Leggevo questa recensione sulla installazione ed utilizzo di Feisty Fawn (Ubuntu 7.04) in un laptop HP. Uno dei commentatori arguiva intelligentemente che “un utente normale non deve mica installare Windows”, sottolineando come la maggior parte delle difficoltà incontrate dipendessero dalla necessità di installarsi Linux.

La mia riflessione è quindi questa: la maggiore difficoltà nella diffusione di Linux sembra essere la necessità di doverlo installare.

Se avessi TANTO tempo, creerei un sito che raccoglie le copie esatte degli hard disk dei portatili più diffusi con Ubuntu preinstallato. Un utente normale scaricherebbe la ISO, la masterizzerebbe, e avvierebbe il processo di copia dei dati sul proprio hard disk. Certo, bisognerebbe perderci un pochino di tempo (per esempio, sul partizionamento), però sarebbe perfetto. E chi crea l’immagine potrebbe incassare, che so, 5 euro ad ogni download.

Sarebbe perfetto.

Annunci