Novell-Dell, l’accordo su PC Linux

01-04-2007

[Update 2 aprile 2007, ore 17:10 – BELLISSIMO PESCE DI APRILE]

Tranquilla domenica, tra letto, divano, e qualche cazzeggio al PC… poi la mia rete televisiva preferita (che guardo su Internet, ovviamente, grazie al mio account di beta tester di Joost) riporta alle 20:15 ora italiana una intervista di Kevin Kettler (eccolo qui con la faccia da simpaticone) durante un incontro a Toronto, in cui il CTO di Dell riporta ufficialmente che:
“Dopo Ideastorm, abbiamo cercato un partner tecnologico all’altezza, e la nostra scelta è ricaduta su un nome di eccellenza. Nei prossimi giorni sveleremo i particolari.”
Beh, fin qui, tutto misterioso, salvo poi una domanda a trabocchetto del geniale intervistatore (anzi, intervistatrice, e pure carina):
“Userete OpenSuSE, o una versione di SuSE a pagamento?”
Kevin risponde tranquillamente, senza sbilanciarsi nè sorprendersi:
“OpenSuSE non è adatta per via del supporto commerciale mancante, la cosa migliore è… Beh… Intendo…”
Attimi di panico, poi Kevin cerca di riacchiapparsi:
“Ripeto, ancora non abbiamo… Ehm, non possiamo svelare i dettagli del nostro futuro partner.”
Sarà una coincidenza, ma al suo fianco, a circa due metri di distanza, Orlando Ayala, che si occupa di “Emerging Segments Market Development Group” per Microsoft… Io l’ho riconosciuto, ma non tutti ci sarebbero riusciti.
A me non servono altre risposte… e a voi?

Ora, nel mio precedente post mi ero inventato un dialogo tra Steve Ballmer e Michael Dell, ma effettivamente mi sembra di capire che Dell e Novell hanno stretto l’accordo, e Microsoft ci ha messo il suo zampino.

Tempi duri, signori… Per chi pensava che Ideastorm fosse un modo per aiutare Linux… Beh… Sta aiutando il Linux sbagliato: quello chiuso, ottuso e costoso di Novell.

Ora spero solo che Mister Ubuntu e Sun Microsystems tireranno fuori un contrattacco degno di nota. Incrocio le dita.

Che delusione.

Annunci

9 Responses to “Novell-Dell, l’accordo su PC Linux”

  1. Trinità Says:

    Il dubbio è…un pesce d’aprile o no?

    Oggi non ci capisco più niente :D

  2. giovix Says:

    se non è un pesce d’aprile….è anche chiaro che doveva finire così, microsoft è un gigante in grado di orientare tutte le scelte di mercato…compresi anche i partner commerciali, quindi era chiaro che ubuntu ed altri non avevano alcuna chance di vincere, dell venderà pc con suse linux preinstallato che è ormai l’alleato di ferro di microsoft, il cavallo di troia per scompaginare il mondo linux….
    Speriamo che anche altri capiscano che aria tira e comincino una politica di alleanze per tenere botta all’ameba gigante :)

    ciao e buon ubuntu a tutti!!!

  3. mattions Says:

    uh…
    stress++

  4. Raideiin Says:

    Seppur con un po’ d’amarezza in bocca, questa notizia mi rende comunque contento perchè avere linux sui dell ci permetterà comunque di poter comprare computer senza windows…. e su suse si può sempre installarci ubuntu. Il problema vero è che i prezzi caleranno solo in parte, dato che novell suse anche se meno di M$ Windoze, costa pur sempre una discreta cifra. Inoltre mi preoccupa il fatto che certe componenti dei dell “non del tutto aperte” otterranno driver chiusi in formato .rpm, il che significa che i dell potrebbero non funzionare correttamente al 100% con altre distribuzioni. Speriamo di sbagliarci e che Dell effettivamente decida di supportare una o più distribuzioni. Naturalmente caldeggio per ubuntu, ma mi basterebbe che ad affiancare SuSE ci fosse una qualsiasi debian-based. In questo modo entrambe i mondi “deb” e “rpm” otterrebbero un valido rappresentante.

    Speriamo che Dell non sia davvero così ottusa.

  5. Andy Says:

    Ciao Simone,
    come sai io vivo a Vancouver, e qui in Canada possiamo ordinare qualsiasi trasmissione canadese… io però non l’ho trovata… mi dai qualche indizio?

  6. Andy Says:

    Come non detto… faceva parte dei contenuti premium.
    Hai interpretato bene, anche secondo me si sono scoperti.

  7. andrea Says:

    Ciao Simone,
    sei veramente un figo tra le ragazze spagnole,
    lo hai distrutto a Bill Gates col tuo umorismo tagliente, mitico, senti non è che mi potresti far avere l’invito per testare Joost??
    Grazie mille
    andrea mariq.

  8. Ubuntista Says:

    Ciao!
    L’invito a Joost lo danno solo loro… spiacente!

  9. netjack Says:

    Ciao Simone, perdona l’ OT ma come fai ad usare joost con linux? Se ti fosse possibile mandarmi qualche dritta anche via mail te ne sarei grato.

    Un saluto a tutti


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: