Io amo Microsoft

15-08-2007

Lo spunto mi è venuto da un articolo di Pollycoke, che tratta di una riflessione di un suo lettore, Alioth.
Molto in sintesi (spero di non omettere nulla), Alioth si chiede di “organizzare” una risposta a chi chiede “Perchè odi Microsoft?”, e Felipe ci prova, dicendo in sostanza che lui non odia Microsoft, ma si difende dai suoi attacchi.

Ci ho riflettuto dieci minuti. Poi mi sono detto:

I-love-microsoft

Ebbene sì, IO AMO MICROSOFT.
Il perchè è presto detto.

Microsoft è una azienda, che opera in un regime di MERCATO, che considero meno dannoso e meno iniquo di un regime socialista, AMMESSO che le regole del mercato vengano rispettate.

Microsoft, e questo mi sembra inconfutabile, ha lavorato indisturbata per ANNI in una situazione quasi-monopolistica, e le multe ricevute sono state troppo poco esose per intaccare il suo fatturato.

PRIMA CONSIDERAZIONE: Microsoft si è arricchita alle spalle delle persone.

Seconda considerazione: nominatemi almeno tre aziende, tra le 500 più ricche al mondo, che non possono fregiarsi dello stesso titolo, e io vi regalo casa.
Purtroppo, nell’economia globale di oggi, più una azienda è grande, e più si comporta in maniera MALVAGIA. E questo vale per Microsoft come per tutte le altre.

Terza considerazione: nonostante una microscopica parte della “fregatura” Microsoft abbia inciso anche sui miei redditi, come su quelli di tutti noi, il vero motivo per cui ancora AMO Microsoft è che IL SUO MONOPOLIO ha permesso la crescita dell’informatica con una velocità strabiliante.
Il monopolio di Windows ha fatto sì che tanti produttori software si uniformassero, e questo ha portato risparmi e sviluppo.
C’era un modo migliore? Anche cento, per quanto ne so. Ma SENZA Microsoft, non sappiamo se oggi avremmo quasi 800 milioni di utenti Internet, oppure meno di 100 milioni (stima a cavolo).

Siccome penso che Internet sia uno STRUMENTO DI DEMOCRAZIA, continuo ad amare Microsoft… Come del resto, AMO gli Stati Uniti NON per le cose malvagie che fanno, ma per il fatto che senza di loro FORSE ci sarebbe un’altra nazione a farne DI PEGGIORI.

Ubuntu (e dietro, Canonical) sono la nuova alba, un nuovo modello di Business, sicuramente più ETICO ed APERTO di quello diffuso da Microsoft.
Spero tanto che tutta la passione che io e milioni di altri mettiamo in Ubuntu, e l’aiuto che diamo per il suo sviluppo, servano a questo.

Perchè, vorrei ricordare, l’Informatica, il PC, Internet e tutto il resto sono solo STRUMENTI: evitiamo di confondere lo STRUMENTO con LO SCOPO, che per me è quello di avere più persone felici nel mondo.

38 Responses to “Io amo Microsoft”

  1. giolock Says:

    Hai assolutamente ragione, questo è di certo l’unico scopo che valga la pena perseguire (e non di certo cercare di far fallire la microsoft o conquistare l’intero mercato dei S.O.)

  2. Trinità Says:

    Questo si chiama ragionare…

    Complimenti Simone,non ho altro da aggiungere

  3. nicopi Says:

    Sono d’accordo.
    Bell’articolo, Complimenti.

  4. ubuntista Says:

    Grazie a tutti voi :-)

  5. Davide Says:

    Io invece non sono d’accordo… cito “senza di loro FORSE ci sarebbe un’altra nazione a farne DI PEGGIORI.” come l’anziana signora che amava il tiranno di Siracusa e sperava che non sarebbe mai morto… perché senza di lui chissà, poteva esserci di peggio!
    Se dici che “C’era un modo migliore? Anche cento, per quanto ne so.” allora non si può amare chi ha scelto una strada peggiore. Altrimenti in futuro guarderemo ai cambiamenti con il timore di cadere nel “peggio” anziché di trainare noi stessi verso il “meglio”.


  6. Per me solo questo punto “Terza considerazione” è veramente importante.

    Vi ricordo che nel lontano 1988 usavo M24 con il programmma Lotus 123 (ve lo ricordate?) dopo qualche hanno si comincia ad utilizzare gli ambienti grafici (GUI) GEM venduto da Amstrad assieme ai suoi PC e Windows, Mi ricordo un PAINT grossolano, meglio quello di GEM, nel frattempo microsoft cerca di ampliare il proprio mercato con un concorrente per Lotus 123, si comincia a vedere Excel ma a parte la sua veste grafica non è un granche, lotus sta a guardare non cerca o non capisce che il mondo grafico sarà il futuro e di lì a poco Lotus 123, dal numero uno dei fogli elettronici decade e a suo posto appare EXCEL.

    Per cui la “Terza considerazione” è la verità, ma con il tempo non vi è stata più concorrenza GEM e morto, Windows 3 decolla nessuno riesce a fare concorrenza “MERITO DI MICROSOFT” e oggi abbiamo M$ la più grande azienda Software nel mondo.

    Ciao by Enzo

  7. Filippo Says:

    Ciao,
    voglio anch’io dire la mia: io non odio Microsoft! Io uso windows xp (media center) per comodità! Molti programmi che uso spesso sono compatibili solo con windows. Io uso stabilmente kubuntu e mi trovo molto bene con quello, ma solo dal lato programmazione e studio del PHP. Io con windows ci sono cresciuto insieme: ho provato tutte le versione dal 95 a vista.
    Vi elenco cosa penso di tutte:
    – win95 la migliore versione di windows che io abbia mai visto!
    – win98 un pò impallato ma molto carino pure quello;
    – win ME uno schifo sotto tutti gli aspetti;
    – win 2000 sicuramente il più stabile (mai una schermata blu!);
    – win xp la più completa (con la home edition avrò avuto più o meno 20 schermate blu di errore al giorno!);
    – win vista la versione più penosa! Non ho mai visto un sistema operativo così (eccetto Suse Linux).

    Un saluto a tutti,

    :: friggi

  8. ubuntista Says:

    Enzo: capisco cosa intendi… non intendevo dire che “ci accontentiamo così”, ma intendo dire che, per un compito difficile (quello di essere i padroni del mondo) accetto anche risultati decenti, ma non eccezionali.

  9. Duality Says:

    Quoto totalmente Davide. Stavo per inserire la sua stessa risposta ma mi ha preceduto.
    Sinceramente i ragionamenti del post mi sembrano piuttosto rassegnati e inutilmente buonisti.
    Per fortuna non tutti si “accontentano”. In questo mondo c’è sempre stato e c’è tutt’ora un’ampissimo margine di miglioramento, ed è proprio per questo che c’è un disperato bisogno di persone che sappiano essere fortemente critiche.
    Sembra di capire che la tua seconda considerazione si basi sull’assunto che siccome tutti hanno un comportamento negativo e poco etico allora non è così deplorevole che MS non sia da meno.
    E per piacere, finiamola con questa faccenda che MS abbia il merito di aver diffuso l’informatica tra i profani. Non si tratta di un merito, gli intenti erano lungi dall’essere filantropici. Gli effetti benefici, se ci sono, sono del tutto contingenti.
    Non sto insinuando che tu intendessi lodare MS per sua la bontà incondizionata, ma ogni volta che si tira fuori quest’argomento ho la fastidiosa sensazione che passi per un’apologia. Tanto più che se MS non fosse esistita sono sicuro che la tecnologia informatica avrebbe trovato altri metodi e altre forme per toccare significativamente la vita delle masse, magari in modo più etico.
    Tanto per chiarire: nemmeno io odio MS, ma è un dato di fatto che i suoi comportamenti (che credo di non dover riproporre per l’ennesima volta) siano fortemente lesivi dell’umanità.

  10. LordNaeo Says:

    Quarda considerazione:

    caro il mio Achab, cosa faresti senza la tua balena? ;)

  11. Marco Says:

    Scusami, ma non sono d’ accordo con te in nulla, anzi alcune affermazioni, non rendono giustizia alla tua intelligenza.
    come fai ad affermare che senza microsoft, non ci sarebbe stata la stessa espanzione dell informatica e di internet ?.
    Avendoti, altri già spiegato in modi tecnici, che non è cosi, aggiungo che senza una controprova, non si puo dire nulla, Magari avremmo ora un sistema operativo diffueso, migliore di windows, e magari, l utente medio era meglio preparato.
    non scordiamoci che microsoft è il piu usato perchè la gente se lo trova nei pc che compra, e non perchè lo sceglie. La maggiorparte degli utenti (utonti) che usa windows, non ha nessuna base di informatica. Questo perchè vengono illusi che un pc con vindows, si gestisca facilmente, anzi che quasi quasi si gestica in modo automatico.

  12. ubuntista Says:

    Duality: “Gli effetti benefici, se ci sono, sono del tutto contingenti.”
    Mi sembra che le mie affermazioni CONCORDINO con la tua… Ho infatti detto che, NONOSTANTE tutto, gli effetti benefici di Microsoft sono visibili.

    LordNaeo: bella, la citazione di Moby Dick :-)

    Marco: ritengo che la maggiore diffusione sia DOVUTA anche a Microsoft, nonostante quest’ultima ci abbia guadagnato ingiustamente.
    In effetti, quando esiste un monopolio, è come se l’intera nazione pagasse per una azienda… in questo caso, il mondo ha arricchito Microsoft per ottenere una diffusione capillare del PC.

  13. betaversion Says:

    quoto in pieno Marco: sono convinto che quello di cui disponiano (rete capillare di pc, internet ecc) sarebbe comunque stato disponibile; M$ è stata (è) solo un catalizzatore di eventi e situazioni. Sono convinto che il mondo informatico sarebbe stato lo stesso (sicuramente + libero) con o senza M$

  14. BackInTime Says:

    Il solito problema degli utenti Ubuntu è che vedono Linux = Ubuntu: male, male, male.
    Canonical non ha di certo un modello di business da imitare. E’ in perdita e sta su solo grazie al fatto che il proprietario è un miliardario. Forse si sta salvando grazie all’accordo con Dell.
    Secondo me, RedHat è il caso di un’azienda che ha un buon modello di business basato sull’open source. Sta in piedi grazie alla qualità del software che offre, non grazie ad un miliardario che la foraggia.
    Non mi si venga a dire, però, che Ubuntu e Canonical sono la nuova alba di un modello di Business.

  15. wito Says:

    Marco: “Magari avremmo ora un sistema operativo diffueso, migliore di windows, e magari, l utente medio era meglio preparato.”

    Il punto è che, secondo me, l’utente medio NON VUOLE essere preparato (cosa normalissima): l’utente medio vuole solo USARE il pc per fare altro.

  16. Duality Says:

    >Mi sembra che le mie affermazioni CONCORDINO con la
    >tua… Ho infatti detto che, NONOSTANTE tutto, gli
    >effetti benefici di Microsoft sono visibili.

    Appunto per questo non vedo perchè la si debba amare!

  17. Davide Says:

    Quoto Duality, qui mi sembra che si faccia confusione fra il non odiare e l’amare. In quanto azienda fatta di persone è ingiusto odiarla, ma è sproporzionato amarla proprio in considerazione delle azioni da essa intraprese. In fondo anche grazie ad Hitler oggi l’Europa è più unita… ma chi ama Hitler?

  18. ubuntista Says:

    backintime: il modello di business di Red Hat? Tieni conto che Red Hat ha beneficiato del dot-com boom… senza quel +1200% di azioni, ora Red Hat non esisterebbe più.

    Cmq il modello di business di Canonical POTREBBE essere quello giusto… io sto solo supponendo :-)

    Davide: capisco cosa intendi… se dico “amo”, in effetti non dico “amo” alla lettera, diciamo che l’assolutizzazione è stata voluta e provocatoria… ma ad essere onesti, avrei dovuto dire “amo gli efetti che ha prodotto Microsoft”, e “non amo che Microsoft si sia arricchita da monopolista”.

  19. Mangiucugna Says:

    Forse non amo Microsoft però devo dire che il ragionamento è corretto. Senza un monopolio, uno standard, non sono sicuro che sarebbe stato molto facile andare avanti ed evolvere le piattaforme, basti pensare alla dicitura PC-IBM Compatibile, prima dell’avvento di M$ non esisteva neanche uno standard di Assembler, cosa fondamentale per evolvere le architetture che stanno sopra.
    Poi la sua collaborazione, o meglio il suo parassitismo, con IBM ha fatto si che tutti gli standard si uniformassero su una determinata piattaforma HW.
    E’ vero questa non è una bella cosa in termini di libertà, ma nell’elettronica e nell’informatica gli standard servono, come lo standard della videocassette e dei DVD li sceglie l’industria pornografica (non è uno scherzo.
    Poi si deve riconoscere a M$ molti errori di valutazione (chi non ricorda la mancata implementazione in Win95A del protocollo TCP/IP?) e un modo sleale di comportarsi con gli avversari. Cmq concordo col male minore, secondo me poteva andare molto peggio.

  20. Davide Says:

    Ok Simone, l’ultimo tuo commento è chiarissimo e più che soddisfacente dal mio punto di vista. Anche nel mio paragone (anche questo volutamente esagerato) con Hitler, posso dire che lo non amo ma amo ALCUNE delle conseguenze che ha prodotto, come un Europa ed un Mondo un po’ più consapevoli.
    Però vorrei ribadire che un mondo migliore si sarebbe potuto sviluppare facilmente senza monopoli.
    Infatti, per rispondere a Mangiucugna, non serve una azienda monopolista a creare gli standard, ma basta un consorzio di tante aziende come ad esempio il W3C che con il tempo si è consolidato ed ora tutti i browser hanno come obiettivo quello di rispettarne gli standard. Le cose si possono fare bene e i risultati possono essere rispettati anche se si è un gruppo eterogeneo che punta a far crescere l’informatica e non solo a consolidare il proprio potere.

  21. arwenh Says:

    secondo me e’ inutile vederla come un demone, odiarla addirittura. se cio’ che da’ fastidio e’ il fatto che sia riuscita a costruire un impero facendo mucchi di soldi… beh questo semmai e’ un pregio della MS come azienda, nel senso che avra’ degli AD non da poco. potremo chiamarli per risollevare Alitalia :P io non ce l’ho assolutamente con MS, anzi, ha il pregio di esser riuscita a diffondere l’informatica e i pc tra i non addetti ai lavori. ha contribuito in maniera pesante a questo, e non potete dire di no. la chiusura del suo codice non l’ho mai condivisa, ma la capisco per ragioni di sicurezza (loro, nostra..). ha fatto la grossa mossa di essere aperta a qualsiasi tipo di hardware, cosi’ da ben intendersi con tutti i vari produttori di hw diversi. sinceramente mi da’ molto piu’ fastidio in merito una come Apple, che fino a poco tempo fa chiudeva il software e chiudeva anche l’hardware! impensabile, fastidioso. per chi non conosceva Linux (perche’ come me veniva da una famiglia dove il mio era il primo computer mai visto, e nessun amico o compagno a scuola aveva un computer o ne sapeva qualcosa) Windows e’ stato quasi sicuramente il primo sistema operativo usato, e penso che ancora lo sara’ per molti, perche’ e’ veramente a prova di idioti da usare, e perche’ lo danno embeddato nei pc quando uno li compra.
    quindi non vedo il perche’ demonizzarlo… e’ semplicemente il re (al momento) del mercato desktop. fornisce strumenti di sviluppo a prova di idiota per sviluppare applicazioni office-purpose (vedi .Net), integrate db+desktop+mobile. cosa non da poco, ci puo’ programmare facilmente sopra chiunque; questo, se non e’ positivo dal punto di vista di un informatico, e’ ottimo dal punto di vista delle PMI che fanno sviluppare a diplomati triennali e a costi ridicoli delle applicazioni customizzate per i clienti.
    quindi e’ inutile vederli come monopolisti avidi e in posizioni di potere perche’ son cattivi: sono stati furbi, abili in economia di mercato, e ora devono solo fare di tutto (e non e’ facile) per mantenere la loro posizione. insomma, quel che han guadagnato secondo me se lo sono meritato.

  22. arwenh Says:

    cmq… per chi il pc lo sa usare o ama farselo come gli piace, prestante, performante ecc, basta comprarsi un pc non preinstallato e metterci su quello che vuole.

  23. mastro Says:

    Ma SENZA Microsoft, non sappiamo se oggi avremmo quasi 800 milioni di utenti Internet, oppure meno di 100 milioni (stima a cavolo).

    ha creato 100 milioni di utenti e 700 milioni di ignoranti che usano un computer
    e sto usando il termine ignoranti senza voler offendere nessuno
    mi riferisco a chi è convinto che microsoft abbia inventato internet, a chi pensa che windows sia il computer, a chi crede che il .doc sia l’unico formato per scrivere dei documenti, a chi usa il computer in rete come un bambino che gioca su un autostrada, a chi usa .wma e .wmv, a chi scrive siti web per internet explorer, ecc.. ecc.. ecc..

    microsoft da agli utenti quest’idea: “il pc lo si può usare come qualunque altro elettrodomestico” quando non è vero.. un pc è un mezzo potente, e quindi anche pericoloso!

  24. arwenh Says:

    anche un micro-onde se ci metti dentro un cellulare e’ pericoloso.. e pensa se ci metti dentro qualcos’altro…

    va bene che ci sono migliaia di ignoranti, ma non dobbiamo pensare che tutti debbano essere nerd e informatizzatissimi come noi. quando tu dici “ho la febbre prendo la tachipirina” probabilmente ci sono duemila dottori che sanno darti la spiegazione clinica della tua febbre, e che ti danno dell’ignorante perche’ pensano “che stupido, pensa che per quella febbre serva la tachipirina! ahahah invece basterebbe (X)” dove (X) puo’ essere una medicina specifica piu’ potente oppure semplicemente una dormita e un brodo caldo.

    mi sta sul cazzo quando la gente da’ dell’ignorante a quelli che non sanno di informatica, ma secondo te a un filosofo o a una commessa o a un medico frega qualcosa se e’ meglio windows linux mac o bsd? gli frega sapere se internet l’ha inventato bill gates, explorer o firefox??? no, loro quando comprano un pc si affidano al venditore, e al sentito dire, ai giornali…

    come noi informatici o appassionati… cavolo, ci sara’ un argomento di cui sai poco o nulla?? ci sara’ sempre chi ne sa piu’ di te e pensa che sei ignorante! ma questo non e’ un atteggiamento, se vuoi diffondere linux o l’informatica in quanto arte e cultura cerca di trovare argomentazioni valide, non andare avanti a botte di ignorante verso gli altri.
    purtroppo, e questo lo devo dire, questo atteggiamento e’ TIPICO dei linuxisti invasati.

  25. mastro Says:

    @arwenh
    se qualcuno riceve un’email di fishing, segue i link, mette la password del suo account
    questa è stupidità?
    no..
    è ignoranza..
    perché non sa cos’è un URL, ne come funziona, ed è quindi facile vittima di raggiri come questo

    ecco cosa intendo con “è un mezzo potente, e quindi pericoloso”
    il sistema operativo deve spingere a capire alcune cose, non va usato bovinamente o si finirà per certo per incappare in qualcuna di queste fregature

    inculcare l’idea che il computer sia un comune elettrodomestico è sbagliato

    fine
    senza essere linuxisti invasati si può pensare questo qui sopra

  26. finferflu Says:

    Credo che il regime di mercato non possa in alcun modo essere etico, la differenza sta tra servizio e prodotto. Il servizio è creato per le persone, il prodotto per i clienti. Ora io parlo per concetti, come anche nell’articolo si è parlato per concetti. Se si vuole parlare del male minore, allora il regime del mercato è quello potenzialmente maggiore. Che le alternative siano andate a scatafascio non vuol dire che siano intrinsicamente sbagliate, mentre credo che il capitalismo sia intrinsicamente non-etico, adatto a soddisfare i bisogni individuali a discapito altrui, con il constante bisogno di mettere toppe su toppe per far sì che la gente non muoia. Ma non solo questo, un sistema simile porta a una deumanizzazione dell’individuo sempre maggiore, diventiamo sempre più clienti e sempre meno persone. Per questa ragione odio il sistema economico statunitense e le compagnie che più lo rappresentano.

  27. ubuntista Says:

    Apple vende perchè riesce a far funzionare bene un PC.
    L’1% degli utenti è interessato a “COME” funziona, il restante 99% è solo interessato che FUNZIONI, e basta.
    Stessa cosa per le medicine, i meccanici, i muratori, gli idraulici.
    Concordo con arwenh, anche se la considerazione di mastro è interessante: internet è uno strumento MOLTO POTENTE, e quindi meriterebbe PIU’ ATTENZIONE, ma credo che sia la gente stessa che dà attenzione a ciò che ritiene opportuno.
    Bottom up, non top down.

    finferflu: non concordo… stai parlando di una “aberrazione” del mercato, in cui forti oligopoli dettano le regole… un VERO mercato non esiste, è teorico, ma secondo me è un buon punto di partenza.

  28. finferflu Says:

    A dire il vero parlavo di concetto di mercato nel senso di produzione di merce, in contrasto a quella di servizi. Ovviamente quando si produce merce, ognuno pensa a soddisfare solo e soltanto il proprio bisogno, non che sia sbagliato soddisfare i propri bisogni, anzi quello è il punto di partenza, ma il vero benessere esiste quando tutti i bisogni sono soddisfatti, perchè alla fine ogni individuo ne resta comunque avvantaggiato (e mettiamoci pure un bel concetto di ubuntu -quello filosofico, non la distro- vah :P). L’aberrazione sta proprio nel concetto di mercato a mio parere.
    Al momento pare che il mondo non sia capace di fare di meglio, ma questo non significa che questo sistema sia ideale, è forse quello che al momento riesce a reggere di più, ma guarda come stiamo messi bene…

    Ma non voglio portare questa discussione ulteriormente quasi OT, quindi mi fermo :D

  29. ubuntista Says:

    ok, concordo… evitiamo un mega OT :-)

  30. zeroaudience Says:

    “capitalism is communism with food” (disse un amico mio)

    questo per dire che non vedo nel commercio corporativo una forma “migliore” di socialismo, ne’ un’alternativa “meno dannosa o meno iniqua”. anzi

    e inoltre, visto che di fatto e’ proprio questa realta’ che spesso ostacola lo sviluppo e il progresso del software libero (o open source, se preferite), non capisco come si possa affermare quanto ho appena letto

    e poi il socialismo dove sta scritto che e’ solo dannoso e/o negativo?

    mai stati in un kibbutz?

  31. ubuntista Says:

    zeroaudience: non ho mai detto che il socialismo è SOLO dannoso, anzi.
    Guardando alla realtà dei fatti, il sistema che finora ha reso “meglio” è la democrazia; che poi altre forme, come il socialismo, non si siano mai espresse concretamente, è un altro discorso.
    Sui kibbutz sei male informato: conosco due persone che ci sono nate e vissute, e ti assicuro che le loro opinioni al riguardo non sono così positive come credi.

  32. charlie Says:

    bravo, complimenti…ultimamente si è un po’ troppo anti…anti-microsoft, anti-americani
    senza ragionare
    anti a priori

  33. ubuntista Says:

    infatti charlie… preferisco gli atteggiamenti positivi :-)

  34. zeroaudience Says:

    @ Simone: direi che due persone non fanno molto testo, parlando dei kibbutz, pero’ ti concedo che io non conosco nessuno con esperienza in merito ;)

    per quanto riguarda la democrazia, ai miei occhi sembra solo una malsana forma di quieto vivere, ma forse sono io che sono incontentabile

    @ charlie: dammi un motivo decente per essere pro Microsoft (attenzione: *Microsoft*, non _ogni_azienda_che_avrebbe_potuto_essere) e saro’ felice di essere d’accordo

    per l’anti americanismo, io non biasimo gli americani, bensi’ buona parte delle decisioni di molti dei loro governi, presenti e passati


  35. […] Odio, rancore, felicità Nella vita di tutti i giorni capita a chiunque di riflettere (anche agli specchi) e proprio dagli spunti di vari blog vorrei esprimere la mia sull’argomento lanciato da pollycoke (tramite lettore) e successivamente rimbalzato su ubuntista. […]

  36. Mangiucugna Says:

    Rispondo al fatto che si possono dettare standard tramite consorzi e non tramite mercato. Potrei far notare come lo standard W3C non è mai stato rispettato fino all’affermarsi di FireFox o di come HD-DVD e BluRay si stanno scannando.
    La verità è che gli standard li impone il mercato.
    Chi riesce a rendere lo standard accessibile a tutti e possibilmente a basso costo impone uno standard universale.
    Pensate all’assembler x86, AMD è costretta a far funzionare i propri processori con standard definiti da Intel, il motivo è che Intel ha imposto il proprio standard in tempi lontani e ora è impensabile riscrivere tutti i compilatori del mondo, ora che anche Apple ha abbandonato Motorola…

  37. dottorjim Says:

    Complimenti, mi trovo perfettamente daccordo con quanto hai scritto. Microsoft ha creato un monopolio, questo è vero, e non sempre con mezzi leciti (e io lo dico per primo), ma ha anche portato un bel pò di innovazione, su questo non si può dire nulla… E penso che anche la comunità Linux qualche vantaggio lo abbia ottenuto, o almeno credo…

    Uso Windows fin dai tempi del 3.1 e mi sono sempre trovato bene, anche se negli ultimi tempi ho provato diverse distribuzioni Linux (tra cui anche Ubuntu, Kubuntu, Mandriva e Knoppix) e MacOS, dal 6 fino all’ultima versione. Ognuno di loro ha i suoi pregi e difetti, inutile negarlo e non si può dire a priori che questo o quel sistema siano i migliori in assoluto.

    Perchè dico questa cosa? Io ho sempre odiato i “fanatici religiosi” di qualunque specie, sopratutto in informatica, e ogni volta che leggo commenti di utenti Linux o Mac del tipo “Micro$oft è il male e Winzozz fà schifo. Con questo sistema (Linux o Mac ndr) lo usi davvero il computer e non impazzisci dietro a virus, intrusioni, ecc. ecc… Winzozz è solo per utonti che non capiscono niente di computer!!!”, beh mi sale anche un pò di rabbia. Innanzitutto dicendo così si dimostra una forte ignoranza, primo perchè Windows se lo si vuole usare BENE e sfruttare appieno delle sue possibilità non è per niente facile come questa gente sostiene, secondo perchè come ho già detto prima nessun OS è meglio dell’altro e terzo non tutti sono o vogliono essere degli esperti per poter usare un computer. La maggior parte delle persone vogliono accendere il pc, scrivere una letterina e navigare un pò in internet, senza sdegnare qualche gioco.

    È ovvio che queste cose le si possono fare sia con Windows che con Linux, ma essendo il primo preinstallato su tutti i computer viene normale continuare ad usare quello piuttosto che altro, e questo è un male secondo me perchè credo che nella vita bisogni provare di tutto (almeno nell’informatica :D ), ma tant’è le cose stanno purtroppo così. Mi da parecchio fastidio essere additato come “ignorante” e “servitore del male” solo perchè uso Windows e non Linux come sistema operativo sulla mia macchina… A queste persone vorrei dire: Usi Linux o Mac? Benissimo, scelta rispettabile, ma non venirmi a dire che io faccio schifo solo perchè non uso il sistema operativo che usi tu!!! Io ho fatto una scelta, così come tu hai fatto la tua, e come io rispetto te tu cerca di fare altrettanto con me!!!

    E per ora concludo quì questa cosa :-)

    Ti chiedo scusa per questo mio sfogo un pò lungo ma ritengo che tu, forte della tua esperienza in campo informatico, sappia capire quello che provo e voglio dire. Windows è pieno di difetti e questo lo so anch’io benissimo, tant’è vero che ogni tanto ci impazzisco dietro per risolvere i vari problemi che capitano, ma continuerò ad usarlo comunque, così come continuerò a provare altre distro Linux e nuovi sistemi operativi che mi capiteranno sotto mano…

    Quello che tu fai nel voler cercare di diffondere e far conoscere a quante più persone possibili Ubuntu è una cosa lodevole e merita tutto il rispetto possibile, anche da parte di chi come me usa il “Sistema del Diavolo” :-)

    Nonostante tutto io sono parecchio ignorante su Linux, non lo so usare bene e lo conosco pochissimo, ma questo dipende da me… Chissà che leggendo le tue (e altre) guide non riesca a entrare un giorno anch’io in quel mondo per me ancora misterioso ma bello.

    Saluti,
    Dottor Jim.


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: