[off-topic] Piangere, sperando in un futuro migliore

18-05-2007

Off-topic.

Ho visto questo video riguardante lo scandalo della pedofilia dei preti cattolici. E’ un documentario della BBC, datato 2006, mai trasmesso in Italia. E’ in inglese, ma sottotitolato in italiano.

Sono circa 40 minuti di filmato, e tra il 26° e il 30° minuto mi sono scoperto a PIANGERE. Non mi vergogno di scriverlo qui, nè di condividere una cosa tanto intima con molti sconosciuti, e qualche amico: in questo caso, sono FELICE di riuscire a piangere per una cosa del genere.

Abbiamo tutti “da fare”, nella vita, ogni giorno. So che non tutti hanno la pazienza di vedersi un video di 40 minuti. Io credo sia illuminante. E ve lo consiglio.

Tutto questo può sembrare off-topic, ma forse non lo è.

Se mi piace Ubuntu, se mi piace la libertà, è anche perchè sogno un mondo migliore, e a volte riesco a dare un piccolo microscopico contributo. Credo che le informazioni possano costituire una grande libertà, e un grande passo avanti per la dignità di ogni individuo. In parte, anche Ubuntu può fare questo.
Come?

C’è qualcosa di SANO che si annida in Ubuntu. Lo sento. E’ qualcosa che si contrappone a chi censura, a chi controlla, a chi soggioga. Non tutto è sano, come nel caso della Chiesa non tutto è malato.
Spero solo di aver ragione, e che Ubuntu serva a qualcosa. E spero che darà spazio a tutti quelli che riescono a rendere ogni giorno il mondo un po’ migliore di ieri.
Suona molto “politico” e “demagogico”, ma vi assicuro che credo a ciò che ho detto.

Se potete, diffondete. Senza demonizzare tutta la Chiesa. Facendolo in maniera corretta. Non oso pensare a come si possono sentire le vittime di certe ATROCITA’.

Annunci

20 Responses to “[off-topic] Piangere, sperando in un futuro migliore”

  1. un Fesso Says:

    anche io la penso come te, anche io penso che Ubuntu contribuisca ad un mondo migliore, anche io voglio contribuire ad un mondo migliore, anche io … sono un sognatore.

  2. hronir Says:

    Dici “senza demonizzare tutta la Chiesa”.
    Sai cosa ti dico? Che bisognerebbe demonizzare l’informazione in italia! La cosa che fa piu’ scandalo (senza voler assolutamente minimizzare la gravita’ dei fatti di cui si parla) e’ che abbiamo dovuto aspettare quasi un anno dalla pubblicazione dell’inchiesta della BBC (della BBC, capito? mica di tele-paesino-sperduto!) e comunque siamo venuti a conoscenza della cosa solo grazie a – dio la benedica! – internet!
    E ancora adesso, corriere.it non ha minimamente citato la notizia e repubblica.it gia’ non visualizza piu’ il link alla pagina in cui ieri citava il caso del “successo del video su google”…
    Bleah…

  3. ubuntista Says:

    Dico “non demonizzare la chiesa” perchè non TUTTI sono corrotti, pedofili o “mafiosi”. Si tratta di una organizzazione fatta di persone, e quindi se ne trovano di belle e di brutte.

    Personalmente, ho in mente almeno due persone “ecclesiastiche” che ritengo nobili, generose, oneste, brillanti, positive.
    E ovviamente ne ho in mente almeno un altro paio che invece… :-)

  4. hronir Says:

    Certo, certo, ci mancherebbe, non volevo criticare la tua affermazione, solo sottolineare l’altro aspetto della questione, quello dell’informazione in italia…

  5. credo Says:

    Ti seguo da un po’ tramite feed e utilizzo ubuntu da poco prima :)
    Avevo visto il filmato, non tutto, un paio di giorni fa e mi aveva molto colpito.
    Il fatto è grave e non va nascosto ma sicuramente dare risonanza ad una cosa del genere non può che contribuire a peggiorare la situazione critica in cui ci troviamo.
    Sono un Cattolico convinto, di quelli che al sabato sera coinvolgono i ragazzi del centro città in incontri di preghiera pensati per i giovani, la Chiesa mi sta a cuore, ha fatto molti sbagli in passato e sempre ne farà, ma prima di tutto credo in Gesù Cristo che avrà compassione per le vittime di quelle atrocità.
    Per situazione critica intendo di continuo indice puntato contro qualsiasi cosa detta o fatta nel mondo cattolico.
    Ringrazio ogni giorno il Signore per le meraviglie che ha compiuto nella mia vita!

  6. ubuntista Says:

    @ hronir: ok

    @ credo:
    intervengo io, prima che qualche troll si scateni contro di te!
    Sono felice che tu ti impegni in cose che potrebbero essere definite “positive”, e infatti, come già scritto, non demonizzo TUTTA la chiesa, nè tantomeno i cattolici.

    Purtroppo non concordo con ciò che dici riguardo al “dare risonanza peggiora le cose”.
    Sono convinto dell’esatto opposto!

    Continua a fare ciò in cui credi, e tieni gli occhi aperti come dovrebbero fare tutti. Non è facile, per un cattolico convinto come te, convivere con “scandali” di questo tipo… tuttavia, che cosa rispondiamo ai bambini? Che non dobbiamo “dare risonanza”?
    Capisci cosa intendo dire?

    A presto! :-)


  7. […] abbraccio (virtuale) a lui, e condivido la sua […]

  8. un altro Fesso Says:

    Parlare della religione perché ci si crede, che volete che vi dica, bravi, fate del bene se ci riuscite. Magari si potrebbe parlare di religione dal punto di vista scientifico, storico, sociale, psicologico, giuridico etcc, questo avrebbe un senso e ci sarebbe una discussione e una dialettica.
    Finché uno si trincera dietro cose come “io credo in questo, tu in quell’altra cosa, siamo liberi di vederla come vogliamo”, ma come fai a parlare con uno così? gli dici bravo, continua così, speri di non averlo ferito con i tuoi discorsi e lo lasci nelle sue convinzioni.
    Ci sono degli UOMINI privati della loro natura, come i preti e affini, è logico che in qualche modo si debbano sfogare, se non possono legalmente lo faranno altrimenti, non sono criminali, tutti farebbero la stessa cosa o soffrirebbero tantissimo nel non farla, in modo a nell’altro starebbero male e trasgredirebbero qualcosa. Con il sesso ci nasciamo, è come non voler ammettere l’utilità di una gamba o un braccio e far finta di non averli, pazzesco.
    Non ce l’ho con nessuno, sia chiaro, spero che gli uomini di buona volontà si uniscano per un futuro migliore, per tutti.

  9. gaffiere Says:

    @un altro fesso:
    UOMINI privati della loro natura? guarda che nessuno li obbliga a fare i preti. e questo non giustifica NESSUNO a compiere gli atti che sono stati commessi: nefandezze del genere non possono essere celate, è un crimine contro le stesse vittime. Chi sbaglia paga e in quanto UOMINI (come dici tu) pagano come chiunque altro. stop. Un prete non è diverso da me o te. un Prete è una persona che crede in qualcosa e fà un determinato lavoro. l’ha scelto e soprattutto sapeva benissimo a che cosa rinunciava. la Chiesa stessa dovrebbe espellere costoro e consegnarli alla giustizia degli uomini. per quella di Dio c’è tempo.
    “E’ logico che si debbano sfogare” e “non sono dei criminali” O_O scusa la franchezza ma hai letto cosa hai scritto? Ti senti bene? O l’essere umano è una bestia che non sà controllare le proprie pulsioni? sono senza parole.
    Anzi scusa una cosa correggi la mia frase di sopra: io spero di essere diverso da te.
    Gaffiere

  10. credo Says:

    Per me la fede è una cosa importante come lo è la verità!
    Sul fatto di non dare risonanza non intendevo dire di nascondere il fatto ma che ogni qual volta succeda qualcosa in ambito cattolico si è subito pronti a dare addosso alla Chiesa in modo incondizionato quasi obbligasse tutti a seguire i propri precetti, quando sappiamo bene che il mondo va verso l’opposto.
    Se Lapo Elkan fa quello che gli pare con una persona riempie le pagine dei giornali e poi viene classificato il tutto come una ragazzata.
    Se un religioso ne combina una, tutto quanto diventa “la chiesa ne fa di peggio”.
    Il fatto è che per un prete pedofilo ne rimette gran parte della chiesa, per un insegnante pedofilo a scuola ci si continua ad andare.
    Non mi sento offeso, mi sento libero di esprimere il mio credo, grazie.
    Mi piacerebbe trasmettere a voi la gioia di vivere nel Signore.
    Notte.

  11. gaffiere Says:

    @credo il tutto IMHO

    Che per preti pedofili ne faccia spese tutta la Chiesa è sbagliato. La Chiesa è formata da UOMINI, anche di buona volontà e belle persone. Ma è altrettanto sbagliato che la Chiesa abbia tentato di “coprire” queste cose piuttosto che prendere SERI provvedimenti: scomunica e consegna alla giustizia.
    Se c’è un insegnante pedofilo sbaglia, viene si o no consegnato alla giustizia? è per questo che si continua ad andare a scuola. Se i colleghi lo coprono e lo spostano non sono suoi complici? secondo te la gente manderebbe ancora i propri figli in quella scuola?

    e per la cronaca CREDO che Gesù Cristo fosse un rivoluzionario da imitare! figlio di Dio e figlio dell’uomo: che ha cambiato il mondo, denunciando cio’ che di marcio c’era, riportando l’esperienza spirituale a qualcosa di più puro e bello, piuttosto che un tempio pieno di mercanti.

  12. woden Says:

    La cosa grave del filmato in questione (che io ho girato come link a circa 100 amici che ho in lista) è che alla atrocità e mostruosità della violenza perpetrata a questi poveri bimbi si aggiunge l’omertà mafiosa di una cosiddetta chiesa universale (cattolica appunto).
    La circolare Crimen Sollicitationis di Ratzinger è veramente inaccettabile, mostruosa, rivoltante.
    Questo non vuol dire criminalizzare un intera comunità di persone, ma singoli atti mostruosi e una omertà e mancanza di volontà di difendere i bambini e punire i criminali che è assolutamente inaccettabile se riferita a una istituzione che si dice “morale e spirituale” come la chiesa cattolica.
    Io comunque a maggior ragione non farò frequentare ai miei figli suore e preti, visto che NON MI DIRANNO NULLA qualunque crimine succeda tra le mura “sacre” dei loro luoghi “gioco ed educazione” e facendo di tutto per nasconderci la verità e impedirci di proteggerli e crescerli in modo sano.
    Mi spiace ma se un uomo o una donna di chiesa accetta quelle sollecitazioni non può nemmeno avvicinarsi ad un bambino senza essere toccati dal più terribile dei sospetti.

  13. slystone Says:

    Tenendo i piedi per terra.. vorrei fare notare che cercando in rete ci sono anche delle smentite riguardo il documentario. Tipo questa:

    “Sulla homepage di Repubblica oggi appare un articolo che fa riferimento ad un documentario della BBC sulle tristissime vicende di abusi sessuali perpetuati da alcuni preti omossessuali irlandesi in Irlanda e negli USA.
    Il documentario aveva suscitato ampie proteste quando fu trasmesso in TV perche’ pieno di affermazioni sensazionalistiche e allusioni non documentate.

    Nell’articolo di Repubblica si fa riferimento al Crimen Sollicitationis un documento ‘segreto’ (in realta’ per nulla segreto visto che era pubblicato sull’Acta Apostolicae Sedis) del 1962 e afferma, falsamente, che ‘garante dell’applicazione di quelle direttive fu Benedetto XVI, all’epoca dei fatti ancora cardinale Joseph Ratzinger’. Affermazione due volte falsa sia perche’ nel 1962 non era parte del Sant’Uffizio ma semplicemente uno dei maggiori teologi progressisti cattolici, ne’ tantomeno era cardinale (fu fatto vescovo 15 anni dopo).

    Vivendo in Irlanda, ho potuto seguire la triste e tragica vicenda. Questo genere di crimini non merita nessuna giustificazione, ne’ si puo’ minimizzare. Alcuni vescovi nel passato hanno taciuto o coperto il comportamento di alcuni dei loro preti e la Chiesa irlandese sta ancora pagando e soffrendo per questi errori.
    Detto questo, la falsita’ non giova a nessuno e l’articolo di Repubblica contiene falsita’.”

  14. woden Says:

    qui da noi dalla sera alla mattina hanno spostato il parroco
    nessuno sa perchè, nessuno sa dove
    è arrivato uno nuovo e su richiesta di chiarimenti risposte vaghe
    evviva la trasparenza!
    ma io nn mi fido di stà gentaglia da metodi mafiosi

  15. slystone Says:

    Altrimenti, con toni piu’ aspri c’e’ l’immancabile risposta dell’Avvenire.. (che ha però il merito di contestualizzare il documento, spiegando gli errori in malafede della BBC)

    http://tinyurl.com/2bxc8r

    PS: non vorrei che ne uscisse che io son qui a difendere il papa o chissà chi. Io penso solo che se si deve ragionare, meglio farlo informandosi prima e ascoltando qualche campana in più (ricordate il docu-fiction di Deaglio? SIC!!).

  16. gaffiere Says:

    ok per fare un po’ di chiarezza, ecco l’altra campana:
    http://www.db.avvenire.it/avvenire/edizione_2007_05_19/articolo_755996.html

    prendiamo per buono che il filmato sia un triste attacco montato, i fatti fanno però sorgere una domanda: un prete che commette reato contro minore, a quale giustizia deve rispondere? Vaticano o Stato?
    da quanto ho capito secondo il documento in questione direttamente al massimo organo vaticano.

    la verità come al solito và cercata.
    Gaffiere

  17. ubuntista Says:

    Spiacente, ma un prete che fa il pedofilo va giudicato da un tribunale di stato. E chi lo protegge è omertoso.
    Da questa mia semplice convinzione scaturisce una severa critica a ciò che la Chiesa ha nascosto.

    Come già detto, non facciamo di tutta l’erba un fascio, ci sono anche cose positive all’interno della Chiesa.

    Questa, però, non è positiva affatto.

  18. Vaticano boy Says:

    che tristezza vedere chi difende queste azioni…

  19. Siamo Tutti Fessi? Says:

    Volevo solo dire che gesù non esiste storicamente, esiste nella selezione di testi, tra centinaia, che chiamiamo vangeli. Ora se volete prendere per storia i vangeli, prendiamo per storia anche altri testi dell’epoca ritenuti invece mitologici o letterari.
    Se qualcuno ha delle prove dell’esistenza storica di gesù può anche postarle, se non lo sa il monarca del vaticano …
    Sul documentario ho trovato interessante questo commento:
    http://www.uaar.it/news/2007/05/21/e-falso/
    Spero che i credenti ragionino, per una volta, invece di credere sempre a tutto.


  20. […] abbraccio (virtuale) a lui, e condivido la sua […]


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: