Phoronix intervista Mark Shuttleworth

31-05-2007

Oggi è un giorno ricco di succose novità per Ubuntu!

Inizio con una sintesi della intervista di Phoronix a Mark Shuttleworth, di ben 5 pagine, su Dell, hardware, Ubuntu 7.10, e altro.
(Ma come? Non sapete ancora chi è Mark Shuttleworth? Dai…)

mark_shuttleworth
Dopo la solita introduzione (venduta Thawte per oltre 500 milioni di dollari, primo africano nello spazio, fondatore di HBD Capital, che finanzia progetti Open in Africa), l’intervista entra nel vivo.
Mark si toglie un sassolino dalla scarpa, riprendendo il discorso di Novell e del suo invito ai suoi sviluppatori di unirsi ad Ubuntu, invito che all’epoca fece scalpore ma che oggi, alla luce del discorso brevetti, appare ben più razionale e giusto.

Si passa poi a Feisty Fawn (Ubuntu 7.04), per la quale Mark individua nel “migration tool” per Windows e nell’installazione facile dei codec le due “feature” più interessanti.

Mark poi ammette che per i videogames la strada da fare è ancora tanta, e non ci sono novità di rilievo in arrivo.

Per ciò che riguarda i “binary drivers” (driver per periferiche funzionanti, ma a codice chiuso), secondo Mark si cominciano a vedere interessanti novità, anche se una seria politica di apertura dei codici ancora non si intravede.

Verso la fine, Mark si sposta sul “filosofico” in maniera eccentrica ma piacevole, con due frasi che condivido (mia libera traduzione):

1. Di tutti i tuoi successi finora, qual è il più significativo?
Non essermi ancora sposato.

2. Cosa suggerisci alle persone che vivono in una era tecnologica come questa?
Fai ciò che ti eccita e ti coinvolge, perchè occuparti di una cosa che ti appassiona ti fa ottenere risultati decisamente migliore che negli altri casi.

Bella intervista. Bravo Mark :-)

Annunci

2 Responses to “Phoronix intervista Mark Shuttleworth”


  1. Ormai l’unico,vero, grande, irrisolto problema di Linux sono i videogiochi. Sono la vera killer application. Il fatto che non ci siano novità di rilievo è una brutta notizia.
    Se non si riesce a fare qualcosa in questa direzione, sarà difficile spostare le masse popolari dal nostro lato, e risolvere il Bug #1.

  2. ubuntista Says:

    Si infatti… i videogiochi TRAINANO il mercato dei PC.


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: