Se volete rilassarvi cinque minuti… eccovi accontentati!
Vi segnalo un bell’articoletto su Virtualbox, un altro riguardante Inkscape, e infine… Vista: Se lo conosci, lo eviti!

Annunci

Link ubuntisti

05-02-2007

Ciao, eccovi qualche buon link su cui riflettere:

http://www.ossblog.it
http://pollycoke.wordpress.com
http://netjack.wordpress.com
http://lateralthinking.wordpress.com
http://aldolat.altervista.org
http://gandalfn.wordpress.com
http://www.malex.org
http://macslow.thepimp.net
http://osrevolution.wordpress.com
http://3v1n0.tuxfamily.org/blog
http://aseigo.blogspot.com
http://linuxhelp.blogspot.com
http://ferraro.wordpress.com
http://garret.wordpress.com
http://freedreamer.rebeluca.it
http://divilinux.wordpress.com
http://paper0k.wordpress.com

e ovviamente:
http://www.ubuntista.it

Aggiunte successive:
http://adoldo.wordpress.com
http://maurolinux.wordpress.com
http://tuxmind.altervista.org

KVM (Kernel-based Virtual Machine) (vedi wikipedia, sourceforge, il loro wiki o qumranet) è stato incluso da poco in Ubuntu 7.04 Feisty Fawn: si tratta di una soluzione completa di virtualizzazione per Linux su hardware x86 che supporti la cosiddetta Virtualization Technology.
KVM consiste in un modulo kernel caricabile (kvm.ko), che è apparso nel kernel 2.6.20, e un componente in userspace, entrambi open source.
KVM aggiunge un device, /dev/kvm, che fornisce una virtualizzazione utilizzabile dai processi, che possono così far girare una Virtual Machine in un PC completamente virtualizzato (hard disk, schede di rete, processore, eccetera).
Rispetto ai due soliti modi di esecuzione disponibili in Linux, ovvero Kernel e User, con KVM si aggiunge anche il modo “guest”.
Visto dall’alto, KVM permette di far girare macchine virtuali usando immagini disco contenenti sistemi operativi. Ogni macchina virtuale usa privatamente il proprio hardware virtualizzato (come già detto, il VERO hardware deve supportare la Virtualization Technology).
KVM è piuttosto stabile, e raggiunge prestazioni più che buone. Per applicazioni server è però consigliabile una versione ottimizzata della MMU, attualmente in fase di sviluppo.

Io penso che KVM porterà tutta una serie di ottime novità a livello business. Staremo a vedere.