Guerra dei desktop

28-09-2007

Ha ragione Felipe: come spesso accade, questa insulsa guerra danneggia tutti, tranne i trafficanti di finestr… ehm, di armi.
:-)

13 Responses to “Guerra dei desktop”


  1. Secondo me è una battaglia assurda: cioè, ca##o, stiamo dalla stessa parte, che bisogno c’è di distruggerci? Forse è che l’uso di un determinato DE genera identitarismo: io continuo a credere (e sperare) che l’uso di KDE o Gnome derivi semplicemente da scelte estetiche ed ormai cambio DE a seconda del mio umore… certo che la stupidità umana non conosce limite…

  2. Nicolò Says:

    Io lo trovo semplicemente patetico. Il doversi schierare (o meglio) la necessità di doversi schierare per qualcosa e attaccare chi non fa/usa/dice quello che pensi, è una limitazione della personalità di alcuni.
    E meno male che il mondo è bello perchè vario.
    Prima o poi assisteremo allo scontro fra utenti dello stesso DE che usano temi diversi:)

  3. arwenh Says:

    a me piace KDE per certe cose, GNOME per altre.
    e uso Windows e Linux.

    oddio sono un’ibrida, dovrei litigare con me stessa??

  4. GPS Says:

    E intanto windows prospera ……
    Ho letto alcuni dei vostri post, ma molto non lo ho capito.
    Faccio assistenza per dei programmi, mi capita spesso che quando chiedo ce sistema operativo (versione di windows) hanno mi rispondono “Office”. Pensate per queste persone sia importante la differenza tra gnome o kde, tra gtk o qt (che non so cosa sono) ?
    Temo che la comunità linux sia troppo chiusa in se stessa. OSX potrà essere chiuso quanto volete ma con un panello di controllo con 4 cose in croce anche un utonto riesce ad usarlo. XP sarà quello che sarà, ma è l’unico OS su cui puoi caricare i “Dischi che ho coprato in edicola”. E’ mia opinabile opinione che fintanto che linux (o altro oopen os) non avrà queste caratteristiche non avrà una diffusione di massa.
    Dico un’eresia: Invece che 1000 distro, non sarebbe meglio avere un linux che sia facile come OSX bello come Ububtu + Beryl e compatibile con xp (wine) e poi da quello sbizzarirsi in ennemila distro compatibili una con l’altra?

    Umilmente Vostro
    GPS

  5. deywos Says:

    Mio caro GPS libertà significa anche varietà. Io credo sia la benedizione ed al contempo anche la maledizione di Linux.

  6. ubuntista Says:

    GPS: io adoro la varietà; credo solo che dovremmo evitare di far lottare tra loro varietà diverse dello stesso fiore.

  7. Michele C.S. Says:

    Guardiamo il lato positivo: comunque se ne parla.

  8. Riccardo Says:

    Anch’io adoro la varietà e poter scegliere cosa utilizzare.
    Sicuramente,questa cosiddetta guerra dei desktop non giova a nessuno.
    Speriamo che la comunità cresca,e che continui a crescere ,come sta attualmente facendo, linux ed il software open.

    Ciao

    Riccardo

  9. ondapi Says:

    ma sotto sotto un po’ di sana competizione …

  10. giovanni Says:

    ciao, sicuramente osx è un passo avanti rispetto a tutti ed è il modello da seguire. Ma per telefonare devo sapere che esistono le onde elettromagnetiche, come è fatto un ciruito, come mi identificano per addebitarmi la chiamata….

    Usabilità è la parola magica.

    Quindi desktop semplici, multimediali, senza pensare che l’utente normale abbia ancora un pc a 500 MHz con 256 mb di ram, ma sia dotato di 1.5 GHz con almeno 512 mb di ram.

    Ci vuole un programma unico per fare una unica cosa.Questo di base, poi uno sceglie quello che vuole inserendo una parola (office, foto, musica) vengono le varie scelte e il programma di installazione fa tutto da dvd oppure da rete online.

  11. LuNa Says:

    giustissimo il discorso delle distro: ci sono 1000 varietà di Windows ? No … buona parte del suo successo attuale. Consideriamo anche l’altro lato fondamentale: L’informatizzazione di massa l’ha fatta la casa di Redmond perchè per il settore Desktop (ovvero la massa) è stata l’unica sola e vera alternativa per anni. E poi, ubuntu ubuntu ubuntu, ma qualcuno lo ha visto PCLINUXOS ? Quello è HUMAN BEINGS, ubuntu si può pure sotterrare. tutto questo sempre e solo IMHO, come sempre ;) Buona Vita !

  12. MFP Says:

    Io onestamente non mi pongo più il problema da… dall’inizio.
    Al tempo usavo WindowMaker… ero follemente innamorato… io e lui stavamo ore a giocare con i cubetti… la cosa mi faceva sentire un po’ gay perchè era maschio (ie: grezzo)… ma a me i gay piacciono (io sono etero 100%, però sia i gay riservati che le checcone appariscenti sono in genere persone estremamente interessanti… mia esperienza e basta, non saprei se la cosa è estrapolabile). E mi rodeva anche un po’… perchè per KDE c’erano delle applicazioni fantastiche (es: ricordo quanto era brutto kvirc su WindowMaker… e il culo che mi sono dovuto fare per compilare tutto sulla mia slakware dell’epoca). Mi ero anche incaponito che volevo un desktop bello come KDE… e allora daje a smanettare con enlightment… ma ero (e sono) un cocciuto… le Qt erano closed…
    Poi è arrivato Gnome il messicano… tutto contento per questa nuova possibilità sono salito sulla barca… nonostante sia stato molto duro buttare quel piccolo equilibrio instabile che mi ero creato negli anni su WindowMaker… però Gnome andava usato; in qualche modo bisognava contribuire a questa alternativa aperta.
    E da allora non mi sono più chiesto quale desktop usare; anche se quando subito dopo il lancio di Gnome le Qt furono aperte… un pensierino a KDE ce lo feci… sono rimasto lì dove mi aveva portato il cuore. Che ci vuoi fare… sono un romantico…


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: