanni Says:

    Ciao, il post non e’ ot, anzi e’ molto odienro e se ne dovrebbe discutere di piu.
    Anche io ho comprato come Simone una punto 1.3 multijet e dopo 25 mila km ho una media di 22.5 km al litro (cioe ho comprato circa 1100 litri di gasolio). E’ un altro viaggiare rispetto al benzina!!
    Ho fatto il telepass e con bancoposta i primi 6 mesi di canone sono gratis se non superi 85 euro al mese. Se fate autostrada, risparmiate tanto carburante avendo la viacard o meglio il telepass (niente code).
    non prendo molto oltre i mille euro, ma cerco di far rendere bene i miei soldi.
    Non compro acqua in bottiglia (e’ peggiore di quella del rubinetto), ma bevo solo dal rubinetto risparmiando tempo a fatica per acquisto acqua e smaltimento plastica.
    L’acqua quando sono fuori me la porto da casa, mica mi fermo al bar a comprarla ad 1 euro mezzo litro!!
    Uso software libero (tranne mac osx per il portatile).
    Uso il voip per telefonare dato che ho una connessione flat adsl.
    Non vado a fare aperitivi al pub, non mi interessa regalare 5 euro per quattro chiacchere e un bicchiere.
    Non fumo.
    Vedo pochissima tv e preferisco leggere libri.
    Ho quasi tutte le lampade in classe A con consumi ridotti e lunga durata.
    Ho comprato frigo in classe A. Ho comprato un frezer in classe A+ e nel 2008 lo stato mi dara indietro il 20% di iva. I consumi elettrici si sono ridemensionati molto, dimezzando la bolletta.

    Quando posso vado in bici o a piedi.

    Con tutti questi semplici accorgimenti lo stipendio e’ piu che sufficiente.
    Poi ci sono i vari corsi che ognuno fa, la palestra,l’inglese, lo sport, che possono essere svolti se precedentemente si è stati accorti con le spese.

    Ognuno si deve adeguare al tenore di vita che lo stipendio gli puo’ permettere, ma deve anche cercare di non essere “fesso” e buttare i proprio soldi tutti i giorni in cose inutili.

    dalle scuole elementari:

    guadagno = spese – ricavi

    Buona giornata a tutti.

  8. ubuntista Says:

    Pix: ho solo rinegoziato il tasso, le rate del mutuo sono rimaste le stesse!!

    Giovanni: gradioso!

  9. Giovanni Says:

    dimenticavo: l’assicurazione online mi ha fatto risparmiare circa 200 euro.
    Se possibile acquistate online tutto quello che costa di piu in negozio, dai libri ai cd,….

    Acquistando online si riducono gli intermediari e si risparmia tempo e denaro e si compra solo quello necessario e non quello che si trova sugli scaffali dei negozi che poi a arrivati a casa non sappiamo che farcene.

  10. Eli Says:

    Visto che siamo in argomento, per chi non ne avesse sentito parlare in questi giorni, vi riporto un link su un industriale fuori dal coro:

    http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/cronaca/industriale-operaio/industriale-operaio/industriale-operaio.html

    Ciau ciau

  11. sly Says:

    Un industriale fuori dal coro? Leggiti la vita di Adriano Olivetti allora! :)

    Tutti hanno interesse che non lo si ricordi..

    Vi copio e incollo un estratto preso da questo articolo:
    http://www.europacheverra.eu/articoli/29.htm

    La grande attenzione verso il lavoratore, poi, non si sostanziava solo con lo studio costante della sua vita. Che dire infatti dei servizi sanitari e sociali dell’azienda in un periodo storico dove si stava creando il Servizio Sanitario Nazionale tra mille difficoltà. Se lei va ad Ivrea, proprio di fronte ai grandi stabilimenti vede ancora oggi, immersa nel verde, la palazzina dei servizi sociali dell’azienda per i propri dipendenti. Uscendo dalla fabbrica il lavoratore poteva fermarsi in biblioteca (e che biblioteca), poteva trovare locali per organizzare al meglio le attività ricreative e aggregative che andavano ovviamente a toccare tutta la comunità e non solo i lavoratori dell’Olivetti. Ora queste cose sono quasi ovvie (e vorrei sottolineare il quasi), a quei tempi era fantascienza. Un altro esempio potrebbe essere l’attenzione verso le lavoratrici in maternità: un tempo la legge prescriveva due mesi di assenza retribuita dal lavoro, Adriano Olivetti portò quel periodo a otto mesi di propria iniziativa. Attraverso la creazione di appositi fondi, poi, alle madri lavoratrici bisognose veniva fornito il latte in polvere per lo svezzamento che costava tantissimo.

  12. Attila Says:

    Bella l’iniziativa dell’imprenditore, non la conoscevo, però purtroppo è una goccia nell’oceano, Olivetti invece lo conoscevo bene.

    Quello di Simone è un post giusto, cioè dovremmo cercare sempre di risparmiare ma il problema è che soprattutto in città non si riesce a vivere con 1000 euro, è francamente impossibile se si ha famiglia.

    Arrivai a Milano nell’era pre euro. all’epoca un posto in stanza era sulle 200 mila lire a fronte di uno stipendio medio di 1.5-1.6 milioni di lire, ora un posto in doppia sotto i 300 euro è difficile da trovare.

    Io francamente credo che siamo arrivati alla frutta, il livello di depressione che c’è in metropolitana la mattina e la sera mi butta giù, si vede che la gente ha troppi pensieri per la testa.

    Ho già deciso che finita l’università proverò ad andare all’estero, nord Europa o nord America magari (California magara!!!).
    Il nostro paese avrebbe tutto per essere ai vertici, intelligenza ,creatività, doti umane :) ma sembra quasi che si sia tentando di affossarlo.

  13. Xio Says:

    Grazie Ubuntista per questo post. Razionale, oggettivo ma soprattutto sereno.

    E’ un dato che na volta con i DUEMILIONI di lire si viveva discretamente e che oggi sembrano briciole. E’ anche vero ahimè che dal momento dei “bamboccioni” ministeriali ad oggi molti giovani non hanno brillato per costruttività ed hanno preferito non pensare a come fare per… ma piuttosto a meldire il…

    Sarebbe bellissimo se tutti avessimo una casa di proprietà, purtroppo con questo falso mercato italiano che copia solo le cose negative dall’estero ci stiamo invece impiccando da soli. Ma per molti non sembra esistere l’affitto quando si vogliono scaricare di dosso l’etichetta ministeriale.

    Io sono andato a vivere da solo poco più che ventenne, guadagnavo 600.000 lire x 12, ho voluto la bicicletta ed ho pedalato davvero duramente, ripsarmiando su cose anche essenziali. Penso però di aver guadagnato uno spessore personale e professionale per questo motivo che mi ha reso davvero molto. Oggia ancora non posso permettermi di comprarmi casa, ma sto risparmiando porprio grazie a quella esperienza, nonsotante molgie e figlia.

    Solo una cosa mi rattirstra, se le cose non cambieranno, ai miei figli invece dell’eredità trasmetterò il mututo da pagare….

    Ciao

  14. dorylinux Says:

    …forse non dico nulla di nuovo ma:
    quando si fa la spesa
    > partire dai prodotto low cost/primo prezzo e farsi delle esperienze, che poi sono gli stessi che ti trovi con un’ etichetta del centro commerciale al 30% in più.
    Gli utili più alti se li fanno proprio su questi prodotti (ho lavorato nella Grande Distribuzione Organizzata per 13 anni, fidati!) perchè sfruttano le aziende no-name che hanno bisogno di vendere (e li pigliano per il collo sul prezzo ed ovviamente sui pagamenti 120/180 gg data fattura…..se non gliela contestano per “delle irregolarità” ;o) ma non hanno risorse per investire in pubblicità come fanno i potentati del settore alimentare. Per dipiù, quello che abbassa di più “le braghe” sarà il prossimo fornitore per “i NOSTRI sughi della nonna clara” che tanto l’ etichetta non cambia e tu non te ne accorgi nemmeno che stavolta vengono da un’ altra parte del mondo >>> forte no ?!?
    Non fanno soldi sulle grandi marche perchè tutti sanno quanto costa il dixan ed è guerra per venderlo al prezzo più conveniente (tecnicamente si chiama: prodotto civetta) quindi……

    > pane, và benissimo quello comune, da me è a 0,95/kilo, contro i 3,50/kilo (prezzo medio) di quelli tipo arabo/al latte/ all’ olio/toscano/etc.

    > NON COMPERARE MAI PREPARATI ALIMENTARI, tipo 4 salti in padella e banda, …se fai due conti ti conviene cucinare le varie pietanze per 5/6 porzioni e, il pasto successivo te ne mangi una, le altre le metti in freezer suddivise per porzione mono-dose….se hai la tua bella > cucini di fresco per lei, ovvio ! ;-)

    > saltare a piè pari tutte le bibite > NON servono a nulla e fanno male (leggi attentamente l’ etichetta e te ne rendi conto di persona) ed inquinano (lo spiego dopo), tornare al vino (possibilmente dal contadino > microeconomia eco sostenibile, e te lo imbottigli da te magari con papà o qualche amico) oppure qualche birra. Se ti piace sorseggiare qualcosa che non sia vino/birra puoi farti delle tisane., ce ne sono di tutti i tipi, menta, frutti di bosco, alle ciliege etc…Io ne uso una al “ROOIBOS” perchè contiene flavonoidi (ho 45 anni :-) che contrastano i radicali liberi (speremo!!)…. e non inquinano per il trasporto come le bibite: In un bilico di coca cola ci stanno n litri del “famoso liquido”, nel bilico delle tisane ci sono (potenzialmente) 100 x n litri di tisane….quindi avremo 99 bilici in meno per le strade… ;o)

    > sapone > quello solido dura di più di quello liquido (ed inquina meno, stesso discorso delle bibite)

    > colluttorio per i denti, si fà così: acqua del rubinetto, sale fino, limone o un’ agrume a tua scelta…vedrai che i batteri se la svignano a gambe levate… questa me la passata il mio dentista ;-)

    > bici dove si può

    > sulla vettura impianto a metano oppure (più comodo) quello a gpl

    > cellulare, finchè non si rompe buono questo (ha 4 anni) :-)))

    > risparmiare aria: parlare poco! …oOopSs scusate, devo andare…. :)))))

  15. victor Says:

    Giovanni ha scritto:

    guadagno = spese – ricavi

    Siamo sicuri che ha scritto bene e non ti rimandiamo alle elementari?

    A parte questo, io lavoro ormai da 8 anni dopo la laurea e ho cambiato circa 4 lavori, tuttavia non sono riuscito mai ad andare sopra i 1.025 euro se non in alcuni mesi in cui le provvigioni mi hanno aiutato.

    La cosa è deprimente, e spero un giono di poter guadagnare molto di più, psicologicamente mi demotiva lavorare a 1000 euro ma non riesco a trovare alternative migliori.

  16. simona Says:

    stipendio 1000 euro(tolti i 70 euro del RCI auto che mi viene detratta in busta)
    spese mensili
    300 euro affitto
    360 euro rata auto
    40 euro utente/bollette media mensile
    80 euro gpl/benzina
    150 euro spesa(carne/verdure/pasta)

    il resto uscite o risparmio per abbigliamento

    con 13esima e 14esima-shopping e vacanze e piccolo budget da parte per spese improvvise (caldaia/macchina/regali)

    dopo 7 anni posso dire di aver trovato l’equilibrio.non mi lamento nel senso che se dovessi avere famiglia non saprei come fare!ma per ora con le mensilità extra spesso non utilizzate del tutto ho un budget che non mi fa mancare niente (di necessario e di cui sento il bisogno)inoltre proprio perche libera da inmpgenai faccio ogni tanto qualche lavoretto da 100 200 euro sottopagato ma che magari mi aiuta per fare una serata in piu o comprare due scemenze di cui obbiettivamente non ho bisogno.

    penso a un mutuo e mi vengono i brividi
    chiedo 150mila per pagare (non so come) 850al mese per 40anni???restituendo in tutto : 410minila euro circa cioè 260mila euro in piu di quelli che ho chiesto….

    vi pare sia possibile?
    (bnlrevolution 100%di finianziamento)


  17. […] Passiamo ora ai conti e all’economia (quella vera!!!). Tutti i dati si riferiscono al periodo che va dal 02/04/2007 al 06/04/2008 (un anno). In questo anno ho percorso 45045 km (peggio di un rappresentante!) ed ho speso complessivamente 2080€ di metano. Considerando i consumi medi della mia auto (testati su strada prima che mettessi l’impianto a metano) di 10-11 km/litro, se fossi rimasto a benzina avrei messo un totale di 4505 litri. Prendendo come prezzo medio della benzina 1.300€/lt avrei speso circa 5857€. La differenza tra i soldi che avrei dovuto spendere in benzina e quelli che ho speso a metano danno il risparmio effettivo conseguito, ovvero 5857 – 2080 = 3777€. A questo importo però il primo anno gli devo togliere il costo dell’impianto di 1500€. Dunque, 5857 – 2080 – 1500 = 2227€ risparmiati Beh senza dubbio una bella cifra in tasca e ricordatevi che i soldi risparmiati sono soldi guadagnati (come dice il buon vecchio Simone) […]

  18. vince Says:

    Scusate ma se c’e’ qualcuno che riesce a vivere con 1000,00 euro sono disposta a dargliele io,,,, e che mi mantenga pure…. voglio ricordargli solamente che ho 54 anni ormai ho bisogno anche io come altri di dottori e medicine.. a volte, vado a lavorare ho bisogno della tessera AMT, quindi mi devo vestire e uso ancora le calze, sono una donna, si rompono quasi ogni giorno in autobus, immaginate come ..zaini cartelle ombrelli ecc, mangio anche se sono eternamente a dieta, naturalmente per fare tutte queste cose ho una casa, devo usare la luce se voglio vestirmi quando e buio .. devo usare l’acqua, per lavarmi se no mando odore…, se voglio risparmiare e portarmi un po di cibo al lavoro devo usare il gas,forse anche un po di piu in inverno e meglio che mi riscaldi un poco, un poco di amministrazione, per il momento abito in un condominio e il mio padrone di casa non vuole regalarmi ,la luce scale l’impresa che lava le scale ecc. Avrei un infinita’ di cose da dire voi che mi proponete? mi riferisco a quelli che beati loro campano con mille euro al mese che miracoli che sanno fare! Scusate ma si potrebbe farla leggere a chi ci governa? io non riesco mai ad essere intervistata per strada avrei tante cose da dire…. CIAO


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: