Sicko

14-08-2007

Ieri sera ho visto Sicko (qui il trailer), di Michael Moore, un film che parla del sistema sanitario americano, mettendolo a confronto con quelli pubblici di Canada, UK, Francia.

michael_moore_sicko

Al di là di alcuni passaggi un pochino forzati e “melodrammatici”, il film nel complesso è ben strutturato, anche se ho notato qua e là delle imprecisioni.
Inoltre, non credo che il sistema sanitario americano sia COSI’ messo male, a patto, ovviamente, che la persona bisognosa abbia qualche soldo e una decente assicurazione medica a cui aggrapparsi. Il che non è scontato, per carità.

E’ interessante che Mike abbia donato 12.000 dollari al creatore di un sito che lo critica, per aiutare la moglie a pagarsi delle terapie.

E’ altresì interessante che, tra i sistemi sanitari, quello italiano risulti SECONDO nel MONDO!!!

9 Responses to “Sicko”

  1. anonimo Says:

    il nostro sistema sanitario italiano non sarà eccelso (questo ovviamente non è una scusa sul livello della qualità), ma meglio il nostro, anzichè morire per essere abbandonato se non ho l’assicurazione.

  2. ubuntista Says:

    Ottima segnalazione, Pix.


  3. Nessun sistema sanitario è perfetto, e probabilmente quello perfetto non lo vedremo mai. Quello americano è tra i più lontani dalla perfezione, e nonostante quello che si dica nel documento segnalato da Pix, la riflessione su questa mancanza di perfezione non ha (finora) prodotto alcun risultato se non il peggioramento della situazione (vedi la riforma sul MediCare e sul MedicAid dell’attuale amministrazione).
    In particolare, spesso le statistiche comprendono in una visione unitaria sia i dati delle strutture private sia di quelle pubbliche. Se si analizzassero solo queste ultime, la sanità statunitense apparirebbe ancora peggiore di quanto non sia già.

    Per quanto riguarda l’Italia, il dato della sua seconda posizione nella classifca dell’OMS va appaiato ad un’altra statistica (sempre dell’OMS) sul rapporto costi/risultati, nella quale l’Italia è diciannovesima. Traduzione: l’Italia ha un ottimo sistema sanitario, ma spende troppo per mantenerlo a questi livelli. E vi assicuro che di sprechi nella sanità ce ne sono ovunque, e di clamorosi.

  4. ubuntista Says:

    Andrea: concordo, concordo, e concordo. :-)

  5. arwenh Says:

    il nostro sistema sanitario avrà delle carenze, ma ci credo che è il secondo se non il migliore al mondo! Il motivo fondamentale è che si dà assistenza (anche se non sempre di elevata qualità) a TUTTI, cittadini e non. Qualsiasi cosa ti succeda, saiche puoi andare in ospedale e trovare un aiuto. E’ una bella garanzia! Io lavoro in un istituto pieno di starnieri da tutto il mondo, e non ce n’è uno che si sia stupito della facilità con cui gli è stata fornita assistenza medica. Quello di cui si lamentano è l’eccessivo costo dei farmaci (ma quello si sa.. le farmacie sono come il cartello di Tijuana).
    Sulla questione sprechi e costi.. prurtroppo se si dà assistenza a tutti, anche a chi non paga le tasse (…) inevitabilmente si va in rosso. E noi ci andiamo di più perchè le strutture sanitarie spesso vanno in mano a gente sbagliata… chiudo perchè mi viene da fare nomi ma è meglio che sto zitta.

  6. allanon Says:

    a me non pare che in italia l’assistenza sanitaria sia per tutti(certe malattie rare sono interamente a carico dei malati), e non mi pare sia gratuito.

    La tessera sanitaria italiana si paga profumatamente tramite tasse. Pero di contro non ci sono i servizi del sistema sanitario americano.


  7. @ allanon: in Italia l’assistenza sanitaria è garantita dalla costituzione a tutti, dove tutti significa qualsiasi individuo, anche se non è italiano. Non vedo come sia possibile che “certe malattie rare siano a carico dei malati”. Forse ti riferisci ai farmaci per curarle, ma se il malato non è autosufficiente (cioè guadagna meno di una certa cifra) essi vengono pagati dal SSN.

    Il SSN si paga profumatamente, certo, come si pagano profumatamente strade, scuole, aeroporti, polizia, esercito, università, e così via. Non vedo dove sia lo scandalo.

    Riguardo ai servizi del sistema sanitario americano: no, no ce li abbiamo. Per fortuna. :-)

  8. finferflu Says:

    Concordo con Andrea, punto per punto :D


I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: