30 giorni con Linux

06-03-2007

Stufi dei requisiti hardware di Windows Vista? Dei costi elevati? Dei casini immani dovuti alle attivazioni, eccetera?
Dal solito utilissimo Slashdot, prendo spunto per segnalarvi questo: 30 giorni con Linux.
Prendendo spunto dalla serie TV “30 days“, quelli di HardwareOCP si sono cimentati in un 30 giorni SOLO con Linux Ubuntu (quindi, con Gnome, con pace di Linus Torvalds che preferisce di gran lunga KDE), in versione 6.10.

Noto che il tester ha usato anche Automatix2, che ormai ha un altro passo rispetto a EasyUbuntu.
L’articolo, lunghissimo ma ben scritto ed equilibrato, tratta di molteplici argomenti, incluso l’utilizzo di stampanti prendendo spunto dall’ottimo LinuxPrinting.org.

Come giudizio finale, l’autore apprezza moltissimo Ubuntu, e si lamenta solo del supporto ai giochi, o della “sporcizia” della versione a 64 bit.
Niente male.

A questo punto, mi balena in mente una idea: non è forse questo il momento migliore per convincere gli utenti a passare ad Ubuntu, invece che a Vista?
Bisognerebbe fare qualcosa… Qualcosa di organizzato, di sistematico, di collaborativo, a livello nazionale ed internazionale… ora ci penso. Il tempo per realizzare è il solito problema.

Infine, vi segnalo altri articoletti interessanti:
“Linux Truths, Half-Truths, and Myths”
http://blogcritics.org/archives/2007/03/05/161203.php

“Ubuntu 7.04 preview”
http://www.masuran.org/2007/03/05/ubuntu-704-preview

A presto!

Annunci

7 Responses to “30 giorni con Linux”

  1. lollolo Says:

    Ma non esistono emulatori per ovviare a questo problema?
    Perfavore passatemi l’ignoranza ^^’

  2. Davide Says:

    Sta partendo il progetto Linux4DMasses che dovrebbe fornire supporto a chi vuole fare lo switch, ma non credo ci siano campagne informative per convincere chi non si è già convinto per conto proprio: per ora tutto ciò è lasciato in gran parte al proselitismo personale, o sbaglio? Ciao.

  3. jest3r Says:

    peccato che per un gamer serio il passaggio sia impossbile al momento :|

  4. Luca Dod3 Says:

    io proprio per il terrore dell’arrivo di Vista sul mio pc (che tanto “mio” non è) ho intenzione quest’estate di passare a linux, lasciando 10 gb a Windows e tenendomi gli altri x Ubuntu e i dati. Speriamo ben -.^
    In ogni caso spargerò la voce, l’ignoranza è tanta, e io sono uno dei primi ignoranti.

  5. mauro Says:

    >non è forse questo il momento migliore per convincere gli >utenti a passare ad Ubuntu, invece che a Vista?

    …certo, Simone, e grazie per la tua attivita’.

    Io dal mio canto sto diffondendo questa bellissima pagina:
    http://www.whylinuxisbetter.net/index_it.php

    Credo che al momento sia l’approccio migliore per presentare linux, specialmente a tutti coloro che non sanno ancora che cosa si stanno perdendo rimanendo attaccati al carrozzone della microsoft.

    Un’altra attivita’ che svolgo, oltre che ad utilizzare ubuntu da settembre sia a casa che al lavoro (sono medico), produco vignette pro-linux che pubblico sulla home page di margherita (www.margheritaonline.it), oltre che sul mio sito, che ho indicato tra i dati richiesti per postare questo commento.

    Buon lavoro :-)

    mauro pecchioli
    linux user 441564

  6. elias Says:

    sono d’accordissimo! Penso proprio che questo sia il periodo migliore… molti si chiedono com’è vi$ta, sono curiosi di sapere se vale la pensa di cambiare (lo interpreto come “disposti al cambiamento” verso qualcosa di diverso dal solito windows xp). Se solo ci fosse la possibilità di organizzare “giornate ubuntu” in ogni città italiana (all’estero lo fanno), con manifesti e locandine… forse sogno un po’, ma credo proprio che questo sarebbe il periodo migliore. Anche perché non si può far nulla di fronte agli spot televisivi di YouKnowWho… io nel mio piccolo cerco di persuadere i miei amici uno a uno, ma non credo che basti. Chissà se in Canonical c’è qualcuno che si occupa di questo genere di marketing e possa fornire supporto organizzativo…

  7. Treviño Says:

    Ma… Se si dicesse di acquistare un inserzione pubblicitaria tutti insieme in un quotidiano nazionale?

    Non ho idea di quanto verrebbe a costare, ma se si facesse tutti insieme…


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: