Non comprate Fiat, e come consumare di meno

15-09-2007

Microsoft e Fiat hanno stretto una partnership (letto su ecogeek) per produrre EcoDrive, una chiavetta USB che permette la connessione dall’auto al PC (tramite il Blue&Me), per condividere dati importanti riguardanti il proprio stile di guida, con lo scopo “dichiarato” di permettere al guidatore di capire come migliorare lo stile di guida e ridurre i consumi.

ecodrive_1

A prima vista sembra una buona idea. Ecco uno screenshot dal sito inglese Fiat dedicato ad EcoDrive:

ecodrive_2

Ora seguitemi bene, perchè è importante.

1) E’ LODEVOLE che una casa automobilistica si interessi dell’ambiente.

2) E’ UNO SCHIFO che una casa automobilistica si interessi dell’ambiente solo perchè i suoi consulenti le hanno suggerito di farlo per avere più “appeal” nei confronti del mercato, ma comunque l’intento rimane LODEVOLE.

3) E’ UNA TRAGEDIA che la tecnologia chiusa e proprietaria si stia lentamente insinuando anche nelle nostre auto, dopo aver contagiato PC, telefonini, elettrodomestici, televisioni, radio, e in parte anche internet.

4) E’ UNA VERGOGNA che i consumatori NON prendano provvedimenti nei confronti di queste persone… E’ UNA VERGOGNA che ci siano telefonini con codice sorgente aperto, e che le persone CONSAPEVOLI del significato continuino a comprare telefonini con codice chiuso. E’ UNA VERGOGNA ANCORA PIU’ GRANDE che stiamo continuando ad acquistare macchine FIAT provviste di questo cazzo di Blue&Me e di altre amenità PROPRIETARIE.

5) E’ UNA SCHIFEZZA GIGANTESCA che i NOSTRI dati (di guida), costati fior di soldi (acquisto auto, benzina, tagliandi, assicurazione, bollo, meccanico), vadano GRATIS in mano a Fiat e Microsoft, che li useranno per i loro propri interessi, SENZA riconoscerci niente in cambio. Inoltre, perchè questi cavolo di dati devono rimanere CHIUSI e NASCOSTI?

Non c’entra niente che sia Microsoft, o che siano altri: le tecnologie proprietarie appartengono ai secoli passati. Siamo nel ventunesimo secolo, esistono GPL, Open Source, Creative Commons, Wikipedia, Linux, OpenSolaris, Open Educational resources, UbuntuSemplice, eccetera.

COME CONSUMARE DI MENO SECONDO UBUNTISTA

Ecco alcuni semplici consigli che mi hanno permesso, con una Fiat Punto Multijet 1.3 (anno 2003), di ottenere consumi istantanei bassissimi (38,3 km/litro), e un consumo medio di 32,5 km/litro (in un percorso misto urbano ed extraurbano, in Umbria):

ubuntista consumare meno

ubuntista consumare meno consumi fiat carburante ecologia

La distanza di riferimento di questa misurazione è superiore ai 500 km:

ubuntista consumare meno consumi fiat carburante ecologia

ATTENZIONE: misurando la velocità con un GPS, ho verificato che il contachilometri e il tachimetro sono “ottimisti”, segnando una distanza percorsa (e una velocità istantanea) superiore dell’8% rispetto al reale.
Ciò significa che i consumi (medi e istantanei) vanno “decurtati” dell’8%, diventando 35,2 km/litro (consumo istantaneo) e 29,9 km/litro (consumo medio).

Ecco i consigli!

1. MOTORE IN FORMA: Assicurarsi che la carburazione, o la miscelazione, della propria vettura sia buona; assicurarsi che i filtri dell’aria siano puliti, e che ci sia sufficiente olio nel motore. Sono tutti fattori che influenzano il rendimento del motore.

2. LEGGERI E AERODINAMICI: Alleggerire l’auto delle cose inutili, come gli oggetti in figura, e tenere i finestrini chiusi quando possibile (meglio usare eventualmente le bocchette interne). Ovviamente accendere l’aria condizionata comporta un aumento dei consumi considerevole.

ubuntista consumare meno consumi fiat carburante ecologia

3. DISTANZA GIUSTA: Quando si guida, cercare il più possibile di mantenere una distanza di sicurezza adeguata, in tale maniera (oltre che rischiare meno incidenti) diminuiranno le frenate, e di conseguenza l’energia sprecata nella frenata stessa.
Nell’esempio in alto, quello con un consumo istantaneo di 38,3 km/litro indicati (35,2 km/litro effettivi), ero in quinta marcia a circa 1.800 giri/min, il momento di massima coppia del motore. Per le lunghe percorrenze, aiuta tantissimo viaggiare con il motore costantemente vicino alla Coppia Massima. In sostanza, quando il motore gira ad un regime vicino alla coppia massima, è più efficiente, e quindi consuma meno.

4. PIEDE LEGGERO: le accelerazioni devono essere morbidissime, e bisogna cambiare marcia in un momento tale per cui non ci si “allontani” troppo dal punto di Coppia Massima, nè nella marcia precedente, nè nella marcia appena inserita.

5. GOMME A POSTO: controllate periodicamente la pressione delle gomme, deve essere quella giusta; se viaggiate spesso da soli, aumentate leggermente la pressione delle gomme del lato conducente.

ubuntista consumare meno consumi fiat carburante ecologia

6. ACQUISTATE COL CERVELLO: conoscendo la vostra percorrenza media annua, siete in grado di capire quanto è importante acquistare un’auto parsimoniosa… Di solito le utilitarie come la mia riescono ad avere consumi bassissimi, ma non è necessario privarsi di auto più belle; consiglio però di sceglierle anche in base al consumo.
Altra cosa importante: la mia 3 porte pesa circa 90 kg in meno di una 5 porte; viaggiando spesso da solo non ho bisogno di un’auto a 5 porte, e ho così risparmiato circa 500 euro all’acquisto, e 90 kg di “zavorra”.

7. FATE LA DIETA: attualmente peso circa 95 kg, almeno 12 kg oltre il mio peso forma… Non è grave, ma ci sono persone che sono sovrappeso di qualche decina di kg, in tal caso l’incidenza del peso comincia a farsi sentire. Oltre a consumare meno carburante, starete anche più in salute. (update: se poi si pesa troppo, il rischio è di non poter guidare l’auto).

8. SEMAFORI, TRENI E STOP: se sapete che il semaforo sarà rosso per almeno altri 12-15 secondi, è conveniente spegnere il motore. Se siete fermi ad un passaggio a livello chiuso, spegnete il motore. Se siete in fila ad uno stop e ci sono molte auto di fronte a voi, spegnete il motore.

9. SERBATOIO A META’: evito di avere un serbatoio troppo pieno, in tale maniera si risparmiano fino a 15-20 kg di peso. Lo stesso discorso può essere fatto per i liquidi come l’acqua per i vetri.

10. MENO TRAFFICO: quando posso, scelgo di fare delle cose in orari in cui so che c’è meno traffico… per molti potrebbe significare arrivare al lavoro con mezz’ora di anticipo, ma la valutazione in questo caso è personale.

Se avete altri suggerimenti, scrivete pure!

Ultimo consiglio: se potete, comprate una SMART, per tre motivi: consuma/costa/inquina poco, occupa poco spazio, non ti permette di sfracellarti contro un muro a 200 km/ora ma al massimo a 130.

smart_fortwo

119 Responses to “Non comprate Fiat, e come consumare di meno”

  1. Daniele Says:

    1) Nonostante io utilizzi solamente software open source NON C’E’ NIENTE DI MALE ad usare codice chiuso. Dopo un post così passerei le giornate a maledirti per ogni volta che ti sei bevuto una coca cola.

    2) Se io costruisco una macchina ci metto sopra quello che voglio. E se non ti piace la funzione blu&me o non la compri o non la usi. Ma non rompermi x’ io ce l’ho voluta mettere.

    3) I dati che vengono raccolti ti vengono ripagati con i consigli sulla guida (l’hai detto tu) quindi non rompiamo.

    4) Ho di meglio da fare che perdere tempo a gonfiarmi di pià un pneumatico rispetto ad un’altro solo perchè peso 90kg e oggi mi faccio 200km da solo. Per piacere….

    5) Al posto del consiglio 7 (“fate la dieta”) scrivi “usate di più la bici”. Poi vedi che la benzina scende meno!

    6) La tragedia, vergogna, schifezza ecc ecc ecc non è che la gente continui a comprare software chiuso ma che qualcuno si frigga il cervello con condizioni ideologiche che superano ogni sorta di equilibrio. E’ giusto che il mercato ci proponga diverse opportunità e possibilità di scelta. E’ giusto che l’open source prenda piede, ma BASTA INUTILI CROCIATE IDEOLOGICHE.

    E che cavolo!

  2. Giorgio Says:

    ma fammi capire, tu vai in giro a cercare reti wireless??

  3. quarion Says:

    Mi sembra un pò qualunquista il tuo discorso stavolta… Esistono alternative valide a questo sistema?
    Una qualsiasi società che produce software open source ha mai avanzato una proposta simile?
    Un prodotto open source è sempre migliore di un prodotto chiuso?

  4. ubuntista Says:

    Daniele: mi dispiace che la interpreti come una “crociata”. I codici aperti servono proprio per supportare qualsiasi ideologia.
    I consigli su come risparmiare carburante li ho messi, e nessuno ti obbliga a seguirli.

    Giorgio: cosa intendi?

  5. ubuntista Says:

    quarion: esiste la SMART, che consuma MENO di qualsiasi Fiat INDIPENDENTEMENTE dal tuo stile di guida.

  6. Daniele Says:

    Ubuntista: “3) E’ UNA TRAGEDIA che la tecnologia chiusa e proprietaria si stia lentamente insinuando…”,” E’ UNA VERGOGNA che i consumatori NON prendano provvedimenti nei confronti di queste persone… E’ UNA VERGOGNA che ci siano telefonini con codice sorgente aperto, e che le persone CONSAPEVOLI del significato continuino a comprare telefonini con codice chiuso. E’ UNA VERGOGNA ANCORA PIU’ GRANDE che stiamo continuando ad acquistare macchine FIAT provviste di questo cazzo di Blue&Me e di altre amenità PROPRIETARIE.”,”Non c’entra niente che sia Microsoft, o che siano altri: le tecnologie proprietarie appartengono ai secoli passati”

    Non è una crociata? Una presa di posizione radicale associabile ad un estremo immotivato fanatismo?

  7. Luca Says:

    bravo Ubuntista.. :-)
    Daniele non prestare attenzione alla pressione delle gomme pensa alle crociate (tua compresa)

  8. Giorgio Says:

    @ubuntista

    a cosa serve quel tubo (forse di palline da tennis) con un filo che esce sul tuo cruscotto?


  9. 11- E’ meglio percorrere le discese più ripide con la marcia ingranata (alta o bassa in base alle necessità), e sfruttare il freno motore, piuttosto che andare in folle. Sembra paradossale, ma si consuma di meno (quasi zero), perchè il motore viene letteralmente trascinato in rotazione e il consumo di carburante è quasi nullo. Andando in folle il motore ha bisogno di energia per mantenersi acceso e quindi consuma un minimo quantitativo di carburante.

    12- In partenza, evitare di scaldare il motore. Con i moderni benzina e diesel si parte piano e si scalda il motore progressivamente senza affondare e andare su di giri (cosa particolarmente importante per i diesel).

    13- La “sgasatina” prima di spegnere il motore è inutile, inquinante e antieconomica. Per i motori turbo, non spegnere il motore immediatamente dopo essere saliti di giri, ma aspettare qualche secondo così che la turbina riduca la velocità di rotazione (spegnendo il motore non viene più lubrificata, e se sta ancora girando non è una bella cosa)

  10. ubuntista Says:

    Daniele: la crociata potrebbe essere “comprate SOLO bmw”; dire invece che certe cose dovrebbero essere standard e aperte è l’opposto di una crociata. Se non riusciamo a capirci così, temo che rimarremo ognuno nella propria posizione. In ogni caso, “immotivato” non lo è davvero.

    Luca: grazie :-)

    Giorgio: palline da tennis = per giocare con i cani di Lorenzo; cavo = non è un cavo, è il mio “borsello” nero.

    Andrea: grazie, sempre preziosissimo!! :-)

  11. diegor Says:

    Crociate o no, Windows, Linux o chi per loro credo che la maggior parte dei consigli si Simone siano preziosi. Io nella mia auto ho installato l’impianto a metano rispettando l’ambiente (emetto solo CO2) e riducendo del 75% i costi rispetto alla benzina. Scusate se è poco!

  12. mattions Says:

    Le elettriche saranno il futuro, soltanto se l’elettricità verrà prodotta da fonti rinnovabili.

    E’ ovvio che servono delle soluzioni che siano un ordine di grandezza superiore a quello prodotto tutt’oggi con il fotovoltaico.

    Quindi il fototermodinamico (Archimede) e la geotermia di terza generazione potrebbero essere delle scelte interessanti, sempre che l’Italia punti ad investire in questi campi, piuttosto che costruire dei rigassificatori per un gas che sta finendo ed aumenta l’emissione di Co2.

    Inoltre l’utilizzo della bici, per brevi distanze, può essere risolutivo.

    Se questo viene accompagnato ad un sistema ferroviario decente ed economico, la bici può diventare anche una possibile scelta per alte percorrenze.

  13. ubuntista Says:

    mattions: concordo… e sarei d’accordo anche per una reintroduzione del nucleare di nuova generazione.
    Il fatto delle “fonti” di energia ci porterebbe tuttavia un po’ “off-topic” in questo post.

  14. Prioni Says:

    No, la Smart no! Ha una tenuta di strada pari a 0, arrivi a 100 km/h e comincia a fare un chiasso assordante, arrivi ai 140 (il massimo) e non puoi più nemmeno parlare. Io preferisco una macchina sicura, che consumi un po’ di più – anche se non ho ancora la patente :) .

  15. ubuntista Says:

    La nuova Smart ha migliorato molto la tenuta di strada (soprattutto grazie a gomme + larghe), e una velocità bassa per me è positiva, non negativa.
    La Smart ha una sicurezza comparabile con quella di una Grande Punto.

  16. Eric Says:

    Scusa se mi permetto, dopo tutta sta lista di consigli da maniaco per risparmiare un decimo di litro all’anno mi dici di comprare una smart???? a parte il fatto che non costa affatto poco.. ci si va solo in due, il vero risparmio si ottiene utilizzando in piu persone lo stesso mezzo. quindi meglio andare in 5 su una bravo che in 2 su una smart!!!! cosi magari riesco anche a metterci il cestello da 6 bottiglie d’acqua!

  17. Lopo Says:

    Inoltre la bici è il vero mezzo di locomozione “free as in freedom”! Te la smonti, rimonti e sistemi come vuoi, puoi portare pezzi da una bici all’altra… ;-)

  18. ubuntista Says:

    Eric: avevo letto una statistica secondo la quale gli americani viaggiano da soli il 98% del tempo… credo che la percentuale per gli italiani non sia poi molto dissimile… in tali casi, la Smart può essere una soluzione.

    Lopo: si è vero, ma in tanti casi non è una soluzione… io ogni mattina faccio 20km+20km per andare e tornare (d)al lavoro, come farei con la bici?
    In alcune città, o se lavori vicino casa, è ovviamente la scelta migliore.

  19. quarion Says:

    ubuntista: che ci azzecca il tuo commento sulla smart con il mio commento?

    La smart ha di contro: è limitata a due persone, costa una fracca, se ti si rompe un qualsiasi pezzo sono dolori.

    La smart sicurezza comparabile alla grande punto?

    la smart prende TRE stelle euroNCAP, la grande punto CINQUE…

  20. hronir Says:

    Andrea Colangelo, la storia del motore che consuma poco/niente se la marcia è ingranata e non si pigia per nulla sull’acceleratore (siamo in discesa), è vera sia per le macchine diesel che per quelle a benzia? Sul “consumometro” della mia diesel, vedo effettivamente i cosumi scendere a zero in quel caso, mentre nel “consumometro” della benzia il consumo si “siede” sui 2litri/100km indipendentemente dal fatto che scenda in folle o in marcia. C’è da dire che il “consumometro” della mia benzina sembra molto più impreciso di quello della diesel (risponde in maniera molto ritardata (1-2 secondi!) ai cambiamenti di accelerazione), quindi potrebbe non essere affatto un buon strumento di misura…
    Grazie, ciao!

  21. ubuntista Says:

    quarion: era una risposta a “esistono alternative valide”.

    Sulla sicurezza, ho commesso un errore: mi riferivo alla MIA punto, non alla grande punto. Sorry. :-)

  22. Steo Says:

    A me alcuni consigli sono sembrati utili, altri un po esagerati…non penso che spegnerò la macchina per risparmiare 15 secondi di benzina…però è giusto darsi una regolata e stare un po attenti a queste cose!
    Forse comprerò una fiat 500 a breve, da una parte mi rode sapere che avrà un tasto “windows” sul volante…ma a conti fatti il sistema blue&me mi sarà utile e lo utilizzerò…se poi dovesse uscire un “linux on 500” ci farò un pensierino ;)!!

  23. Steo Says:

    PS un pensierino a garanzia scaduta :P

    PPS Simone sicuro che la smart costi meno???La diesel credo arrivi anche a 12000 euro e a conti fatti non mi sembra la macchina ideale per viaggi superiori ai 100km…
    Inoltre la cella di sicurezza della smart è vero è resistentissima…ma dopo che ti sei cappottato 4 o 5 volte non stai tanto bene ne tu ne la macchina…

  24. ubuntista Says:

    Steo: perchè la 500 quanto costa? :-)

  25. c1k0 Says:

    @giorgio

    eheh… vecchio wardriver… sempre a pensare alle c-antenne.. :P

  26. quarion Says:

    Il punto l’ha centrato steo.
    Esistono alternative aperte al sistema blue&me?
    Esistessero.. :-)

    Per le alternative valide bisogna vedere tutti i pregi e tutti i difetti.
    Io come alternative valide vedo la matiz gpl, oppure la panda gpl.
    La prima decisamente economica, la seconda solida e di ottima qualità.

    Macchine che fanno centinaia di km con pochi euro…

  27. Furlan Says:

    In realtà l’Italia è uno dei pochi paesi in cui non si spegne mai il motore. Ed è innegabile che spegnere il motore sia uno dei primi accorgimenti per risparmiare benzina. Infatti stanno uscendo macchine per la precisione della bmw (chissà perchè sono sempre i tedeschi a fare le cose per primi :P ) che spegne in automatico la macchina quando ferma e basta spingere l’acceleratore e questa si riaccende. Il software chiuso non è il male, semplicemente un altro modo di fare software, certo io preferisco il free software perchè più etico.
    Per il resto il blog è di Ubuntista e lui scrive ciò che vuole.

    Ciao ciao

  28. steo83 Says:

    Più etico perchè?Questa cosa non la capisco…ok che politiche aziendali di società come microsoft non sono etiche…ma una piccola impresa di 3 persone che si inventa un piccolo programma che ha successo…non vedo cosa ci sia di non etico se invece di distribuirlo gratis, se lo fa pagare.

  29. steo83 Says:

    @ Simone:
    Costa anche di piu della smart, ma ha qualcosa in piu di 2 posti (non si può dire che ne ha 4…) e credo che sopporti più facilmente viaggi di 200km, cosa che con la smart a cambio automatico vedo difficile…

  30. mattions Says:

    L’idea di comprare una smart è semplicemente orribile. IMHO

    L’idea di prendere in esame il ‘nuovo’ nucleare è ugualmente fuori tempo massimo, controproducente e completamente fuori da quelle che sono le vere fonti rinnovabile.

    Ma non andiamo OT.

  31. ubuntista Says:

    steo83: il piccolo programma può costare, certamente… ma una cosa così universale come l’auto dovrebbe avere delle specifiche “aperte” (e NON NECESSARIAMENTE gratuite).

    mattions: grazie per aver evitato l’OT.

  32. steo83 Says:

    Mi sembra un discorso che fili…

  33. Prioni Says:

    Io sulla nuova smart ci sono salito, e ripeto che il rumore è fastidiosissimo, la tenuta resta scarsa: in curva allarga moltissimo.

  34. Gasolino Says:

    Faccio un paio di precisazioni:
    1) il motore non consuma meno quando è al regime di coppia massima, è solo il rendimento ad essere massimo (soprattutto nei benzina). Ma la potenza erogata è anch’essa alta. Per capirci, se stai viaggiando a 50km/h non devi tenere la 3a perché è più vicina alla coppia massima; se metti la 5a consumi comunque meno, perché il minor regime (maggior rendimento meccanico) compensa ampiamente il minor rendimento termofluidodinamico. E ancora se viaggi a 50km/h in 5a consumi meno che a 90, anche se sei lontano dalla coppia massima.
    2) In discesa andare in folle (o meglio a frizione tirata) migliora sempre il consumo di combustibile, proprio perché il motore trascinato frena (sottrae energia cinetica) l’auto. Ma non lo puoi fare sempre: se trovi una lunga discesa in superstrada e la pendenza ti consente di non perdere velocità ha senso; se stai facendo lo stelvio è praticamente un suicidio, perché dopo 3 curve si surriscaldano i freni ed alla 4 sei giù nella scarpata.
    In conclusione, per consumare poco ci sono solo 3 consigli che riassumono/integrano quelli di Simone, che sono complessivamente corretti:
    1) motore e gomme in ordine;
    2) andare piano e “regolare” (cioè accelerare piano, velocità bassa e frenare poco);
    3) usare l’auto il meno possibile, ad esempio cercando di fare più commissioni nello stesso viaggio e usando piedi/bicicletta se possibile.
    Do per scontato che si usi un auto normale, perché se uno compra un Hummer o una Cayenne non credo si preoccupi del consumo.

  35. ubuntista Says:

    Gasolino: la mia considerazione della “coppia massima” non teneva conto della resistenza aerodinamica… ma cmq, con la mia punto a 50 o 75 km/h consumo lo stesso (bilanciamento tra migliore efficienza del motore a 75 km/h ma peggiore aerodinamica).

  36. hronir Says:

    @Gasolino: se vai a una velocità fissata (50km/h) consumi meno se giri alla coppia massima (per definizione: gli attriti dell’aria sono gli stessi, e quindi la potenza da erogare è la stessa…)
    Si consuma di meno ad andare a 50 invece che a 90 (anche se a 90 si è più vicini alla coppia massima) perchè gli attriti aerodinamici che bisogna vincere a 90 sono maggiori, quindi bisogna erogare maggior potenza per restare a 90 che per restare a 50. E dunque la potenza da erogare a 90 è erogata più efficientemente, ma è maggiore e dunque i consumi netti (litri/chilometro) maggiore.
    Sbaglio?

  37. ubuntista Says:

    hronir: abbiamo detto la stessa cosa :-)

  38. Gasolino Says:

    @prioni: scusa, ma te l’auto la vuoi usare per fare le corse? La smart allarga in curva solo se vai troppo forte, come qualsiasi auto. Cerca di crescere, va… Se fosse per me metterei il limite di 75KW per le auto e la velocità autolimitata a 110Km/h. E se manometti il limitatore la macchina te l’accartoccio, e ti faccio anche pagare le spese. L’auto è un mezzo di spostamento, non è ne’ un gioco ne’ uno status symbol. Ovviamente per le moto vale lo stesso. E parlo da motociclista e appassionato di motori.

  39. Gasolino Says:

    @hronir: sbagli, perchè se a 50 fissati tieni la 3a invece della 5a stai parzializzando di più (schiacci meno il pedale) e il motore fa molti più giri; ora il rendimento di pompaggio peggiora parzializzando e il rendimento meccanico peggiora circa linearmente con il regime di giri, mentre il rendimento termofluidodinamico non migliora così tanto. Quindi, a 50 fissati in 5a consumi meno che in 3a, anche se sei più lontano dal regime di coppia massima. Ti faccio presente che regime di coppia massima non vuol dire che stai effettivamente erogando tutta la coppia disponibile, infatti a 50 non viaggi a gas spalancato, ma parzializzi tantissimo, sia in 3a che in 5a. Ovviamente è solo un esempio, se hai un’auto che ha una 3a da 200km/h può darsi che in 5a a 50 il motore sia prossimo allo spengimento…
    Riguardo al confronto 50-90km/h il discorso è più complicato di quanto credi :) infatti la potenza erogata aumenta, ma il tempo di percorrenza diminuisce. La potenza, però, aumenta più di quanto diminuisce il tempo, quindi il consumo effettivamente aumenta.
    @ubuntista: io ho fatto un discorso generale, in pratica, può darsi che tra 50 e 75 la differenza sia impercettibile, o nulla del tutto, ma se aumenti a 90-100 sono sicuro che vedrai aumentare il consumo.

  40. ubuntista Says:

    Gasolino: occhio con i toni verso prioni; per il resto, come tu immagini, a 90 o 100 il consumo aumenta.

  41. Gasolino Says:

    In sostanza non conta un cavolo il regime di coppia massima. Per consumare poco bisogna solo andare piano e far girare il motore a basso regime, ovviamente senza esagerare, sennò si innesca un problema di cattiva combustione, con rischio di detonazioni, che causa incrostazioni e maggiori emissioni. É sufficiente un po’ di orecchio per capire se il motore “gira bene” oppure è troppo sottocoppia.

  42. Gasolino Says:

    Mi scuso per il tono verso prioni, ma certi discorsi infantili mi urtano proprio. Oh, io ho solo 25 anni, intendiamoci, non sono un vecchio brontolone, ma un giovane brontolone :) ciao e buona domenica.

  43. quarion Says:

    Che poi… in una macchina non fai variare il consumo di benzina premendo sull’acceleratore? più premi e più benzina viene usata… Quindi meno premi e meno benzina consumi.

    a 50 km/h in 5a devi premere sicuramente di meno l’acceleratore che in terza.. certo, se poi devi accelerare il discorso cambia, visto che in 5a la coppia massima è più lontana che in 3a, ma per una velocità di crociera come può essere l’autostrada non è più semplice il mio discorso?

    oppure ho detto tante tante cazzate? :D

  44. Attila Says:

    Ammazza che successo sto post :O

    Comunque sono d’accordo con chi ha detto che bisognerebbe limitare la potenza (o meglio i consumi) per legge, 75 kW sono ancora tanti e anzi la maggior parte delle auto ha proprio quella potenza.
    Per quanto riguarda le auto più risparmiose segnalo la Toyota Yaris con un motore a tre cilindri, la volkswagen fece anni fa una Lupo 1200 diesel che faceva 100 km con tre litri, l’audi fece una A2 simile e anche le FIAT di piccola cilindrata sono ottime.

    E’ semplicemente allucinante vedere in città dei SUV o delle mega berline che sembrano portaerei, la prestazione velocistica media di un auto in città è sui 14 km/h non hanno senso questo tipo di auto che sono solo uno status simbol per ricchi.

    P.S. Esistono degli additivi da aggiungere all’olio motore a base di bisolfuro di molibdeno (è un lubrificante solido) che sono in grado di ridure gli attriti degli organi meccanici e quindi i consumi, sono utilizzati moltissimo nelle corse ma c’è gente che l’ha usato nel proprio motore riducendo i consumi del 3-4 %.

  45. informatix Says:

    Mi sembrano un po’ troppo grosse quelle parole… io uso linux e uso windows… c’è del buono nel codice aperto ma il codice chiuso deve esserci… non siamo mica nella russia preperestroica (il paragone non è il più azzeccato ma se si pensa in termini di mercato e non di politica forse rende l’idea)

  46. Steo Says:

    ahah!Grande infomatrix, mi trovi daccordo!

    PS A TUTTI:

    A RAGA COPPIA NON COPPIA, KM PIU KM MENO…MA STI C***I L’IMPORTANTE è DIVERTIRSI!!!STATE PASSANDO UN SABATO POMERIGGIO DI SOLE A SCRIVE DI MOTORI SU UN BLOG DI UBUNTU!!!!:D e basta…

  47. Gasolino Says:

    @quarion: il tuo ragionamento non è semplice, è solo semplicistico, senza offesa. La formula della potenza, nei motori a combustione, coinvolge 7 diversi rendimenti energetici più il rendimento volumetrico, che variano TUTTI, cambiando le condizioni di marcia (velocità, regime di giri, apertura del gas, pendenza, accelerazione etc). Ho cercato nel mio post precedente di mantenermi su un basso profilo, se provo a semplificare ancora finisco di sicuro per dire delle cavolate. Mi dispiace, incapacità mia.
    @informatix: no no, le parole non sono grosse per niente: il codice chiuso dovrebbe proprio sparire. Se fossimo nella russia preperestroika, infatti, esisterebbe SOLO codice chiuso, o pensi che i sovietici avrebbero volentieri condiviso i loro software con il resto del mondo? In termini di mercato le multinazionali del codice chiuso sono gli USA e l’USSR, che si fronteggiano cercando di mantenere i propri segreti, schiacciando o conquistando qualunque competitore.

  48. ubuntista Says:

    informatix: perchè dovrebbe esserci NELLA MIA AUTO?

    Steo: in effetti non hai tutti i torti… io cmq stavo smisticando con http://www.beeseek.org, per questo sono connesso di sabato :-)

  49. Gasolino Says:

    @steo: hai proprio ragione :) comunque tra un po’ esco con gli amici a farmi una birra e a vedere du’ tope, come si dice qui a Firenze. E domani vado in campagna, aaah, aria pulita e relax.
    ps Cacchio, oggi ho commentato tantissimo!

  50. ubuntista Says:

    La topa è sempre risolutiva, non c’è niente da fare.
    Gasolino si è già scordato la coppia, il rendimento energetico, volumetrico e la supercaxola prematurata :-)

  51. icdui Says:

    In umbria dove?

    Io sono di Città di Castello…

  52. quarion Says:

    gasolino, purtroppo di questo non me ne intendo assolutamente.

    Io mi riferisco ai consumi, non alla potenza.

    Ad una certa velocità non credo sia il numero di giri ad influenzare il consumo, ma quanto premo l’acceleratore che mi fa variare il consumo.
    Questo perchè se a 50 km/h io ingrano la 6 di una ferrari sono talmente lontano dai giri ideali di coppia del motore che devo usare più benzina per mantenere i 50 km/h. oppure no? (altrimenti rischio di spegnere il motore, poichè a causa del rapporto degli ingranaggi la resistenza della strada, dell’aria e di tutto quel che ti pare è troppo alta).

  53. Prioni Says:

    @gasolino: con la smart nessuno vuole fare le corse. Io dico che in curva allarga, anche se all’ingresso della curva la velocità è moderata. E’ impressionante vedere quanto la macchina sbandi se si tocca l’acceleratore in curva.
    Cercherò di crescere, per quanto mi è possibile.

  54. Luca Says:

    35Km con un litro? Sono curioso, domani provo a vedere com’é andare in quinta a 1800 giri/min

    Ciao.

  55. ondapi Says:

    basta andare piano e senza troppe accelerate inutili,
    la smart, si forse… se sei da solo e non devi fare troppa spesa, ma secondo me nessuno batte la vecchia panda
    oohps non è neppure riconosciuta da windows vista
    non so se la fiat rilascerà i drivers

    per risparmiere un po’ di energia basterebbe consumarne un po’ meno
    ci ho provato:
    ciao a tutti

  56. Sleeping Says:

    Io consiglierei di informarsi anche per quanto riguarda il metano. Se la macchina è troppo vecchia può non valerne la pena, ma se è recente il risparmio economico e di inquinamento si sente.
    A fronte di qualche scomodità tranquillamente sopportabile (distributori meno facili da trovare, velocità ed accelerazione leggermente inferiori) si inquina molto meno e si risparmia molto.
    Ottimi comunque anche i consigli di ubuntista…

    :-)

  57. ubuntista Says:

    Sleeping: si, il metano è interessante… ma i miei consigli si applicano a prescindere dal carburante utilizzato.

  58. Gasolino Says:

    Nota: questo è l’unico commento che farò oggi ;)
    @quarion: hai detto tu stesso che non te ne intendi, e infatti si capisce da quello che dici, ripeto, senza offesa.
    Tra l’altro “giri ideali di coppia” non vuol dire proprio niente, è come una supercazzola :) Il consumo dipende principalmente proprio dalla potenza erogata, non sono due cose separate… Prova a rileggere qui. Un motore è una cosa complessa, come ho detto. Se si semplifica troppo si fanno dei grossolani errori. Comunque non credo di poter tenere una lezione di motori qui, ammesso che io sia in grado :) Se vi interessa cercatevi delle fonti autorevoli (non quattroruote o altre riviste). Magari se ho tempo scrivo qualcosa sul mio sito.

  59. zeroaudience Says:

    ma andiamo ragazzi…

    la Smart no perché si va solo in due?

    ma quando servono più posti? forse per l’uscita settimanale…

    basta fermarsi a un qualsiasi semaforo e fare il conteggio degli occupanti per ogni auto che passa

    Simone ha evidenziato degli ottimi metodi per una guida responsabile (in tutti i sensi)

    aggiungo anche: evitate di prendere la macchina per fare 300mt (leggi tabacchino, supermercato, negozio dietro l’angolo, mignotta preferita)

    esiste la bicicletta, anche una graziella va bene, e non sapete quante fighette disposte al dialogo si incontrano sui bus :D

    p.s. per la scelta del partner, tra produttori di robaccia si intendono alla perfezione si vede

  60. Eli Says:

    Lo ammetto, non ho voglia di leggere tutti e 55 i commenti.. dico solo la mia al volo, probabilmente essendo ripetitivo..

    a) autobus & mezzi pubblici
    b) biciclette

    E’ la mentalità che va cambiata: fate caso alle macchine che vi girano intorno, il 75% avrà dentro un solo passeggero. Spostiamo centinaia e centinaia di kg per auto che fa fare percorsi medi di una manciata di chilometri ad un solo passeggero!

    Ci sono città come LECCE (che non è sta grande metropoli) in cui chi prende un mezzo pubblico viene visto dai leccesi quasi come “un pezzente”.. ma stiamo scherzando? Ci sono altre città in cui i mezzi pubblici fanno pietà, come organizzazione.. lì forse non si può far nulla.. ma noi nel nostro piccolo facciamo davvero il possibile per inquinare meno? Sarà un auto con un programmino microsoft a ripulire le nostre coscienze?! bah…

    Buona domenica! :)

  61. emilator Says:

    approvo quanto scritto da Eli, magari dei mezzi pubblici più “informatizzati” con un sistema di controllo “biglietti+traffico+ritardi+chi+ne ha+ne metta” gestito da un bel sistema equipaggiato con free software.
    L’Italia è davvero molto indietro, anche rispetto ai più vicini compagni Europei.
    resta ad ogni modo fastidiosa questa dilagazione immotivata del software proprietario, se un produttore si interessa all’ambiente dovrebbe fare 31 e dedicare un pensierino al software libero, ma è ovviamente pretendere troppo.

  62. quarion Says:

    @gasolino: io infatti parlo di velocità fissa.. come se dovessi andare a 50 km/h e stop, senza curve, senza salite senza discese.

    Cmq.. che nella realtà il mio discorso sia molto semplicistico è assolutamente vero.
    E infatti ti chiedo di farla la lezione di motori :P

  63. Tobe Bofh Says:

    C’è un’auto che rispetta tutte le indicazioni che dai tu, ed è la Toyota Prius.
    E’ l’unica berlina 5 porte che pesa meno di 1,3 tonnellate.
    L’alimentazione ibrida utilizza il motore a combustione (ciclo Miller, meno inquinante del ciclo Otto) solo quando serve per uno spunto o per ricaricare le batterie facendolo girare intorno al regime di coppia massima.
    Andare in discesa a motore spento utilizzando l’energia ricavata dal rotolamento delle ruote per il condizionatore è incredibile.
    Così come andare nello stop&go urbano in pieno silenzio grazie al motore elettrico, sufficiente da solo fino ai 40 Km/h.

  64. Traffyk Says:

    La nuova Smart ha migliorato molto la tenuta di strada (soprattutto grazie a gomme + larghe), e una velocità bassa per me è positiva, non negativa.
    La Smart ha una sicurezza comparabile con quella di una Grande Punto.

    Cioè io che ho speso 19.500 euro per una GPunto Emotion Full Optional devo sentirmi dire che una smart ha livelli della mia macchina..ma stiamo scherzando? La smart è una scagazzata di macchina, non serve a nulla, al massimo ci puoi andare a buttare la spazzatura dietro l’angolo e magari lasciarci li anche la smart, non puoi affrontare un viaggio e il piano sicurezza è inesistente per favoro Ubuntista ho sempre ammirato i tuoi articoli ma se devi offendere una Gpunto almeno informati prima di parlare.
    5 stelle euroncap, risultato addirittura superiore alla renault clio che ha anche un airbag in più, merito del lungo cofano anteriore e delle posizioni degli occupanti molto studiate(in basso).

    Poi per i tuoi consumi medi, per favore… non dire …BIIIP, un Mj 1.3 fa al max dai 19 ai 25 km/litro esagerando (dati dichiarati da fiat a velocità costante che ora non ricordo), se poi tu invece ti metti a guidare come una nonnetta in quarta e quinta e a 90 all’ora ti metti a fare le fotografie dopo aver rilasciato il piede dell’acceleratore (ed è palese visti i scarsi 1800 giri, dove non c’è coppia neppure fidati).

    Queste cose per favore lasciale dire agli esperti di quattroruote, e togliti la punto che non sei degno di rappresentare il marchio fiat, comprati invece una smart e vai al lavoro con quella.

    Avrei preferito non commentare per non fare una brutta figura, ma leggendo il tuo commento non ci sto proprio.
    Ciao e senza rancore ;)

  65. ubuntista Says:

    traffyk: parlavo di Punto, NON di Grande Punto, e mi sono corretto qualche commento fa.
    Sul resto del tuo commento, ti dico solo che non meriti nemmeno la lettura. Hai un tono saccente e offensivo (non sono “degno” di rappresentare il marchio fiat? Ma cosa stai dicendo?), e parli di cose che evidentemente non conosci bene.
    Spiacente di vederla in modo diverso da te.
    Senza rancore pure io.

  66. norton Says:

    per la prima volta non mi trovo (in parte) d’accordo con te, il punto in questione è il 5° punto.

    il vantaggio di dare i tuoi dati c’è, la prossima volta che compri un auto sarà costruita con tecnologie che si basino (nella media) sulle tue esigenze.
    Che questi dati siano segreti fa parte del segreto industriale che, se da un lato spinge all’innovazione per far fronte alla concorrenza, non permette il più fruttuoso lavoro di cooperazione.

    Una fiat che abbassa i costi dell’utilizzatore è quella col metano integrato, altro che smart!

    ( non so se queste cose le ha già dette qualcun altro, purtroppo non ho tempo per leggere anche gli altri commenti, ma siccome mi occupo ance di mobilità volevo dire la mia. )

  67. kpaolo Says:

    non voglio inscenare nessun flame ma, anche se questo blog ( molto famoso ) parla “prevalentemente” di FOSS, mi viene da obiettare su una cosa..

    come si può consigliare ad un pubblico italiano di non acquistare auto dall’ azienda di bandiera???e come si può per giunta suggerire di acquistare macchine straniere??

    al di là delle scelte tecnologiche che hanno spinto FIAT a fare determinate scelte ( e cmq – purtroppo – di linux su computer da autotrasporti ancora non ne ho sentito parlare…), non riesco proprio a spiegarmi tanto masochismo, per cui dovrei comprare un auto a due posti ( per essere più ecologici??? ) STRANIERA anzichè una berlinetta normale ( cinque posti! ) ITALIANA…

  68. steo83 Says:

    Io sono daccordo con kpaolo, e tra le altre cose…scusa Simone ma non hai una punto??:D

  69. ubuntista Says:

    kpaolo: non vedo motivi per favorire una azienda italiana rispetto ad una straniera… se credi che da ciò dipenda il lavoro delle persone che lavorano in fiat… sbagli di grosso.

    Cmq non dico che le macchine italiane non vanno bene… il concetto da esprimere era: “piuttosto che risparmiare 1-2 km/litro grazie ai suggerimenti della fiat, risparmio direttamente 2-3-4 km/litro perchè invece di comprare la fiat compro la smart.”
    E considera che la mia era anche una provocazione, e per tale motivo va presa e letta come tale (non solo, ma anche).

    steo83: ho una punto, infatti, ma i miei “consigli di guida” li ho fatti da solo, e condivisi con voi (se vogliamo, con uno spirito “open source”).
    Attualmente comprare una smart mi costerebbe troppo e non me lo posso permettere. Tutto qui :-)

  70. kpaolo Says:

    @ubuntista:se credi che da ciò dipenda il lavoro delle persone che lavorano in fiat… sbagli di grosso. >> dissento.anzi, non solo dipende il loro lavoro, ma anche la NOSTRA qualità della vita, visto che la ricchezza prodotta ANCHE da FIAT Auto va a finire “in qualche modo” anche nelle nostre tasche…

    P.S.: ne approfitto ora perchè prima me ne ero dimenticato…è la prima volta che scrivo sul tuo blog, ma lo seguo da tempo ormai!complimenti

  71. Traffyk Says:

    Non ho letto tutti i commenti perchè hai un bel po di utenti affezionati che scrive molto, me compreso via feed, se hai corretto allora bene ti faccio le mie scuse però confrontare una Smart che non neppure un’automobile con una Grande Punto ci vuole del coraggio ed è per questo che sinceramente mi sono ritenuto offeso e molto pure.
    Il top della gamma italiana al momento insieme alla stupenda Bravo barattato per una smartina è un’esagerazione e fortunatamente non hai molti utenti patiti di automobili come me altrimenti ne avresti viste di cotte e di crude;) Ciò non toglie che la tua Punto resta sempre superiore in tutti i fattori rispetto alla smart e non è poco se permetti, anzi la tua vettura è l’auto migliore al mondo per il lavoro, pratica, economica, parsimoniosa, spaziosa e molto alto (altrimenti avresti comprato la smart)

    Non comprate Fiat poi si commenta da sola.. qua devi farti un serio esame di autocritica e rivalutare il marchio italiano e la tua vettura che è una signor automobile (quando la rivenderai te ne renderai conto).

    Riguardo al discorso Open Source è semplicissimo, le aziende hanno bisogno di un prodotto in x giorni, vanno da una ditta privata e si fanno creare il software che più gli aggrada naturalmente closed(altrimenti la ditta non è che fa il lavoro tanto per..) con determinate caratteristiche e garanzie certe. Inoltre se un’azienda richiedesse di commissionare un software openS e pagarlo a caro prezzo per poi farselo fregare dalla concorrenza capisci subito che è totalmente impossibile attualmente.
    Soprattutto riguardo sistemi di sicurezza attiva e passiva come ESP, ABS, TCS o ASR, ripartitori di frenata Eba, stabilizzatori di assetto e così via, per questi sistemi per gli studi e le ricerche fatte ci vogliono milioni e milioni nessuno tu neppure scommetto doneresti il tutto alla comunità openS senza trarne un vero vantaggio..

    Sarà pur vero che sistemi del genere potrebbero essere migliorati e revisionati più velocemente dalle comunità di sviluppatori ma questo alle case costruttrici almeno per il momento non interessa, a loro interessa il guadagno su ogni singola componente della vettura.

    Ci sono gia alcuni sistemi di condivisione di motori (il gruppo Psa-ford e la fiat ad esempio sono le maggiori case costruttrici che forniscono motori diesel a tantissime altre, mentre toyota prevale nel settore dei motori a benzina) o intere parti d’auto (Citroen, toyota e peugeot) e tanto altro ancora, non sarà proprio open source ma piano piano le aziende si rendono conto che sviluppare da zero non rende più e cominceranno a condividere sempre di più le varie componenti e magari un giorno condividere anche i sorgenti(ma ne dubito).

    PS: la guida open source per guidare come una nonnetta però potevi risparmiartela :D
    E non fa il permaloso :P

  72. motumboe Says:

    complimenti! Anche io ho una punto mjet 1300 (però 5 porte), ma raramente scendo sotto i 4,5l/100km. Bravo!

  73. quarion Says:

    Questo è un grosso limite della visione open source.

    Finchè si applica ad oggetti astratti come il software il discorso è condivisibile, ma quando si applica a oggetti fisici, che hanno bisogno di lavoro per essere prodotti e non solo progettati dubito che anche una sola compagnia sia disposta a condividere dati e segreti industriali.

    Perchè è su questi dati che si sviluppa il predominio, se un’azienda fallirà oppure no.

    Progettare un’auto non è un lavoro che può essere svolto da qualche centinaio di ingegneri che si mettono di buona lena. Servono moltissimi soldi per il test delle componenti, servono decine e decine di prototipi.

    Dubito che qualcuno investa tanti milioni in progetti opensource.

    Sicuramente un tipo di produzione open source, o meglio di condivisione dati e scoperte è possibile in qualsiasi campo. Però non credo possa essere applicato in campi in cui l’oggetto viene venduto per forza.

    ES: un sistema tipo l’ESP. Da progettare costa parecchio, e sicuramente l’azienda vorrà venderlo per farci ricavi.

    costo della macchina 20.000 di suo più 500 per l’ESP.

    Ora assumiamo che una ditta concorrente decida di utilizzarlo (è opensource, non lo rivende, ma “lo regala”) nell’auto.

    costo della macchina 20.000 euro compreso ESP.

    Chi mai comprerebbe la prima macchina, che ha dovuto affrontare i costi di sviluppo?

  74. motumboe Says:

    ma Quarion… e allora il discorso opensource su un prodotto solo software andrebbe ancora peggio, seguendo il tuo esempio… non so se mi spiego.
    A parte questo, tu concludi il post chiedendoti ‘Chi mai comprerebbe la prima macchina, che ha dovuto affrontare i costi di sviluppo?’.
    In un mondo in cui la proprietà intellettuale fosse gestita meglio, molte ditte non dovrebbero reinventare la ruota migliaia di volte, e le risorse andrebbero disperse in misura minore, e potrebbero essere dedicate ad una evoluzione più veloce.
    E invece, opensource a parte, si va nella direzione opposta, in quanto gli individui ragionano come individui (ovvio no??), e tutelare la proprietà intellettuale è al momento la migliore strategia per garantirsi un vantaggio economico a breve termine.

  75. quarion Says:

    Su un discorso solo software no, perchè tu li non vendi il prodotto, ma l’assistenza.
    Potrebbe mai un’azienda di auto mettersi a vendere “l’assistenza”?

    Oltretutto le aziende di software opensource non hanno costi di progettazione paragonabili a quelli delle aziende d’auto.
    Rilasciare open source brevetti e specifiche vuol dire avvantaggiare per parecchi milioni di euro concorrenti che in ricerca e sviluppo non spendo nulla.

    Tu azienda che ricerchi spendi soldi in materiali e ricerca.
    Tu azienda che sfrutti le scoperte d’altri spendi in materiali e basta.

    Secondo voi il prezzo dell’auto venduta potrebbe mai essere lo stesso?

  76. ubuntista Says:

    quarion: in tutto ciò che prevede uno sviluppo, il concetto open source può essere applicato.
    E’ un discorso lungo… spero di poterne parlare + approfonditamente.

  77. Aladark Says:

    Allora…
    1. Lasciati dire che NON SI METTE “UBUNTU” CON “VISTA” in una parola o una frase, quindi il nome di questo blog è SBAGLIATO!!!
    2. La Microsoft non si deve permettere di ROVINARE la FIAT che si è APPENA RIPRESA con la GPunto, la 500 e la Bravo!
    3. Non parlare di Motori e microsoft(insulsa ditta informatica la quale non crea un OS decente e stabile da anni) su un blog che dovrebbe essee dedicato ad UBUNTU!
    4. La smart è un VEICOLO (e non un’auto, perchè le auto sono altre cose!) di ME**A!! Se ti schianti a 130km/h contro un muro, ti sfracelli, ti spappoli, ti ammazzi! La smart diventa una lattina schiacciata! Quindi non diciamo CAZZATE! LA SMART é UN GIOCATTOLO POCO UTILE E DIVERTENTE CHE VA SOLO DI MODA E CHE COMPRANO GLI SFIGATI CHE HANNO VOGLIA DI BUTTARE SOLDI!!!
    Un motorino o addirittura una biciclettta sono più comodi e funzionali di quel CUBO SAGOMATO!
    5. se sapete che il semaforo sarà rosso per almeno altri 12-15 secondi, è conveniente spegnere il motore.
    QUESTA è UNA CAZZATA!!! PER ACCENDERE IL MOTORE, SI CONSUMA + BENZINA. UN’AUTO ACCESA PER 15 SECONDI CONSUMA DI MENO! POI NON SO QUELLA CAGATELLA DI SMART -.-
    BUONA SERATA!

  78. ubuntista Says:

    aladark:
    1. LOL
    2,3 :-)
    4. ma che dici? non è così!!
    5. io non sono un esperto di combustione, ma avevo letto che bastavano anche 7 secondi. Ho messo 15 per essere “largo”.

  79. Bize Says:

    non comprate fiat e consumate di meno…

    ma che cavolo dici?

    scusami sai, da possessore di punto terza serie e gpunto, e da utilizzatore di software libero e anche windows, dico che stai estremizzando troppo.

    intanto, stai infamando un industria e usando il 1.3 multijet frutto di quella stessa industria, probabilmente il motore piu parsimonioso del pianeta.
    prima cosa, comunque,
    per quanto riguarda la penna usb, ricorda che c’e’ anche un fattore di marketing. uno che non sa niente di computer (e quindi la maggior parte della popolazione) pensa :oh guarda c’e’ microsoft nella punto … quindi fiat fa le cose in grande!
    invece di pensare “ubuntu nella punto? ma cos’e’? cazzo, la fiat lascia fare a 3 ragazzotti che smanettano il sabato pomeriggio…”

    è questione di mentalità. ogni popolo ha la propria mentalita’. In italia, purtroppo, quello che costa tanto è bello. sopratutto nel pubblico femminile.

    seconda cosa, fiat come ogni grossa casa automobilistica va dove esiste mercato. in area informatica sappiamo benissimo che solo Dell in questi mesi si è fatta carico di installare ubuntu, e solo in alcuni modelli. Cosa pretendi che la fiat faccia fare quel software come software libero? perchè? la fiat ha bisogno di stabilità, non di cose fatte a caso.
    in ogni caso, supponiamo che il 99% degli utonti abbia windows nel proprio pc. Supponiamo che il software per gestire lo stile di guida si basa su windows. Microsoft potrebbe agire come ha fatto Apple con l’ipod… la tua schedina non è utilizzabile.

    terza cosa, per quanto riguarda la coppia e il minimo giri dell’asse di trasmissione…

    non vi mettete d’accordo perchè sono vere entrambi le cose, dipende dal contesto … se sono su un rettilineo dritto usare la quinta per diminuire il numero di giri mi permette di diminuire i consumi, ma non per questo guidare distante dalla coppia massima è sbagliato, supponiamo che bisogna salire in montagna, dove lo sforzo è massimo conviene tenere il motore sulla coppia massima, dove il “tiro” è massimo.
    e lo dico anche per pratica, io ho la punto terza serie 1.2 benzina, andare su per le salite in seconda facevo 8 km su 100 litri, andare su in terza, dove non riusciva a tirare su il peso, andavo su con 12 litri su 100 km….

  80. Bize Says:

    e comunque continuare ad accendere / spegnere il motore è un carico enorme per la batteria. rischi di trovarti a piedi dopo poco tempo.

  81. Blackjack Says:

    Non è vero che nessuna società che opera nell’Open Source abbia approcciato FIAT per quel progetto. Semplicemente qualcuno, all’interno di FIAT, ha spinto – come per altri progetti – per avere Microsoft a tutti i costi indipendentemente dalla qualità della soluzione.
    L’unica soddisfazione è che la persona che ha spinto per Microsoft è stata ‘ridimensionata’, ma nel frattempo l’appalto se n’era andato.
    E non fatemi dire altro che rischio una querela.

    Blackjack.

  82. killeader Says:

    Pienamente d’accordo con il post. Vogliamo anche parlare del logo di Windows® sul volante? Tremendo… :D

  83. kpaolo Says:

    il logo di M$/Windows all’interno di un auto è IL MOTIVO per cui uno non dovrebbe mai comprarla…

    personalmente già sopporto a malapena il logo del marchio costruttore sul cofano…ma uno stampino che non centra nulla proprio mi farebbe schifo!

  84. LukyLuke Says:

    Non entro nel merito del sistema, non ne ho le competenze, mi permetto di osservare che la maggior parte delle persone se sentono parlare di UBUNTU non sanno di cosa si parla, mentre il sig. Microsoft è conosciuto universalmente nel bene e nel male. Purtoppo la pubblicità è l’anima del commercio, penso che Fiat si sia solo adeguata. Per quanto riguarda le auto, pur non lavorando direttamente nel settore, ho qualche competenza in più e posso dire che il turnaround di FIAT è stato anche di fatto e non solo di nome, con ciò se guardiamo a 360 gradi sicuramente dal punto di vista globale le notevoli migliorie effettuate ai motori, (iniezione diretta, mappature, ottimizzazione dell’erogazione con fasature variabili ed altro), sono state in gran parte assorbite dall’aumento medio del peso della vettura per “sicurezza”, per “moda” (leggi SUV vale a dire 2 t. di tara per un pagante di 400 kg??) per cui a parte alcune vetture Toyota come la Prius con motore combinato (anche se pur sempre a ciclo OTTO) non vi è stata una vera rivoluzione che sarebbe già immediatamente possibile riducendo il peso vettura con metodi già stracollaudati ma forse meno remunerativi. Già l’utilizzo di acciai ad alto resistenziale porterebbe ad una riduzione media del 20% sul peso cioè su una vettura di classe B di circa 1-2 litri per 100 km in ciclo urbano… se vi sembra poco..

  85. Aladark Says:

    Sai chi la fa la smart? Lascia stare il motore che PURTROPPO viene prodotto dalla mercedes.
    Il design di quella scatoletta cubica è SWATCH!!
    MA LA SWATCH SE NE TORNASSE A FARE OROLOGI!!!
    MEGLIO UNA 500

  86. ubuntista Says:

    Aladark: sì, lo so… sai chi fa i filtri aria della Ferrari?
    Uno che una volta stava in uno sgabuzzino a fare pistoni per Cosworth, e dalla sera alla mattina l’hanno messo a fare filtri per FERRARI.
    Oggi quell’azienda vende filtri aria AI MIGLIORI.

    Swatch è solo un marchio, dipende quali persone ci sono dietro.

  87. Aladark Says:

    Lasciamo perdere la KingDragon…
    Non paragoniamo la FERRARI alla smart-_-
    Io stimo la swatch fino a quando fa gli orologi.
    Per spiegare il mio concetto, utilizzerò una storiella:

    Apelle, noto pittore greco, un giorno, dopo aver dipinto un quadro, si nascose dietro un grande vaso e attese che la gente passasse davanti al suo quadro, per ascoltarne le critiche. Passò un calzolaio, il quale criticò il modo in cui erano state dipinte le scarpe, il quale era sbagliato; allora Apelle corresse le scarpe. Quando il calzolaio ripassò, notò la correzione e disse che ora erano perfette. Ma incominciò a criticare anche altri dettagli che non gli spettavano. Allora Apelle, da dietro il grande vaso disse “Ne sutor ultra crepidam” che significa: CALZOLAIO NON OLTRE LE SCARPE.

    Ecco, dunque io dico: Orologiaio, non oltre gli orologi!
    Ciao


  88. Io aggiungerei un paio di punti tra i consigli per risparmiare in auto:
    – non usarla quando non serve (molti la tirano fuori dal garage anche per fare 500 metri).
    – possibilmente fare car pooling (condividere, cioè, il percorso con altri passeggeri).

    Detto questo, l’efficienza maggiore si ottiene con i veicoli elettrici. Io ho acquistato uno scooter e mi trovo benissimo, ed il costo chilometrico è quasi azzerato.

    Ho anche scritto una FAQ:
    http://www.alessandroronchi.net/domande-frequenti-faq/domande-frequenti-faq-scooter-elettrico/

    Ciao e grazie dei consigli!

  89. ubuntista Says:

    Alessandro:
    si, giusto!
    Purtroppo il car pooling non è incentivato a livello aziendale, altrimenti si eviterebbe tanto traffico sia
    “verso” che “da” il luogo di lavoro.

  90. ubuntista Says:

    Aladark: la citazione di Apelle mi è piaciuta molto… ma la storia che io ti ho detto sulla Ferrari è VERA.

  91. Aladark Says:

    Mi fa piacere che ti sia piaciuta la storia di Apelle.
    Lo so che la storia sui filtri della ferrari è vera, infatti ti ho scritto “Lasciamo perdere la KingDragon…”.
    Perché è alla KingDragon che ti riferivi, vero?
    Ciao


  92. Un amico ingegnere meccanico mi fa notare che la questione della coppia massima non è esatta. Se il motore fosse isolato potrebbe anche essere vero, ma dal momento che l’auto viene frenata dal vento il consiglio migliore è quello di ridurre la velocità. Anche 5 km/h permettono di risparmiare tanto, ed infatti mi pare che fu su queste basi che qualcuno propose di dimunuire il limite di velocità dell’autostrada a 125km/h.

    Questo è il suo contributo:
    ~~~~~~~~~~~~~~~~~
    A parte che il punto di coppia massima non è esattamente il punto di miglior rendimento, ma in ogni modo viaggiare attorno al punto di coppia massima vuol dire, impostando una determinata marcia, viaggiare in un range imposto di velocità. Anche se io viaggio ai 120 km/h al massimo rendimento, consumo ugualmente molto di più che viaggiando totalmente fuori dal punto di massimo rendimento, ma magari ad una velocità dimezzata. Questo perché influiscono molto di più le perdite aerodinamiche (proporzionali al quadrato della velocità) che le perdite del motore per cattiva efficienza di combustione e simili.

    Quindi il consiglio è uno solo, per consumare meno: viaggiare a bassa velocità. Il discorso del viaggiare al punto di massimo rendimento può addirittura “portare fuori strada” e far consumare di più. Termino con un
    esempio con numeri a casaccio… viaggio a 1200 giri agli 80 all’ora, completamente fuori dalla coppia massima e mi si consiglia invece di viaggiare ai 110 a 1800 giri vicino alla coppia massima. Pensate di
    consumare di meno in quale delle due situazioni? Il rendimento dell’auto non si sposta mica da 10% a 90%!?!?!!?!?!?

  93. hronir Says:

    Sono d’accordo con Ronchi e col suo amico ingegnere, ma la situazione che si poneva era un’altra: a FISSATA VELOCITA’, mi conviene scalare la marcia per andare in coppia massima, o mettere comunque la marcia piu’ alta per avere il motore a giri piu’ bassi? Mi verrebbe da dire che conviene andare in regime di coppia massima, ma chissa’ cosa dice Gasolino… :)

  94. Jaba Says:

    :D ragazzi, a breve avrò il grande piacere di diventare cliente toyota. Per cui, vorrei segnalare a ubuntuista la mia scelta, vivendo a Milano:
    toyota aygo 1.0 Sol M-MT
    E’ poco più grande di una smart, e ha all’occorrenza due posti con grande bagagliaio o quattro posti con bagagliaio esigui ;)
    e per il futuro, in caso di famiglia… :D
    TOYOTA PRIUS
    se volete mettere il pinguino su un’auto, andate a scoprire l’auto più tecnologica del pianeta, e fate il confronto tra multijet e rotativo a ciclo atkinson… lascio alla curiosità del lettore un bel giro su wikipedia :D

    saluti a tutti – bella discussione ^_^

    – Jaba

  95. richardms Says:

    ciao,ti ho cliccato tramite il forum di pollycoke:)
    penso che il punto piu importante da cui bisogna partire è acquistare l’auto giusta per le proprie esigenze. perchè io ho acquistato un 1600 fiat contenuto in una scatola nera che si chiama(va) Stilo. motori di vecchia concezione! io mi intendo poco di motori, ma durante l’utilizzo lo sento estremamente moscio ai bassi regimi, forse per colpa delle famigerate 16V. la coppia per far andare decentemente il motore è relativamente alta, quindi è indice di consumo sempre elevato. sfiorando l’acceleratore con il piede-piuma si rimane al palo.. poi anche come autoveicolo è pesante.. queste auto sono la rovina degli italiani,ma specialmente di chi le compra.

    p.s. consiglio supplementare: finchè il tempo si mantiene buono andate in bici o a piedi :)

  96. ubuntista Says:

    Jaba: direi un OTTIMO consiglio!

  97. Aladark Says:

    Ho creato il mio wordpress! Date un’occhiata
    http://aladark.wordpress.com

  98. ubuntista Says:

    In bocca al lupo Aladark!

  99. mad Says:

    La questione consumi appassiona… Dico quel poco che so io.
    Ho sentito che i migliori consumi si hanno a 2/3 circa della velocità massima. A quella velocità, probabilmente, si è nella condizione “meno peggio”: la coppia non sarà massima ma non troppo lontana, la resistenza aerodinamica non è poca ma almeno impiego meno tempo, etc etc.

    Come già detto in qualche post fa, quello che conta è il consumo MEDIO, non istantaneo. Quindi bisogna tenere conto anche di quanto tempo sto in auto (l’integrale nel tempo, in matematica).

    Tutto questo è supportato dalla mia esperienza con la nuova Ford Fiesta (che mi sento di consigliare per prezzo e consumi, compresi tra 3.8-4.5 l/100km). E’ vero che a 50 km/h è meglio una 5a che una 3a. Ma ho notato che il consumo medio scende viaggiando a 90 km/h circa, poco sotto i 1900 giri. Guarda caso non lontano dai 2/3 della velocità massima (penso sia attorno ai 150 km/h). Chiaramente, dovendo percorrere la stessa strada, e strade permettendo!

    Sempre per esperienza, la fiesta consuma di meno a viaggiare in folle, quando verso i 100 km/h la strada va leggermente in discesa. Perché lasciando inserita la marcia la velocità diminuisce subito e bisogna riaccelerare. Ma è un discorso diverso dalla discesa in montagna, dove è sicuramente meglio il freno motore.

    Qualcuno ha dati/informazioni attendibili a riguardo? Non come (e prendetela davvero come una battuta, non una polemica) ingegneri “con numeri a casaccio”.. :)

    Aggiungo: con i turbodiesel, evitare di far entrare il turbo, che penso stia intorno ai 2000 giri.

    @ubuntuista: Quei consumi non li fa neanche una prius.. non è che hai barato? :)

  100. Jaba Says:

    @ubuntuista
    Ho trovato per caso un’animazione in flash su alcune tecnologie della Prius, già che hai apprezzato il commento te lo incollo:
    http://www.safetytoyota.com/it-it/?google.it.a.advice#/prius/technology/vsc

    ciao a tutti! :D

    – Jaba

  101. ubuntista Says:

    Grazie mille Jaba!! Gentilissimo :-)

  102. franganghi Says:

    Sono arrivato a leggere il 30% dei commenti.
    Dico la mia: il veicolo che dovrebbero fare è sufficiente che abbia una utonomia di 4-5 km in elettrico, massimo 20 km/h.

    In pratica è una macchina normale che sotto i 20 km/h vada ad energia elettrica usando proprio il motorino di avviamento opportunamente ottimizzato.

    Questo consentirebbe IN TUTTI I SEMAFORI ITALIANI E DEL MONDO di avere il motore spento! Se poi la batteria si scarica si mette in moto il motore e ciccia!

    Ma non si scarica, perché dopo la fila, dopo la colonna di auto ognuno intraprende il vero e proprio spostamento a 50-100 km/h e la batteria si ricarica.

    Non serve un’auto elettrica: il 30% della benza la bruciamo al semaforo. Basta ai motori accesi ai semafori: voglia fare la coda “elettrica”.

    Ciao
    Joe

  103. ubuntista Says:

    Joe, non è una idea malsana… mi sembra che la honda stia lavorando ad un ibrido elettrico-diesel che fa la cosa che dici tu… mi sembra anche che l’elettrico funziona fino a 50 km/h o simile.


  104. […] Quando ho acquistato l’auto, circa 4 anni fa, ho scelto una Punto 1.3 Multijet, che consuma pochissimo, al posto di una Punto 1.9 Multijet, che costava solo 1500 euro in più. In 4 anni ho risparmiato […]

  105. fra Says:

    io ho una PuntoNP, cioè con metano, con 1 EURO (attenzione euro, non litri o kg) ci faccio 35 km (di media, vario tra i 30 e i 40)…

    …fate un po’ voi!

    I consigli sopra sono ottimi e li seguo tutti i giorni!

    ciao, fra

  106. Franco Says:

    eh…frustrazioni….solo frustrazioni….

  107. Franco Says:

    Help, ho un frullatore con codice sorgente aperto ma non so come riprogrammarlo per fargli tritare meglio
    la carne di manzo, ho provato a ricompilare il suo
    firmware ma riesco solo a fare lo zabaione in tre minuti invece che in cinque…se per caso sai come si
    può fare sarei molto felice..

    ma per favore……

  108. ubuntista Says:

    Franco: ma per favore lo dico io…

  109. Stefano Says:

    Boicottate gli acquedotti, scegliete l’acqua open source: ci sono tante pozzanghere in giro! Nessun contatore deve informare le società idriche di quanta acqua consumiate ogni due mesi. E’ di vitale importanza…

  110. Franco Says:

    Cappero utente Stefano mi hai aperto gli occhi!!!! domani disdico il contratto con quegli avvoltoi che mi
    forniscono l’acqua per chissà quali scopi reconditi e
    mi collego direttamnte al fiume sotto casa, vabbè dovrò
    mettere un antivirus e un buon firewall ma almeno quando
    apro il rubinetto non lo viene a sapere nessuno…

  111. Giulio Says:

    Caro Ubuntista, dal tuo discorso risulta evidente la tua incompetenza in materia di automobili. sarò arrogante, ma spero vivamente che le persone non seguano i tuoi “consigli”, primo perché si è al limite della paranoia; secondo perché molti sono davvero inutili.
    Rifaccio la tua scaletta, mettendo le cose come stanno:
    1.MOTORE IN FORMA: nulla da dire, quello che riposti ha sicuramente senso (ma lo sa anche ogni persona dotata di patente, a meno che non sia così cretina da viaggiare senza olio..);
    2.LEGGERI E AERODINAMICI: è sicuramente vero che viaggiare con pesi inutili e finestrini aperti causa un maggior consumo di carburante, ma non è certo la confezione di palline da tennis a ridurre le distanze di percorrenza!! Non è che perché tengo sempre l’ombrello in macchina mi vedo alleggerire il portafoglio per piacere!! I pesi che influenzano davvero il consumo sono svariati kili, non 4 etti.
    3.DISTANZA GIUSTA: ok la prima parte del discorso, ma poi per le lunghe percorrenze non puoi dire che “aiuta tantissimo viaggiare con il motore costantemente vicino alla Coppia Massima”!!!! è pura pazzia!! La coppia massima è direttamente proporzionale alla potenza del motore, e nel caso della tua auto non si raggiunge a 1800 giri/min, ma a 4000 giri/min!!! Il momento di coppia massima è il momento in cui l’auto dà il meglio di sè nelle prestazioni! ogni volta che pesti sull’acceleratore dai modo alla coppia di salire, e quando arriva al massimo stai consumando un sacco!! Mi permetto io di dare un consiglio: per consumare poco basta cambiare marcia a 2000 giri (per i diesel) e 2500-3000giri per i benzina e in generale viaggiare a bassi regimi!!!
    4.PIEDE LEGGERO: anche qui ritorni sulla coppia massima; se volete consumare poco state lontani dal valore di coppia massima, è sufficiente viaggiare a bassi regimi!! Ubuntista non puoi dare consigli se non sai le cose!!! e se qualcuno ti crede?
    5.GOMME A POSTO: se si vuole consumare poco è utile controllare periodicamente le gomme, ma se lo fate assicuratevi che tutte le gomme abbiano la stessa pressione (2bar per la precisione). Non è vero che se viaggiate spesso da soli va gonfiata di più quella del conducente!!! (Ubuntista cavolo!! se ti sente un meccanico dire certe cavolate!!)
    6.ACQUISTATE COL CERVELLO: il consumo di un’automobile dipende tantissimo da COME la guidate!! se guidi come un pazzo consuma un botto anche la tua cara punto 1.3mjt!!! ovvio che se ne prendete una macchina di piccola cilindrata consumate di meno, non è che dobbiamo ringraziare Ubuntista se lo sappiamo! E “Altra cosa importante”: la punto 1.3mjt 5porte pesa 980kg. la tua 3porte pesa 965kg(e non perché lo dico io, lo dice 4ruote). quindi sono QUINDICI kili in meno, non NOVANTA come affermi tu nella più totale ignoranza!! UBUNTISTA non dire balle, sennò disinformi!!
    7.FATE LA DIETA: gente, mangiate quel cacchio che volete e quanto volete!! spero che nessun essere umano si metta a fare la dieta per la propria automobile!! la dieta la fai se ci va di mezzo la tua salute Ubuntista!! cioè se peso 10 kili in più dovrei mettermi a perderli per risparmiar gasolio! Non li perdo neanche per la morosa!! ma guarda te…mmmmmittticcco!
    8.SEMAFORI, TRENI E STOP: se sapete che il semaforo sarà rosso per almeno altri 12-15 secondi, è SCONVENIENTE spegnere il motore. Se siete fermi ad un passaggio a livello chiuso, NON spegnete il motore. Se siete in fila ad uno stop e ci sono molte auto di fronte a voi, NON spegnete il motore.!!! è inutile spegnere la macchina in questi casi, perché durante il processo di avviamento la macchina consuma un sacco ed emette molti più gas in quell’istante!! si consuma (e di conseguenza si inquina) molto di meno se in quelle brevi attese si lascia semplicemente la macchina accesa!! Ubuntista non sai un tubo!!!!
    9.SERBATOIO A META’: sicuramente con mezzo pieno si consuma di meno che con il pieno, ma non raggiungo le distanze che raggiungerei con il pieno!! secondo il tuo consiglio dovrei fermarmi a rabboccare ogni volta fino a metà serbatoio!!!. in sostanza dovrei fermarmi il doppio delle volte nei distributori….che affarone! già il prezzo del petrolio va su e giù che è un piacere, se trovo il gasolio a 1 euro litro faccio subito i miei 60 euro di pieno e vado avanti tutta la settimana, invece di farne 30 e trovarmi di nuovo a fare benzina (sempre fino a metà serbatoio…) prima del weekend!!! che superconsiglio Ubuntista!!
    10.MENO TRAFFICO: gente, dobbiamo ricordarci che il traffico lo facciamo NOI, e che quando pensiamo di uscire ad una certa ora invece che ad un’altra per trovare meno traffico probabilmente un altro mezzo milione di persone ha pensato la stessa cosa…se vi trovate nel traffico portate pazienza, a volte è inevitabile. si può però evitare il traffico dei centri cittadini lasciando la macchina appena fuori e prendendo un mezzo pubblico…o camminando (la mia scelta) o biciclettando per spostarsi in centro, laddove possibile ovviamente!

    ULTIMO CONSIGLIO: se potete, NON comprate una SMART, per TANTI motivi: fa cagare/non vale i soldi che costa/non inquina meno di tante altre macchine migliori, la metti in tasca in borsa nello zaino e rischi di perderla, ti permette di sfracellarti contro un muro a 130km orari invece che a 200, quindi, se proprio mi devo schiantare, preferisco farlo con un’automobile che abbia una dignità, e uno stile e andando a 200km orari, piuttosto che con una ridicola lattina con le ruote andando a 130. Tanto non è che a 130 su per un muro ti salvi!!!
    Detto tutto ciò, mi scuso per la lunghezza del post e mi scuso pure se dovesse offendere Ubuntista o chiunque la pensi come lui, perdonate la mia arroganza, non voglio urtare nessuno, ma solo correggere affermazioni fatte da chi non sa di cosa sta parlando.
    ciao a tutti!

  112. simone Says:

    Giulio, apprezzo il tuo tentativo di precisare cose che evidentemente conosci più di me… Non capisco però che necessità tu abbia di dire ad ogni passo che non capisco un tubo. E’ chiaro che questo non è il mio lavoro, e io ho provato a dare consigli basati su quel poco che so… Lo scopo di un post del genere è anche raccogliere altre opinioni.
    Infatti, alla fine del tuo commento, ti scusi addirittura :)

  113. Giulio Says:

    certo che mi sono scusato, magari ho offeso qualcuno e non era questa la mia intenzione. Quando avevo finito di leggere il tuo articolo, i miei nervi da appassionato di motori sono saltati e ho cominciato a scrivere di getto. Diciamo che l’automobile per me è un pò come l’informatica per te (suppongo sia la tua passione, correggimi pure se sbaglio)…sicuramente tu di informatica ne sai molto più di me (io ubuntu lo conosco appena, per dire), e sono conscio di questa mia incompetenza, quindi non mi sognerei mai di scrivere come se ne sapessi. Sono d’accordo, un post è fatto per raccogliere opinioni, ma ciò che tu hai scritto può passare per vero, quando vero non è. C’è sempre qualcuno che ti prende sul serio e ci crede pure, quindi, visto che i motori non sono di tua competenza (come precisi peraltro) cerca di non scrivere come se ne sapessi!! mi pare una cosa logica no? Invece di affermare i tuoi 10 passi, potevi chiedere se il tuo metodo fosse funzionale e efficiente, potevi porre il tuo metodo come ipotesi, e avresti ottenuto comunque un sacco di opinioni, anche da gente che ne sa effettivamente di più. Io stesso avrei scritto con toni diversi.
    Concludo con una dritta: la Toyota Prius NON è l’auto più tecnologica del pianeta e non lo è mai stata (capito Jaba? pure tu scrivi senza saperne nulla, scusa eh). Mi spiego subito. Non c’è alcun dubbio che consumi ed inquini poco come vettura. E’ il processo di costruzione fisica della vettura stessa ad essere estremamente inquinante. Pensate al nichel che contengono le sue batterie: viene estratto da delle miniere in Canada, poi messo su navi cargo e portato in Europa dove viene raffinato, poi passa in Cina dove viene lavorato ulteriormente ed infine arriva in Giappone. Tutto questo processo avviene utilizzando petrolio in quantità!! Quindi, a conti fatti, inquina meno un Freelander(perché viene interamente costruito nel raggio di 5 km quadrati) di una Prius!!sembra paradossale ma è così.
    Invece della Prius tenete d’occhio la nuova honda fcx Clarity, è un’auto elettrica che non necessita di essere ricaricata, in quanto a produrre energia elettrica è l’idrogeno che utilizza come carburante!!Negli USA viene già venduta e ci sono già i distributori di idrogeno liquido, qui da noi temo ne passerà di acqua sotto i ponti prima di vedere una cosa del genere….
    Un saluto a tutti, e buone feste!!!

  114. simone Says:

    Comunque, Giulio… l’idrogeno non è una fonte di energia, ma un vettore… Come vedi c’è sempre da imparare.

  115. Giulio Says:

    Scusa un attimo, se volessimo essere pignoli allora anche il carbone, il petrolio e il metano sono vettori energetici e non fonti di energia, in quanto derivano tutti da un’unica vera fonte di energia primaria, che è il sole. La differenza tra fonte energetica e vettore energetico è che il vettore non può definirsi fonte, in quanto dev’essere prodotto e raccolto a partire da una fonte energetica che gli sta alle spalle. Ma questo non vuol dire che l’idrogeno non produce energia!!! Nel post sopra ho scritto chiaramente che l’idrogeno alimenta il motore elettrico dell’auto, non ho mai affermato che è una fonte di energia!!
    Cerchi il pelo nell’uovo eh? Ha ha!! Ma il pelo non c’è.

  116. Gaetano Says:

    Ciao a tutti, se mi scappa da cagare e sto viaggiando in macchina consumo di più. Come spiegava ubuntista, che stimo moltissimo, una confezione di patatine aumenta il consumo, quindi se devo defecare il mio peso è maggiore, perciò mi conviene fermarmi al primo negozio di cessi e testarne uno.
    In sintesi seguite il mio consiglio se vi scappa da cagare andate in bagno sennò consumate molto di più.
    Grande ubuntista ti stimo molto mi piacerebbe essere uno che fa tutto quello che sai di fare anche tu quindi grazie.
    Grandissiomo Ubuntista ti pongo questa domanda: Se ti chiedessi di farmi un pompino, tu mi daresti la stessa risposta che daresti a questa domanda?

  117. antonio Says:

    il freeware e’ da sostenere per un semplice motivo: non lo paghi e quindi i soldi li puoi usare per altre cose come, ad esempio, una bottiglia di brunello…non e’ questione di ideologia ma di mera convenienza.
    L’open-source va sostenuto perche’ e’ comodo e vantaggioso poter modificare i codici sorgenti secondo i propri bisogni ed inclinazioni!Si tratta non di una scelta politica bensi’ di un’opzione basata sul soddisfacimento di esigenze personali.
    Un consiglio per la mobilita’: ogni volta che potete usate treno+bicicletta se lavorate in un’altra citta’. Tutti i veicoli a motore, anche quelli meno esigenti in fatto di idrocarburi, emettono CO2 incrementando il cosiddetto EFFETTO SERRA.
    Un salutone a tutti. grazie, Ubuntista e W i ss.oo. Linux!


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: